SABATO della XIX sett. del T.O. Feria (verde)
sabato, 17 agosto 2019
Salazar e Ifeme, il futuro visto dal nord e dal sud del mondo 23 Lug 2019

Ecumenismo: 56^ sessione Sae alla Domus Pacis di Assisi

È stata inaugurata ieri alla Domus Pacis di Santa Maria degli Angeli, ad Assisi, della 56 ͣ sessione di formazione ecumenica del Segretariato attività ecumeniche (Sae), che ha per tema “Le Chiese di fronte alla ricchezza, alla povertà e ai beni della terra”. Dopo la preghiera mattutina e l’introduzione del presidente del Sae, Piero Stefani, le prime due relazioni della giornata hanno riguardato il futuro visto dal sud e dal nord del mondo. Hans Gutierrez Salazar, della Facoltà avventista di teologia, ha parlato della divisione insormontabile tra nord e sud del mondo, che non è solo un divario economico sempre più radicalizzato, ma in cui si intravvedono diversi modi di intendere il mondo. Un modo “europeo”, nato nella modernità, che si stacca, che esclude le altre civiltà considerate primitive e la natura, che ha il mito del progresso a ogni costo. E una società dell’equilibrio, che valorizza le persone, che preferisce la cura dei rapporti all’accelerazione e all’ipertrofia dell’io.

Vincent I. Ifeme, delegato dell’ecumenismo della diocesi di San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto, ha portato una testimonianza di un uomo tra due mondi, l’Italia e la Nigeria, a partire dalle discriminazioni economiche, dalla mancanza di giustizia, da un pervasivo neo colonialismo mascherato, dalla corruzione dei governanti. L’Africa come paradosso di un continente ricco che affonda nella povertà e in cui spesso conflitti tribali e politici vengono spacciati come conflitti religiosi. Anche le Chiese, ha osservato Ifeme, hanno spesso la responsabilità di non essere state dalla parte dei poveri. Ma “l’Africa è anche bella, forte, resiliente, spirituale. La risposta ai suoi numerosi problemi deve venire dalle sue qualità più positive, più belle”.

Nel pomeriggio il tema della povertà come metafora delle divisioni delle chiese con il monaco Guido Dotti e la pastora luterana Eva Guldanova. Al termine i Vespri ortodossi a Rivotorto.

Fonte e foto: www.agensir.it



Chiesa Domus Pacis Ecumenismo Povertà Ricchezza

Articoli correlati

17 Ago 2019

Terminato, poi, l’anno della prova, siano ricevuti all’obbedienza

Prima professione dei voti religiosi per tre novizi a San Damiano
08 Ago 2019

Chiara a San Damiano: il luogo della povertà

Le povere Dame nel “loghicciuolo” delle origini
18 Lug 2019

“La lingua dell’amore è sempre comprensibile”

Il Card Bassetti alla Domus Pacis di Assisi per il Corso di formazione per la catechesi alle persone disabili
16 Lug 2019

“Fate quello che vi dirà”

Concluso ad Assisi il Seminario finale di “Fa.Miglia in cammino”
15 Lug 2019

Li sentiamo parlare nella nostra lingua nativa

Alla Domus Pacis di Assisi, Corso di formazione sulla catechesi biblica rivolta alle persone con disabilità
12 Lug 2019

Vigili nello Spirito, per uno straordinario quotidiano

Incontro nazionale dell’Ordo virginum ad Assisi, dal 21-25 agosto
08 Ago 2019

Bomboniere missionarie…e Pietro si è illuminato!

Testimonianza di chi ha scelto di sostenere le Missioni dei Frati Minori di Assisi