VI DOMENICA DI PASQUA (bianco)
domenica, 26 maggio 2019
Dalla Terra Santa la storia di Abdul e delle sue grandi conquiste 15 Nov 2018

Ho perso la vista ma non mollerò mai!

Abdul Rahman Studente Scuola Terra Santa Helen Keller racconta: “Ero frustrato perché ogni volta che mi veniva detto che non ero stato promosso nei miei studi, i miei compagni mi prendevano in giro”.

Non ci sono dubbi sul fatto che ognuno di noi abbia le capacità per cambiare e conquistare il successo. Malgrado la durezza di certe circostanze, siamo capaci, con la forza di volontà, di fare il nostro cammino e raggiungere con determinazione ciò che cerchiamo. L’esperienza di Abdul Rahman è la prova che con la determinazione è possibile superare ogni sfida. Elias Karmi Insegnante di Educazione Fisica della Scuola Terra Santa Helen Keller afferma: “Vedere un ragazzo cieco che cammina su una trave di legno larga dieci centimetri a un’altezza di più di un metro è impressionante! È un traguardo! La prima caduta è solo l’inizio! Non molla e continua ad allenarsi! La Scuola Terra Santa Helen Keller ha fissato una meta: educare una generazione di giovani uomini e donne fiduciosi e capaci di perseverare per raggiungere i loro obiettivi e sviluppare le loro capacità.

“Ringrazio questa scuola – ha continuato Abdul – che mi ha aiutato a cambiare molto. Non immaginavo che sarebbe stato così: che avrei dovuto camminare da solo, avere fiducia in me stesso. È un grande cambiamento cominciato da zero; non sapevo leggere, scrivere a mano, scrivere al computer... Non avevo nessuna considerazione di me e adesso posso dire di avere vinto”.

La Dottoressa Helen Keller, a cui la scuola deve il suo nome, è un modello per i non vedenti per tutto ciò che è riuscita a fare nonostante tutte le sfide che ha dovuto affrontare. Diceva: “le persone cieche e sorde hanno menti che possono essere sviluppate, mani da allenare e aspirazioni da raggiungere. Spetta a noi aiutarle”. E continuando nella sua missione umanitaria, la Custodia di Terra Santa, presente qui da 800 anni, ha fatto del suo meglio per includere la Terra Santa Helen Keller nel gruppo di scuole che amministra nella Città Santa.

“Questo è un grande messaggio della Custodia di Terra Santa per le persone non vedenti – così fr Ibrahim Faltas - stiamo facendo un grande passo per annettere questa scuola ai nostri lavori e questo è un messaggio per tutti gli abitanti di Gerusalemme. La Custodia di Terra Santa sta aiutando chi ne ha più bisogno. É da questo che nasce questa iniziativa “.

“Ringrazio il mio Signore di tutto – ha concluso Abdul – quando ho perso la vista, mi sono trovato davanti a molte difficoltà, ma non mollerò mai”.

Per altre news sulla Terra Santa visita il sito Christian Media Center



Coraggio Lotta Terra Santa

Articoli correlati

09 Feb 2019

Lo Status Quo della Terra Santa

Mostra al Museo d’Arte di Tel Aviv
22 Gen 2019

Gerusalemme: Winter School della Hebrew University in Custodia

La Biblioteca della Custodia apre le porte al confronto
31 Dic 2018

Tenore francescano canta la nascita di Gesù

Concerto di frate Alessandro a Gerusalemme
12 Nov 2018

Da campo di battaglia a campo di pace

Completata l'opera di sminamento nei pressi del fiume giordano
03 Nov 2018

Resteremo cristiani fino alla morte

Testimonianze dalla Siria
17 Ott 2018

“Requiem for the living” di Dan Forrest

Concerto pro Terra Santa a Perugia
26 Mag 2019

“La Bibbia dell’Amicizia” di p. Giulio Michelini

Giovedì 30 maggio alle ore 17.00 a Perugia, presso la Sala del Dottorato, S. Em.za il Card. Gualtiero Bassetti interverrà alla presentazione del volume “La Bibbia dell’Amicizia”, curato da P. Giulio Michelini e da Marco Cassuto Morselli per la San Paolo Edizioni. Il volume è stato pubblicato grazie al contributo...