MERCOLEDÌ della III sett. di Pasqua Feria (bianco)
mercoledì, 21 aprile 2021
Dalla Terra Santa la storia di Abdul e delle sue grandi conquiste 15 Nov 2018

Ho perso la vista ma non mollerò mai!

Abdul Rahman Studente Scuola Terra Santa Helen Keller racconta: “Ero frustrato perché ogni volta che mi veniva detto che non ero stato promosso nei miei studi, i miei compagni mi prendevano in giro”.

Non ci sono dubbi sul fatto che ognuno di noi abbia le capacità per cambiare e conquistare il successo. Malgrado la durezza di certe circostanze, siamo capaci, con la forza di volontà, di fare il nostro cammino e raggiungere con determinazione ciò che cerchiamo. L’esperienza di Abdul Rahman è la prova che con la determinazione è possibile superare ogni sfida. Elias Karmi Insegnante di Educazione Fisica della Scuola Terra Santa Helen Keller afferma: “Vedere un ragazzo cieco che cammina su una trave di legno larga dieci centimetri a un’altezza di più di un metro è impressionante! È un traguardo! La prima caduta è solo l’inizio! Non molla e continua ad allenarsi! La Scuola Terra Santa Helen Keller ha fissato una meta: educare una generazione di giovani uomini e donne fiduciosi e capaci di perseverare per raggiungere i loro obiettivi e sviluppare le loro capacità.

“Ringrazio questa scuola – ha continuato Abdul – che mi ha aiutato a cambiare molto. Non immaginavo che sarebbe stato così: che avrei dovuto camminare da solo, avere fiducia in me stesso. È un grande cambiamento cominciato da zero; non sapevo leggere, scrivere a mano, scrivere al computer... Non avevo nessuna considerazione di me e adesso posso dire di avere vinto”.

La Dottoressa Helen Keller, a cui la scuola deve il suo nome, è un modello per i non vedenti per tutto ciò che è riuscita a fare nonostante tutte le sfide che ha dovuto affrontare. Diceva: “le persone cieche e sorde hanno menti che possono essere sviluppate, mani da allenare e aspirazioni da raggiungere. Spetta a noi aiutarle”. E continuando nella sua missione umanitaria, la Custodia di Terra Santa, presente qui da 800 anni, ha fatto del suo meglio per includere la Terra Santa Helen Keller nel gruppo di scuole che amministra nella Città Santa.

“Questo è un grande messaggio della Custodia di Terra Santa per le persone non vedenti – così fr Ibrahim Faltas - stiamo facendo un grande passo per annettere questa scuola ai nostri lavori e questo è un messaggio per tutti gli abitanti di Gerusalemme. La Custodia di Terra Santa sta aiutando chi ne ha più bisogno. É da questo che nasce questa iniziativa “.

“Ringrazio il mio Signore di tutto – ha concluso Abdul – quando ho perso la vista, mi sono trovato davanti a molte difficoltà, ma non mollerò mai”.

Per altre news sulla Terra Santa visita il sito Christian Media Center



Coraggio Lotta Terra Santa

Articoli correlati

29 Mar 2021

Colletta pro Terra Santa: appello di fr. Francesco Patton

La colletta del Venerdì Santo unisce tutti i cristiani del mondo ai luoghi santi
19 Feb 2021

Due passi nella storia di Cesarea di Filippo

fr Frédéric Manns racconta il luogo dove si trovano antiche rovine e dimora di re
16 Feb 2021

600° anniversario di istituzione dei Commissari di Terra Santa

Celebrazione eucaristica di ringraziamento al Santo Sepolcro
07 Nov 2020

Accoglienza del nuovo Patriarca a Gerusalemme

S.B. Mons. Pierbattista Pizzaballa, OFM, è giunto in Terra Santa
01 Dic 2019

Vergine Maria, crocevia di tutte le strade che portano a Cristo

II serata della Novena dell'Immacolata in Porziuncola
19 Nov 2019

Chiamati a rispondere: “Eccomi!”

Ordinazione diaconale di fra Raffaele Tayyem
19 Apr 2021

I santi della porta accanto

Mostra e incontri sulla santità al convento di Montesanto di Todi