ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Conosciamo la città che ospitò Francesco quella notte del Natale del 1223 21 Dic 2018

Greccio, la città del presepio

Greccio sorge nella parte occidentale della Provincia di Rieti, a 705 mt s.l.m., alla sinistra del fiume Velino e domina dall'alto la vasta e lussureggiante pianura reatina. E situato a mezza costa della boscosa catena dei Monti Sabini edificato su speroni di roccia. Ci si arriva attraverso una strada che dalla provinciale per Terni si inerpica per circa tre km. Dista 15 km da Rieti, 25 da Terni, 90 da Roma, 70 da L’Aquila.

 Greccio fu fondata, secondo la tradizione, da una colonia greca, fuggita o esiliata dalla patria in seguito a guerre, che innamoratasi della amenità del luogo e della comodità di difesa naturale che offriva, ci si stabilì. Da qui il nome Grecia, Grece, Grecce e infine Greccio. Le prime notizie certe risalgono al X- XI sec. Il monaco benedettino Gregorio da Catino (1062-1133) fa riferimento alla località di Greccio nella sua opera "Regesto Farfense".

Dai resti degli antichi fabbricati si rileva che Greccio divenne un castello medievale fortificato circondato da muraglie e protetto da sei torri fortilizie. Ebbe a sostenere lotte coi paesi confinanti e subì la distruzione ad opera delle soldatesche di Federico II nel 1242. Nel XIV sec. è più volte ricordato nello statuto municipale  di Rieti e nelle carte dell'archivio della cattedrale, come sede di podestà.

Subì alterne vicende fino al 1799 quando fu di nuovo distrutto e saccheggiato ad opera dell’esercito napoleonico. Il borgo è circondato da stupendi boschi di querce ed elci che offrono al visitatore l'opportunità di lunghe passeggiate su sentieri sicuri e suggestivi, fino alla cima del Monte Lacerone a 1204 mt s.l.m. Qui san Francesco d'Assisi era solito ritirarsi in preghiera e meditazione in una capanna protetta da due piante di carpino.

In questo stesso luogo, nel 1792, per volontà popolare, venne costruita una cappellina commemorativa a Lui dedicata, "la Cappelletta". L'antico Borgo Medievale, che gode di un ottimo panorama, conserva parte della pavimentazione del vecchio castello (XI sec.) e tre delle sei torri di cui la maggiore trasformata nel XVII sec. in Torre Campanaria. La chiesa parrocchiale dedicata a San Michele Arcangelo sorge a fianco della torre campanaria sulla sommità di una scenografica scalinata e risale al XIV sec.

La chiesa, a una navata, venne ricavata da una parte del castello e, anche se distrutta e ricostruita più volte, conserva all'interno pregevoli opere del XV-XVI sec.. Interessanti le due cappelle laterali, dedicate a San Antonio da Padova e alla Madonna Immacolata con tele e affreschi del XV-XVI sec. Nella piazza, si trova la Chiesa di S. Maria del Giglio (1400), anch'essa a una navata; ha un altare centrale e due altari laterali, con stucchi di scuola romana con influssi di Carlo Fontana.

L'altare maggiore conserva all'interno di uno stucco, un affresco del primo quattrocento, che rappresenta la Vergine col Bambino e Angeli. Altri luoghi interessanti, oltre alla diruta chiesa di Santa Maria, oggi restaurata e destinata a “Museo Internazionale del Presepio”, ai resti delle antiche torri, ad una delle porte d'ingresso, la Cappellina dedicata a San Francesco, con il sasso sul quale era solito salire per predicare e il luogo da cui, secondo la tradizione, fu lanciato il tizzone ardente che rese pubblico il luogo designato per la costruzione dell'attuale Santuario.

Il paese di Greccio ha ormai, da secoli, varcato i ristretti confini del suo territorio, dove era conosciuto come un piccolo e nascosto centro, per assumere un'importanza mondiale, dopo aver avuto l'onore di ospitare il Poverello di Assisi che in questo luogo rievocò per la prima volta la rappresentazione del Presepio.



Greccio Presepe Rieti

Articoli correlati

08 Gen 2024

Gesù è la luce che è venuta per tutti

Mons.Vito Piccinonna vescovo di Rieti, ha chiuso il centenario degli 800 anni del presepio di Greccio
30 Dic 2023

Un mondo di presepi

Facciamo un giro alla mostra dei presepi alla Porziuncola
27 Dic 2023

Nonostante tutto... oggi Cristo è nato!

Piccola cronaca della notte e del giorno di Natale alla Porziuncola
19 Dic 2023

Santo Natale alla Porziuncola

Programma celebrazioni ed eventi dal 17 dicembre 2023 al 7 gennaio 2024
13 Dic 2023

Cartulae nataliciae 2023

Mostra di incisioni e disegni a San Damiano
04 Dic 2023

Un Natale con il cuore in mano. La speranza oltre la guerra

Alla Porziuncola inaugurazione dei presepi e delle iniziative di solidarietà
20 Mag 2024

Tra fede e bellezza, torna la Notte dei Santuari

la notte dei santuari. Un'iniziativa promossa dal Collegamento nazionale dei Santuari italiani insieme all’Ufficio nazionale per la Pastorale del tempo libero, turismo e sport della Cei