LUNEDÌ della XXVIII sett. del T.O. Feria (verde)
lunedì, 14 ottobre 2019
Alla scuola dei Fioretti di San Francesco 08 Apr 2019

Di frate Bernardo di Quintavalle primo compagno di santo Francesco

Il primo compagno di santo Francesco si fu frate Bernardo d’Ascesi, il quale si convertì a questo modo: che essendo Francesco ancora in abito secolare, benché già esso avesse disprezzato il mondo, e andando tutto dispetto e mortificato per la penitenza, intanto che da molti era reputato stolto, e come pazzo era schernito e scacciato con pietre e con fastidio fangoso dalli parenti e dalli strani, ed egli in ogni ingiuria e ischerno passandosi paziente come sordo e muto; messere Bernardo d’Ascesi, il quale era de’ più nobili e de’ più ricchi e de’ più savi della città, cominciò a considerare saviamente in santo Francesco il così eccessivo dispregio del mondo, la grande pazienza nelle ingiurie, che già per due anni così abbominato e disprezzato da ogni persona sempre parea più costante e paziente, cominciò a pensare e a dire fra sé medesimo: «Per nessuno modo puote che questo Francesco non abbia grande grazia da Dio». E sì lo invitò la sera a cena e albergo; e santo Francesco accettò e cenò la sera con lui e albergò.

E allora, cioè messere Bernardo, si puose in cuore di contemplare la sua santità; ond’egli gli fece apparecchiare un letto nella sua camera propria, nella quale di notte sempre ardea una lampana. E santo Francesco, per celare la santità sua, immantanente come fu entrato in camera si gittò in sul letto e fece vista di dormire; e messere Bernardo similmente, dopo alcuno spazio, si puose a giaciere, e incominciò a russare forte a modo come se dormisse molto profondamente. Di che santo Francesco, credendo veramente che messere Bernardo dormisse, in sul primo sonno si levò del letto e puosesi in orazione, levando gli occhi e le mani al cielo, e con grandissima divozione e fervore diceva: «Iddio mio, Iddio mio»; e così dicendo e forte lagrimando istette infino al mattutino, sempre ripetendo: «Iddio mio, Iddio mio», e non altro. E questo dicea santo Francesco contemplando e ammirando la eccellenza della divina maestà, la quale degnava di condescendere al mondo che periva, e per lo suo Francesco poverello disponea di porre rimedio di salute dell’anima sua e degli altri; e però alluminato di Spirito Santo, ovvero di spirito profetico, prevedendo le grandi cose che Iddio doveva fare mediante lui e l’Ordine suo, e considerando la sua insufficienza e poca virtù, chiamava e pregava Iddio che, colla sua piatà e onnipotenza, senza la quale niente può l’umana fragilità, supplesse, aiutasse e compiesse quello per sé non potea. Veggendo messere Bernardo per lo lume della lampana gli atti divotissimi di santo Francesco, e considerando divotamente le parole che dicea, fu toccato e ispirato dallo Spirito Santo a mutare la vita sua.

Di che, fatta la mattina, chiamò santo Francesco e disse così: «Frate Francesco, io ho al tutto disposto nel cuore mio d’abbandonare il mondo e seguitare te in ciò che tu mi comanderai». Udendo questo, santo Francesco si rallegrò in ispirito e disse così: «Messere Bernardo, questo che voi dite è opera sì grande e malagevole, che di ciò si vuole richiedere consiglio al nostro Signore Gesù Cristo e pregarlo che gli piaccia di mostrarci sopra a ciò la sua volontà ed insegnarci come questo noi possiamo mettere in esecuzione. E però andiamo insieme al vescovado dov’è un buono prete, e faremo dire la messa e poi staremo in orazione infino a terza, pregando Iddio che infino alle tre apriture del messale ci dimostri la via ch’a lui piace che noi eleggiamo». Rispuose messere Bernardo che questo molto gli piacea; di che allora si mossono e andarono al vescovado. E poi ch’ebbono udita la messa e istati in orazione insino a terza, il prete a’ preghi di santo Francesco, preso il messale e fatto il segno della santissima croce, si lo aperse nel nome del nostro Signore Gesù Cristo tre volte: e nella prima apritura occorse quella parola che disse Cristo nel Vangelo al giovane che domandò della via della perfezione: Se tu vuogli essere perfetto, va e vendi ciò che tu hai, e da a poveri, e seguita me. Nella seconda apritura occorse quella parola che disse Cristo agli apostoli, quando li mandò a predicare: Non portate nessuna cosa per via, né bastone, né tasca, né calzamenti, né danari; volendo per questo ammaestrarli che tutta la loro isperanza del vivere dovessono portare in Dio, ed avere tutta la loro intenzione a predicare il santo Vangelo. Nella terza apritura del messale occorse quella parola che Cristo disse: Chi vuole venire dopo me, abbandoni se medesimo, e tolga la croce sua e séguiti me. Allora disse santo Francesco a messere Bernardo: «Ecco il consiglio che Cristo ci dà; va’ adunque e fa’ compiutamente quello che tu hai udito; e sia benedetto il nostro Signore Gesù Cristo, il quale ha degnato di mostrarci la sua vita evangelica». Udito questo, si partì messere Bernardo, e vendé ciò ch’egli avea (ed era molto ricco), e con grande allegrezza distribuì ogni cosa a’ poveri, a vedove, a orfani, a prigioni, a moni- sterii e a spedali; e in ogni cosa santo Francesco fedelmente e providamente l’aiutava.

E vedendo uno, ch’avea nome messere Salvestro, che santo Francesco dava tanti danari a poveri e fecea dare, stretto d’avarizia disse a santo Francesco: «Tu non mi pagasti interamente di quelle pietre che tu comperasti da me per racconciare la chiesa, e però, ora che tu hai danari, pagami». Allora santo Francesco, maravigliandosi della sua avarizia e non volendo contendere con lui, siccome vero osservatore del santo Vangelo, mise le mani in grembo di messere Bernardo, e piene le mani di danari, li mise in grembo di messere Salvestro, dicendo che se più ne volesse, più gliene darebbe. Contento messere Salvestro di quelli, si partì e tornossi a casa, e la sera, ripensando di quello ch’egli aveva fatto il dì, e riprendendosi della sua avarizia, considerando il fervore di messere Bernardo e la santità di santo Francesco, la notte seguente e due altre notti ebbe da Dio una cotale visione che della bocca di santo Francesco usciva una croce d’oro, la cui sommità toccava il cielo, e le braccia si distendevano dall’oriente infino all’occidente.

Per questa visione egli diede per Dio ciò ch’egli avea, e fecesi frate minore, e fu nell’Ordine di tanta santità e grazia, che parlava con Dio, come fa l’uno amico con l’altro, secondo che santo Francesco più volte provò, e più giù si dichiarerà. Messere Bernardo similemente si ebbe tanta grazia di Dio, ch’egli spesso era ratto in contemplazione a Dio; e santo Francesco dicea di lui ch’egli era degno d’ogni riverenza e ch’egli avea fondato quest’Ordine; imperò ch’egli era il primo che avea abbandonato il mondo, non riserbandosi nulla, ma dando ogni cosa a’ poveri di Cristo, e cominciata la povertà evangelica, offerendo sé ignudo nelle braccia del Crocifisso. Il quale sia da noi benedetto in saecula saeculorum. Amen.     



Fioretti San Francesco Spiritualità

Articoli correlati

08 Ott 2019

Saint François d’Assise? Aussi a Nice-Cimiez!

Festa del Serafico Padre nel convento di Nizza
07 Ott 2019

“In cammino con Francesco di Assisi per le strade dell’Umbria, la sua terra”

Itinerario Turistico Spirituale sui luoghi francescani dell'Umbria
05 Ott 2019

Beati quelli ke 'l sosterranno in pace

Secondi Vespri e conclusione della Solennità di San Francesco
04 Ott 2019

Francesco spalanca le strade della vera fraternità

Primi Vespri nel Transito di san Francesco
03 Ott 2019

Conforme a Cristo nella vita e nella morte

Inizio delle celebrazioni per la festa di san Francesco
03 Ott 2019

La tua grazia vale più della vita

3^ meditazione del Triduo in preparazione alla Solennità di S. Francesco
07 Ott 2019

“In cammino con Francesco di Assisi per le strade dell’Umbria, la sua terra”

Itinerario Turistico Spirituale sui luoghi francescani dell'Umbria