ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Terza serata del Triduo in preparazione al Transito 2016 02 Ott 2016

Dammi carità perfetta

Terza tappa del triduo intitolato “Dammi fede diritta, speranza certa, carità perfetta”, in preparazione alla SOLENNITÀ di SAN FRANCESCO. La celebrazione è stata presieduta da padre Matteo Siro, ministro provinciale dei frati cappuccini dell’Umbria.

Con l’aiuto dei brani tratti dalla Prima lettera di Giovanni e dal Commento al Padre Nostro ci ha fatto riflettere sulla “carità perfetta” che Francesco tanto desiderava dal Padre delle Misericordie.

È bello fratelli e sorelle terminare il triduo chiedendo al Signore, come Francesco, il dono della carità perfetta, l’essenza di Dio. Virtù che già ci fa gustare l’eternità, che ci attende perché già nostra, come Gesù ci ha promesso. Così potremo sentirci già con un piede in paradiso con Francesco, colorando di cielo la nostra vita terrena.

Viene da domandarsi: come mai il Signore ha voluto immergerci nell’amore?

Perché l’uomo ama e raggiunge la sua pienezza solo attraverso l’amore?

Se pensiamo alla nostra esistenza, con le sue gioie e i suoi dolori, e ci guardiamo attorno, comprendiamo facilmente quale ruolo importante abbiamo gli affetti occupino.

Nella fede troviamo la risposta.

Dio è amore, da non confondere con “l’amore è Dio”, equivoco che capita quando al centro della nostra vita non c’è Dio ma il desiderio di felicità, che diventa il nostro Dio (o idolo).

L’amore è una persona, non è un sentimento, è la centrale della carità perfetta (San Giovanni), da dove parte tutto quello che umanamente viviamo.

Donandoci il Suo Figlio Dio ci ha dimostrato che Lui è Amore.

In Gesù c’è tutto l’amore che poteva dirci, che poteva donarci.

Francesco, con audacia, a san Damiano, davanti al crocifisso, chiede questo amore al Padre.

Il giovane assisano capisce che Dio non ci ha amato secondo le nostre possibilità di comprensione ma oltre misura, per intero, non risparmiando nulla di sé.

La stessa cosa che continua ad avvenire ogni volta che attraverso il sacramento della riconciliazione Dio non ci dona un perdono a misura dei nostri peccati, ma ci ricrea, facendoci uomini nuovi.

Di fronte a questo amore che possiamo fare?

Rimanere in Lui è la prima cosa, inserendoci in questa dinamica di dono costante che muove la Trinità.

Se entriamo in questa ottica di dono – quella del crocifisso – allora il “nostro” amore può diventare eterno, facendoci raggiungere il Figlio. E così possiamo donarlo ai tanti fratelli assetati di Dio che incontriamo ogni giorno. Un amore che ci lancia verso i fratelli, con tutte le nostre forze, energie, e mettendoci a disposizione l’uno dell’altro senza riserve, con la Sua forza, la Sua costanza e la Sua pazienza.

Solo attraverso la trasparenza, la concretezza – perché non si amano le idee – e la gratuità la nostra carità parla della Sua, capace di rischiare e di pagare di persona, fino alla fine.

Che il Signore ci doni di comprendere che siamo chiamati a diventare persone che sanno non accontentarsi del proprio amore. Uomini e donne che si lasciano plasmare dalla Vita, affinché i nostri gesti diventino sempre più riflesso dei Suoi passaggi benedetti.



Matteo Siro Porziuncola San Francesco Triduo

Articoli correlati

19 Apr 2024

«Creare casa» (Christus vivit, 217)

61ª Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni
18 Apr 2024

Assisi: un gol da 1 milione e mezzo di euro per il campanile!

Vanno eseguiti alcuni improcrastinabili lavori al campanile della Basilica di Santa Maria degli Angeli. “Mettiamo in sicurezza un simbolo dell’Italia”, afferma il Commissario straordinario, Guido Castelli
10 Apr 2024

Corso “Dove sei?” per uomini e donne single dal 24 al 27 MAGGIO 2024

Un percorso triennale sui tre Sacramenti della Iniziazione Cristiana
31 Mar 2024

Questa è la vera Pasqua

Terzo giorno ovvero Veglia pasquale e Domenica di Risurrezione
30 Mar 2024

Con ingiusta condanna fu tolto di mezzo

Seconda giornata del Triduo Pasquale: Via Crucis, Passio Domini e Processione del Cristo morto
29 Mar 2024

Amore senza data di scadenza

Prima giornata del Triduo Pasquale: Messa in coena Domini e Reposizione
18 Apr 2024

Assisi: un gol da 1 milione e mezzo di euro per il campanile!

Vanno eseguiti alcuni improcrastinabili lavori al campanile della Basilica degli Angeli. “Mettiamo in sicurezza un simbolo dell’Italia”, afferma il Commissario straordinario, Guido Castelli



  • 11 Apr 2024

    Pregò e disse: Ave Maria

    Presentazione a Stroncone di quella che si ritiene essere, al momento, la più antica versione dell'Ave Maria: risale al Trecento