VENERDÌ della II sett. di Avvento S. GIOVANNI DELLA CROCE, sacerdote e dottore – MEMORIA (bianco)
venerdì, 14 dicembre 2018
Discorso per il Giubileo dei governanti e dei parlamentari di Giovanni Paolo II 06 Dic 2018

I doveri del cristiano in politica

L’incontro mi è propizio per riflettere sulla natura e sulla responsabilità che comporta la missione a cui, nella sua amorosa provvidenza, Dio Vi ha chiamati. La vostra, infatti, può ben essere considerata come una vera e propria vocazione all’azione politica: in pratica, al governo delle nazioni, alla formazione delle leggi e all’amministrazione della cosa pubblica, a vari livelli.

È necessario allora interrogarsi sulla natura, sulle esigenze e sugli scopi della politica, per viverla da cristiani e da uomini consapevoli della sua nobiltà e, insieme, delle difficoltà e dei rischi che essa comporta. La politica è l’uso del potere legittimo per il raggiungimento del bene comune della società: bene comune che, come afferma il Concilio Vaticano II, “si concreta nell’insieme di quelle condizioni sociali che consentono e favoriscono negli esseri umani, nelle famiglie e nelle associazioni il conseguimento più pieno e più spedito della propria perfezione” (Gaudium et spes, 74).

L’attività politica deve perciò svolgersi in spirito di servizio. Giustamente il mio predecessore Paolo VI ha affermato che “la politica è una maniera esigente...di vivere l’impegno cristiano a servizio degli altri” (Octogesima adveniens, 46). Perciò, il cristiano che fa politica - e vuole farla ‘da cristiano’ - deve agire con disinteresse, cercando non l’utilità propria, né del proprio gruppo o partito, ma il bene di tutti e di ciascuno, e quindi, in primo luogo, di coloro che nella società sono i più svantaggiati.

Nella lotta per l’esistenza, che talvolta assume forme spietate e crudeli, non sono pochi i ‘vinti’, che vengono messi inesorabilmente da parte. […] Questa deve essere, appunto, la preoccupazione essenziale dell’uomo politico, la giustizia: una giustizia che non si contenti di dare a ciascuno il suo, ma tenda a creare tra i cittadini condizioni di uguaglianza nelle opportunità, e dunque a favorire quelli che per condizione sociale, per cultura, per salute rischiano di restare indietro o di essere sempre agli ultimi posti nella società, senza possibilità di personale riscatto.

Giovanni Paolo II

Per approfondimenti vai su San Bonaventura Informa




Bene Bene comune Cristiani Giovanni Paolo II Politica Testimonianza

Articoli correlati

13 Dic 2018

Saranno come le stelle nel cielo

Vieni anche tu a guardare il cielo nella notte di Betlemme…e una Stella ti sorriderà
11 Dic 2018

Per i miei fratelli e sorelle dell’Islam e del mondo intero

La testimonianza delle Piccole Sorelle di Gesù
03 Nov 2018

Resteremo cristiani fino alla morte

Testimonianze dalla Siria
02 Nov 2018

“Sorella infermità”, una bicicletta che sto imparando a pedalare

fra Michele Impagniatiello e la sua testimonianza di frate minore
13 Ott 2018

I miei occhi si consumano nel dolore

La sofferenza e il lutto:ferite o squarci di luce?
13 Dic 2018

Saranno come le stelle nel cielo

Vieni anche tu a guardare il cielo  nella notte di Betlemme … e una Stella ti sorriderà