VENERDÌ della I sett. di Quaresima Feria (viola)
venerdì, 26 febbraio 2021
Un amore che nasce dall’incontro con Dio Creatore 01 Set 2017

Fratello di tutto il Creato

«Laudato sie, mi’ Signore cum tucte le Tue creature, specialmente messer lo frate Sole…». Difficile non riconoscere in queste parole il Cantico delle Creature, intonato da Francesco, ormai cieco, piagato e sull’orlo del transito verso l’altra vita, per celebrare la natura, nella sua pienezza, espressione del suo amore per Gesù Cristo.

Francesco non è un vero e proprio “ecologista ante litteram”, come qualcuno vorrebbe, esagerando e forzando la storia del santo. In lui l’amore per la natura, che è comunque una costante dopo la sua conversione, nasce sempre dall’incontro con Dio è che il Creatore di ogni cosa. Nel mondo risplende ovunque la Bellezza divina e Francesco ne resta affascinato; per lui il creato non è un assoluto superiore all’uomo o un orizzonte fine a se stesso, ma il riflesso di un’armonia più alta.

Un’esperienza che lo accompagnerà giorno dopo giorno, fino a quella notte fra il 3 e il 4 ottobre del 1226, quando la sua anima sale a Dio, all’età di quarantaquattro anni. Il rapporto della Chiesa cattolica con la natura è sempre stato positivo, fino ai nostri tempi. Scriveva papa Paolo VI: «Gli animali sono la parte più piccola della Creazione divina, ma noi un giorno li rivedremo nel mistero di Cristo».

Pochi anni dopo papa Giovanni Paolo I affermava: «Uomo, vegetali, animali siamo tutti nella stessa barca; non si tocca l’uno senza che a lungo andare non si danneggi l’altro». E il suo successore, papa Giovanni Paolo II, ricordava: «È urgente seguire l’esempio del povero di Assisi e abbandonare sconsiderate forme di dominio, cattura e custodia verso tutte le creature».

Grande è l’affetto, in tutta Italia, per quel povero di Assisi che si spogliò di tutto, vita compresa, non disprezzando la morte. Egli è stato testimone di un amore profondo per Dio e i fratelli, nel pieno rispetto di tutto il creato: uccelli, lupi e gli altri suoi fratelli “minori”.



Cantico delle Creature Creato Giovanni Paolo II Paolo VI San Francesco

Articoli correlati

08 Feb 2021

E tutti gli uccelli si levarono in aria…

Francesco e la predica agli uccelli
25 Gen 2021

San Francesco e la sua passione per i biscotti

Il dono dell’amica Frate Jacopa
31 Dic 2020

La Pace secondo san Francesco

La libertà dell’apertura al prossimo
19 Nov 2020

Per camminare insieme...da fratelli!

Iniziative di catechesi online dei Frati minori di Umbria e Sardegna
18 Nov 2020

Francesco non nacque santo!

Una umanità riconciliata e orientata al bene
12 Nov 2020

Laudato si’ mi’ Signore, per sora luna e le stelle

Intervista a fr. Andrea Frigo
08 Feb 2021

E tutti gli uccelli si levarono in aria…

La predica agli uccelli è uno degli episodi più famosi della vita di San Francesco; uno di quei racconti che si ascoltano fin da bambini e che poi, inevitabilmente, entrano a far parte dell’immaginario collettivo