Rito della Vestizione e accoglienza di 7 Novizi di Umbria, Portogallo e Stati Uniti 09 Set 2020

Disponibili ad essere terra nelle mani di Dio

Nella Provincia Serafica, l’8 settembre è da tanti anni ormai la data dedicata al Rito delle Vestizioni dell’abito francescano e all’inizio del Noviziato per i giovani che hanno già vissuto il primo periodo di discernimento, il Postulato, nel convento di Monteluco di Spoleto.

Alle ore 16, nella chiesa di San Damiano, si è così svolta la celebrazione, presieduta dal Ministro Provinciale, p. Francesco Piloni, in cui i giovani hanno iniziato quello che San Francesco chiamava “l’anno della prova”. A guidarli in questo cammino saranno il Maestro, p. Danilo Tremolada, e il suo vice, fra Alessandro Di Mare, insieme a tutta la comunità dei frati, che vivono in questo luogo così significativo per la vocazione del Poverello di Assisi.

Essi si prenderanno cura non solo dei 2 giovani della Provincia Serafica, ma anche di 4 ragazzi della Provincia americana dell’Immacolata Concezione e 1 giovane della Provincia portoghese, che vivranno a San Damiano il loro anno di Noviziato.

Nel commento alle letture del Rito, il Ministro ha esortato i novizi a vivere questo tempo per entrare sempre più in un’intimità profonda con Dio. San Francesco, proprio arrivando nella chiesa di San Damiano, incontra il crocefisso e ritrova la strada che ogni uomo cerca. In quel momento, eleva a Dio la preghiera “Alto e glorioso dio”, in cui chiede al Signore di donargli 5 virtù: la fede diritta, la speranza certa, la carità perfetta, l’umiltà profonda e la sapienza.

Questa è la “via della virtù” che, sulle orme di Cristo, apre l’accesso alla comunione con Dio:

  • Fede diritta: dalla certezza di essere figli amati di Dio, ci rende amici di Dio.
  • Speranza certa: il desiderio della vita feconda, che faccia frutti non per se stessi ma per i fratelli.
  • Carità perfetta: rivestiti di un amore più grande, ci rende disponibili ad amare tutti.
  • Umiltà profonda: disponibili ad essere terra nelle mani di Dio, ci lasciamo plasmare dalla sua grazia.
  • Sapienza: è quella del Crocefisso, che San Francesco amava “sfogliare” e “risfogliare” per immergersi nella Passione, morte e Risurrezione di Cristo.

Dopo l’omelia, il Rito è proseguito con la benedizione degli abiti, la vestizione, il bacio del Crocefisso di San Damiano e l’affidamento dei novizi al Maestro.

La Vergine Maria sostenga il cammino di questi fratelli perché possano giungere alla libertà dei figli di Dio, in una disponibilità piena alla sua volontà! 



Abito Alessandro Di Mare Danilo Tremolada Eremo delle Carceri Francesco Piloni Giovanni Petrillo Ministro provinciale Noviziato Porziuncola San Damiano Vestizioni

Articoli correlati

23 Lug 2021

Il tesoro della Porziuncola

Un Perdono per tutti
22 Lug 2021

La bellezza di essere famiglia

Le iniziative di “Pastorale con le famiglie” della fraternità San Giovanni Paolo II
19 Lug 2021

“Santa Maria, metti ali ai nostri sogni evangelici”

Il Ministro Generale e il Vicario affidano il loro mandato all'intercessione della Beata Vergine Maria e di San Francesco in Porziuncola
16 Lug 2021

Eletto il nuovo governo OFM

p. Massimo Fusarelli sarà affiancato da un Vicario e 6 Definitori generali
15 Lug 2021

San Giuseppe, un padre moderno

III incontro di “Ite ad Joseph. Nella Bottega di Giuseppe”
19 Lug 2021

“Santa Maria, metti ali ai nostri sogni evangelici”

Il Ministro Generale e il Vicario affidano il loro mandato all'intercessione della Beata Vergine Maria e di San Francesco in Porziuncola