ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
5^ catechesi di Quaresima 06 Apr 2017

Ecco la tenda di Dio con gli uomini

Gesù torna a Gerusalemme per compiere la volontà di salvezza che Dio ha per tutti gli uomini. Salvezza che si realizza, come attesta la Scrittura dalla prima all’ultima pagina, con la conoscenza del Padre attraverso il Figlio.

Non è un caso che le ultime pagine della Scrittura ci riconducano alla Gerusalemme celeste, che realizza il piano di amore di Dio in tutta la sua forza e potenza. In questa meditazione ci soffermeremo sulla “nuova realtà” proposta dal Libro dell’Apocalisse: la nuova Gerusalemme.

Vi troviamo descritto un nuovo ordine di cose, instaurato dalla morte e risurrezione di Cristo: il Figlio innalzato sulla croce ha messo fuori gioco l’universo spirituale costituito dalla ribellione a Dio nell’uomo e nella storia.

La Città nuova, celeste perché fatta da Dio, sposa splendente e fedele, è il “luogo” in cui Dio dimorerà tra di loro, essi saranno il suo popolo ed egli sarà il Dio-con-loro.

È un ordine nuovo che è e che viene e nel quale tutti siamo già dentro. Siamo già nell’alleanza, siamo già la nuova città che scende dal cielo, siamo già la sposa pronta per lo sposo, pur se non ancora in pienezza; fin da ora, nella passione e risurrezione di Cristo, tutto è compiuto e si compie in coloro che sono in Lui.

Fin dalla risurrezione di Cristo e dalla Pentecoste, proprio da Gerusalemme parte un fiume in piena che nulla potrà fermare, che raggiunge tutti i popoli, per far loro conoscere che Dio ha fatto grandi cose per loro. L’evangelizzazione, nuova o antica, ha un solo compito: dire questo ad ogni uomo, portarli dentro questo nuovo ordine che Dio ha inaugurato per loro nel Sacrificio universale di Cristo. È Dio che continua in Cristo a salvare ogni uomo: l’evangelizzazione è comunicare agli uomini l’unica cosa che Dio chiede, alzare gli occhi al Figlio!

Ma per noi c’è un ordine nuovo, potremmo dire più circoscritto: per il Battesimo siamo innestati in Cristo, membra vive del Suo Corpo che è la Chiesa, “una, santa, cattolica e apostolica” come diciamo nel Credo, caparra della Gerusalemme celeste. In Lei abbiamo la certezza di incontrare Cristo attraverso i sacramenti, l’ascolto della parola, la mutua carità e la preghiera, fratelli e figli dell’unico Padre.

Ma c’è anche un terzo livello di questo nuovo ordine, ugualmente inaugurato da Cristo risorto e trasmesso a noi nel Battesimo: ciascuno di noi ha una vocazione pasquale! L’appartenenza al nuovo ordine pasquale passa in una carne concreta, la nostra … fragile, peccatrice e da purificare, eppure trasfigurata dall’appartenenza alla Carne di Cristo e abitata dal suo Santo Spirito. Il Padre ci conosce nel suo Figlio al quale assomigliamo. Lo Spirito Santo ci plasma ogni giorno perché sappiamo corrispondere al dono d’amore, ci giustifica e non ci accusa, ci apre gli occhi a vedere tutto in un modo nuovo.

Vedere tutto in un modo nuovo, Dio, me stesso, il fratello: questo vuol dire abitare fin da ora la nuova Gerusalemme. Nell’altro io riconosco lo stesso ordine, lo stesso destino, la stessa vocazione alla gloria.



Catechesi Gerusalemme Maurizio Verde Quaresima

Articoli correlati

13 Giu 2024

Cantemus Domino

Ritorna a luglio il consueto Corso di Canto gregoriano alla Porziuncola
24 Feb 2024

Ti saluto o croce santa

Prosegue nei venerdì di Quaresima la bella devozione della Via Crucis
22 Feb 2024

Francesco, il Somigliante

Primo appuntamento del ciclo di Predicazioni quaresimali alla Porziuncola
12 Feb 2024

Inizia il Tempo di grazia della Santa Quaresima

Prepariamo i nostri cuori all’ascolto orante della Parola
01 Gen 2024

Vivi nella notte: Capodanno alla Porziuncola

Grandissima gioia per 700 giovani che hanno atteso l'anno nuovo
23 Ott 2023

Imploriamo, cantando, la pace

Assisi Pax Mundi: decima edizione della rassegna di musica sacra francescana
07 Giu 2024

Fra Nicola Taddeo Ciccone sarà sacerdote per sempre

Ordinazione Presbiterale di fra Nicola Taddeo Ciccone



  • 03 Giu 2024

    Bentornata a casa!

    Dopo alcuni mesi di assenza la Pala trecentesca di Prete Ilario ritrova la sua collocazione: più bella e più sicura


  • 30 Mag 2024

    Sant'Antonio: difensore amatissimo

    A Terni 80 anni fa, lo stesso anno, la città fu liberata e l'omonima parrocchia posava la prima pietra: programma degli eventi


  • 25 Apr 2024

    Benedetti... benediciamo!

    Siamo andati a conoscere l’Angolo delle Benedizioni: si tratta di un servizio attivato da qualche anno nel cuore del Santuario di S. Maria degli Angeli