ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Condusse una vita di contemplazione unita ad una grande austerità 07 Feb 2022

Festa del beato Antonio da Stroncone

Al Santuario del Beato Antonio e dell’Ave Maria di Stroncone, dal 3 al 7 febbraio 2022, si celebra il transito del beato Antonio Vici da Stroncone, patrono del paese. Domenica 6 febbraio alle ore 18 la solenne celebrazione eucaristica è stata presieduta dal vescovo di Terni-Narni-Amelia S.E. mons. Francesco Antonio Soddu, alla presenza del ministro provinciale dei Frati Minori di Umbria-Sardegna fr. Francesco Piloni, del parroco di Stroncone fr. Mario Macrì e del guardiano del convento San Francesco di Stroncone fr. Danilo Cruciani. Presenti il sindaco di Stroncone Giuseppe Malventani, il vicesindaco di Assisi Valter Stoppini, i rappresentanti dell’ente “agosto stronconese” e dei tamburini della sfilata storica. È stata benedetta la nuova statua del beato Antonio Vici che dal 27 febbraio al 14 agosto sarà in pellegrinaggio tra le famiglie del territorio di Stroncone.  

Antonio nacque agli inizi del 1381 a Stroncone, da Vico e Isabella della nobile famiglia Vici. A 12 anni circa entrò come frate minore nel convento del suo paese, in cui vigeva la riforma dell’Osservanza. Dopo la professione religiosa, si trasferì in Toscana presso suo zio, fr. Giovanni da Stroncone, di cui aveva conosciuta la fama di santità. Giovanni era il primo vicario del beato Paolo Trinci da Foligno, iniziatore della riforma dell’Osservanza. Successivamente, Antonio fu inviato in Maremma e in Corsica, dove si adoperò per la diffusione della riforma. Tornato in Umbria, dimorò nei conventi di Perugia e Bettona; per circa trent’anni dimorò all’Eremo delle Carceri di Assisi, abitando in una grotta della selva; infine fu a San Damiano.

Religioso non sacerdote, come la maggior parte degli osservanti della prima generazione, Antonio condusse una vita di contemplazione unita ad una grande austerità: mangiava solo pane e acqua, andava sempre scalzo, portava solo una tunica; si ricorda poi che praticasse nella giovinezza la “gummodia”, consistente nel fare mille genuflessioni ogni giorno. Passava molti giorni senza mangiare cosa alcuna, in particolare dal Giovedì santo fino alla Domenica di Resurrezione. Divenuto anziano, gli altri frati gli dicevano di mangiare carne, o pesce; ma Antonio rispondeva loro che quei cibi gli facevano male. Chiedendogli come potessero fargli male vivande così buone, soggiunse: “fanno male all’anima mia”. Austero con se stesso, fu invece generoso con i fratelli e con i secolari che lo avvicinavano. Rifuggiva l’ozio e, tra le altre mansioni, svolgeva il servizio di sacrestano. Coltivò sempre e con grande impegno l’umiltà, prestandosi per i più vili servizi della fraternità, terminati i quali si rinchiudeva nel silenzio della contemplazione. Accettava per amore di Dio le tribolazioni della vita e le umiliazioni da parte del prossimo.

Il Signore gli concesse lo spirito di profezia, tanto da essere noto ed ammirato da persone umili e da personaggi di rango, dai confratelli semplici e da quelli più acculturati, tra cui san Giacomo della Marca.

Dopo 68 anni di vita religiosa e dopo aver riconsegnato al guardiano le piccole cose che aveva avuto in uso, per esempio il libro delle preghiere, passò alla vita eterna il 7 febbraio 1461 nel convento di San Damiano. Il suo sepolcro fu illustrato da numerosi miracoli. Il suo corpo, riesumato e trovato intatto, fu traslato nel 1809 nella chiesa di San Francesco a Stroncone.

Il suo culto fu confermato da papa Innocenzo XI il 28 giugno 1687.



Beato Antonio da Stroncone Biografia Cornelio Pallares Danilo Cruciani Eremo delle Carceri Francesco Piloni Frati Mario Macrì OFM Provincia Serafica Rivista Porziuncola San Damiano Stroncone

Articoli correlati

07 Mag 2024

OFS d’Italia: eletto il nuovo Consiglio nazionale. Luca Piras riconfermato presidente

Ad Assisi, il 4 Maggio, l’Ordine Francescano Secolare d’Italia ha eletto il suo nuovo Consiglio nazionale: a guidare la fraternità dei laici francescani saranno Luca Piras
01 Mag 2024

Un tuffo nella bellezza…INSIEME!

Alcuni frati del Convento Porziuncola, si sono recati alla Galleria Nazionale dell’Umbria per ammirare la mostra “L’Enigma del Maestro di San Francesco. Lo stil novo del Duecento Umbro”.
24 Apr 2024

Chi ha creato tutto questo, era sicuramente innamorato

L’inaugurazione del progetto Assisi Terra Laudato Si’
22 Apr 2024

Beato Egidio di Assisi, una storia ironica di santità

La comunità francescana del convento di Monteripido in Perugia, rivive la tradizionale celebrazione della Festa del terzo compagno di San Francesco
18 Apr 2024

Assisi: un gol da 1 milione e mezzo di euro per il campanile!

Vanno eseguiti alcuni improcrastinabili lavori al campanile della Basilica di Santa Maria degli Angeli. “Mettiamo in sicurezza un simbolo dell’Italia”, afferma il Commissario straordinario, Guido Castelli
11 Apr 2024

Pregò e disse: Ave Maria

Presentazione a Stroncone di quella che si ritiene essere, al momento, la più antica versione dell'Ave Maria: risale al Trecento
23 Mar 2024

La Domenica delle Palme di Santa Chiara di Assisi

Abbracciare per amore di Cristo l’Altissima Povertà Santa Chiara Monastero Clarisse