VENERDÌ della I sett. di Avvento S. NICOLA, vescovo – MEMORIA (bianco)
venerdì, 06 dicembre 2019
A S. Maria degli Angeli il IV convegno nazionale dell’Associazione Figli in Paradiso 25 Set 2019

Donna, perché piangi?

Si svolgerà alla Domus Pacis, Piazza Porziuncola, 1, Santa Maria degli Angeli il 27 e 28 settembre, il IV convegno nazionale dell’Associazione Figli in Paradiso.

I temi trattati nella due giorni saranno relativi alla elaborazione del lutto per la perdita di un figlio e riflessioni varie su percorsi per la guarigione interiore, sull’urlo e il perdono verso Dio e su come poter far fruttificare la propria vita ritrovando la speranza.

Una parte del convegno, nel pomeriggio del 27, si svolgerà nel santuario di S. Damiano, dove in questo splendido luogo spirituale, si tratterà in particolare il tema “Donna perché piangi?” da parte di vari relatori.

Il convegno è indirizzato a tutti quei genitori che hanno dovuto affrontare questo lutto particolarmente doloroso e che, sia pure da poco o da tanto tempo, ancora sentono dentro di sé la necessità di un percorso di speranza e di guarigione.



Convegno Lutto Massimo Reschiglian Morte San Damiano

Articoli correlati

26 Nov 2019

Assisi: Pastorale della salute oltre gli ospedali

Alla Domus Pacis di Assisi, cinque giorni di formazione rivolta ai cappellani e agli operatori
21 Nov 2019

Settimana ecologica 21-29 novembre

Con lo sguardo di Francesco
21 Ott 2019

Pasqua e funerali di p.Antonio Rougeris

Martedì 22 ottobre, ore 15 presso la Basilica di Santa Maria degli Angeli
24 Set 2019

Un mondo a colori. La storia di Marianna

Alla Domus Pacis, domenica 29 settembre, presentazione del libro
08 Set 2019

Fermarsi per formare mente e cuore alla logica evangelica

Rito della Vestizione per tre giovani presso il Santuario di San Damiano
04 Set 2019

Assisi: da cento anni missionarie nel mondo e nella storia della regalità di Cristo

Le missionarie della Regalità e San Damiano
26 Nov 2019

Assisi: Pastorale della salute oltre gli ospedali

Invecchiamento, solitudine, emarginazione: le nuove «povertà sanitarie» chiedono risposte personali sul territorio. E fedeltà ai carismi