ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Catechesi quaresimale conclusiva 12 Apr 2017

Ecco l’Agnello di Dio

Questo ciclo di catechesi quaresimali, percorso con il desiderio di conoscere il mistero di Cristo, ci ha portati a fissare lo sguardo su “l’Agnello di Dio che ha tolto il peccato del mondo”, centro e ragion d’essere della nuova creazione in cui siamo coinvolti sia a livello personale, che ecclesiale e universale.

L’espressione “Agnello di Dio” ci è familiare, proclamata in tutte le celebrazioni eucaristiche dal sacerdote che innalza l’eucarestia davanti ai fedeli prima della Comunione. Perché è indicato come Agnello? Perché toglie il peccato del mondo?

Si tratta di un’espressione che nel Vangelo troviamo sulla bocca di Giovanni Battista al Giordano, e che evoca una serie di sentimenti e memorie bibliche:

  1. Il sacrificio di Isacco, in Genesi 22, dove l’ariete/agnello prenderà il posto del figlio di Abramo.
  2. L’agnello pasquale dell’Esodo: nella notte in cui morirono i primogeniti furono salvi quelli che stavano nelle case segnate dal sangue dell’Agnello.
  3. Il profeta Isaia parla del Servo sofferente, il Messia, come di un “agnello condotto al macello”: l’agnello mansueto assume su di sé il male per eliminarlo.
  4. Infine potrebbe aver influito molto il linguaggio dell’Apocalisse, e di tutta la letteratura ad essa connessa, dove l’Agnello mite sconfigge la bestia. Nell’Apocalisse Cristo appare come: il Figlio dell’Uomo, il Testimone verace, il Primogenito dei Re della terra, il Veritiero, il Fedele, l’Alfa e l’Omega, il Leone della Tribù di Giuda, il Vivente. Ma l’Agnello è la figura più usata per significare e rappresentare Cristo, centro della visione della Nuova Gerusalemme, di quel nuovo ordine, ritto sul trono dell’Onnipotente. Con queste altre immagini meravigliose e splendenti, ma non fantasiose e sognanti, in cui Dio e l’Agnello sono il centro di tutto. Dio e uomo dialogano a tu per tu.

La Prima Lettera di Pietro aggiunge all’immagine dell’Agnello un elemento importantissimo per ben contemplare la grandezza dell’opera di Dio nel mistero pasquale di Gesù: “Cristo, Agnello senza difetti e senza macchia, che ci ha riscattati dalla vuota condotta, fu predestinato fin dalla fondazione del mondo”.

Il Figlio, nella mente di Dio, è colui che da sempre è destinato ad “essere per l’uomo”, fino a diventare, nello svolgersi del piano di Amore di Dio, garante, difensore, avvocato, dell’uomo, nel caso egli avessi deviato, come in realtà è accaduto. Non è il peccato dell’uomo ad aver determinato l’Incarnazione, ma il puro, assoluto, incondizionato e immeritato amore di Dio. Da sempre abbiamo, presso Dio, uno che è dalla nostra parte, sempre e comunque, senza se e senza ma: il Figlio “immolato” per noi da sempre, Volto di Dio perennemente amante dell’uomo, sia esso santo che peccatore, destinato a prendere quest’uomo e ricondurlo lì dov’è desiderato, accanto a Dio.

Questa è la Pasqua, fratelli. Gioire nel contemplare questo misero di Amore svolto per noi e significato, contenuto, offerto e ricevuto nella persona del Cristo Risorto, Agnello immolato, vittorioso per noi e con noi su ogni male, su ogni peccato, su ogni dolore. A noi è chiesto di fissare in Lui la nostra fede e la nostra speranza.



Catechesi Maurizio Verde Porziuncola Quaresima

Articoli correlati

13 Giu 2024

Cantemus Domino

Ritorna a luglio il consueto Corso di Canto gregoriano alla Porziuncola
09 Giu 2024

Un convergente passo in avanti

Terminato alla Porziuncola il Capitolo delle Stuoie 2024 delle quattro provincia del Centro Italia
07 Giu 2024

Rinnovare. Camminare. Abbracciare.

Si celebra in questi giorni alla Porziuncola il Capitolo delle Stuoie di quattro provincie di Frati minori del Centro Italia
07 Giu 2024

Fra Nicola Taddeo Ciccone sarà sacerdote per sempre

Ordinazione Presbiterale di fra Nicola Taddeo Ciccone
05 Giu 2024

Peregrinatio della Reliquia Maggiore di san Francesco dal 20 al 23 giugno 2024

A Santa Maria degli Angeli arriva la Reliquia delle Stimmate di San francesco: una perpetua testimonianza di quell’”amore che rese l’amante configurato all’Amato”.
03 Giu 2024

Bentornata a casa!

Dopo alcuni mesi di assenza la Pala trecentesca di Prete Ilario ritrova la sua collocazione: più bella e più sicura
24 Mag 2024

Solennità del Corpus Domini alla Porziuncola

Il Programma 2024 delle Celebrazioni liturgiche in Basilica