ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Il grande silenzio del Sabato Santo 26 Mar 2016

Entra nel riposo del tuo Signore

È il tempo del silenzio questo Sabato Santo. Tempo di silenzio, di attesa e di preghiera, come p. Giuseppe Renda nella riflessione di stamane ci ha ricordato. In questo intervallo che ci separa dalla luce della risurrezione Cristo è disceso agli inferi. Uscendo dalla storia, Egli è andato a cercare Adamo, colui che con l’iniziale disobbedienza aveva perduto la comunione con il suo Creatore e si era addormentato nel sonno eterno. Adamo, e assieme a lui l’intera umanità, erano divenuti vittime e prigionieri della morte che con il peccato, nell’interpretazione dei padri della Chiesa, aveva fatto il suo ingresso nel mondo trasformandolo da luogo paradisiaco ad ambiente ostile.

Cristo preso per mano l’uomo lo scuote e lo risveglia, dicendo: «Svegliati, tu che dormi, e risorgi dai morti, e Cristo ti illuminerà». L’Incarnazione del Figlio di Dio appare pertanto in tale ottica in tutta la sua potenza salvifica: in virtù della sua passione e della sua natura umana l’uomo Cristo Gesù può scendere negli inferi e in quanto Dio può liberare dalla morte la sua creatura. Le conferisce inoltre una dignità persino superiore a quella che le era propria prima del peccato comunicandole la sua vita divina e ponendola così sul trono celeste.

A noi che rimaniamo nel tempo l’attesa fatta di silenzio, e forse di inquietudine, può risultare difficile da vivere ma si tratta di un passaggio necessario, intimamente legato alla nostra condizione di creature. È questo infatti lo spazio della fede in cui, riconoscendo la nostra limitatezza, siamo chiamati a confidare nell’intervento salvifico di Dio Padre e nel ritorno vittorioso del nostro Salvatore. Il sabato Santo diventa così paradigma per la nostra vita in tutte quelle situazioni in cui ci pare di essere impotenti e abbandonati e in cui invece il confidare in Dio pone tutto sotto uno sguardo più profondo e reale e ci dà la forza per continuare il cammino.



Attesa Custode della Porziuncola Gesù Cristo Giuseppe Renda Porziuncola Preghiera Silenzio

Articoli correlati

24 Giu 2024

“Tu sei sacerdote per sempre”

Alla Porziuncola l’ordinazione presbiterale di fra Nicola Taddeo Ciccone
22 Giu 2024

«Difatti porto le stimmate di Gesù»

È arrivata la Reliquia Maggiore di San Francesco presso la Basilica di Santa Maria degli Angeli
22 Giu 2024

Chiara: chiaro segno di risurrezione

Nella Basilica romana di San Giovanni in Laterano la Chiusura dell'Inchiesta diocesana sulla Serva di Dio Chiara Corbella Petrillo
21 Giu 2024

Custodi di bellezza accendiamo la speranza

La Sicilia ad Assisi per offrire l’olio sulla tomba di san Francesco
18 Giu 2024

Ci siete davvero mancate

Terminata la loro esposizione alla Nazionale di Perugia sono rientrati i gioielli di famiglia
16 Giu 2024

Chiara, grandissima gioia!

Celebrato ad Assisi il 12° anniverasario della morte di Chiara Corbella Petrillo
24 Mag 2024

Solennità del Corpus Domini alla Porziuncola

Il Programma 2024 delle Celebrazioni liturgiche in Basilica