ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Di p. Adriano, Direttore della Rivista “Porziuncola” 15 Gen 2016

I francescani nel Dna dell’Umbria

Avete presente la lunghissima doppia elica del Dna, che costituisce l’’anima’ intima dell’identità di ogni persona? Complessa, personale, unica, e che – grazie a scienziati come Watson, Crick e Dulbecco – è ovunque conosciuta e studiata come tassello fondamentale dell’organismo umano. Bene, se si potesse mappare il “Dna dell’Umbria” troveremmo di certo, e non in piccola misura, numerosi “geni” di Francesco d’Assisi.

Sì, perché quando dici Umbria non è possibile prescindere da Francesco di Pietro di Bernardone, nato l’anno 1181 circa e morto 45 anni dopo alla Porziuncola, né prescindere dal francescanesimo. Francesco e i francescani, dunque. Fin dai primi anni del Duecento sorse un popolo di fratres e pauperes Domini (frati e poveri del Signore) che, sulle orme dell’Assisiate, si moltiplicarono andando poi in ogni dove, fino ai confini del mondo. Innumerevoli sono in Umbria i borghi che conservano il ricordo del passaggio di Francesco, della sua permanenza, della sua testimonianza o di un miracolo avvenuto per intervento o intercessione dell’alter Christus (il “secondo Gesù Cristo” come era chiamato il Poverello nel Medioevo). In tutti i modi, da Amelia a Città di Castello, da Città della Pieve a Gualdo e poi Spello, Foligno, Nocera, Spoleto, Terni, Massa Martana, Todi, Perugia, Montone e Gubbio e decine di altri luoghi, primo tra tutti Assisi. I Francescani di oggi: Minori, Conventuali, Cappuccini, Clarisse, Terziari regolari e secolari, e innumerevoli denominazioni di istituti femminili, popolano la nostra splendida verde Umbria.

Ma cosa fanno, oggi, i figli e le figlie di san Francesco in Umbria? Quali presenze, quali attività, in che modo incarnano la forma di vita “inventata” dal figlio del ricco mercante di stoffe di Assisi? Sono presenti e attivi soprattutto nei numerosi santuari della città serafica: tra essi le due basiliche papali di San Francesco e di Santa Maria degli Angeli, ma anche una costellazione di santuari e chiese minori in ogni angolo della regione. Poi ancora, circa 50 parrocchie nelle varie diocesi: a Terni, Perugia, Assisi, Foligno, Città di Castello, ma anche nella lussureggiante campagna della Conca ternana, nel Tuderte, nella Valle spoletana, nell’Alto Tevere, come pure nelle zone di montagna, vicino ai pochi e spesso anziani residenti. Svolgono servizio negli ospedali di Perugia, Terni, Foligno, Branca e Umbertide, come anche nel carcere di Terni. Alle porte delle “case di prima accoglienza” insegnano sulle cattedre in scuole di ogni ordine e grado. Impegnati nell’editoria, nella convegnistica, nell’evangelizzazione dei giovani, delle famiglie, dei lontani o anche accanto alle emergenze sociali come i profughi, i senza fissa dimora, le donne violate, gli zingari, i malati, gli anziani, i morenti… Nell’ambito della ricerca, dello studio e, in eremi sperduti, nella più difficile delle arti: la preghiera.

Queste le opere, almeno alcune, svolte secondo lo spirito francescano, nella fraternità. Ma più importante del fare è l’essere. L’essere nella vigna del Signore anzitutto con la propria umanità, la vicinanza lieta e la cordialità verso i molti che bussano alle porte dei luoghi dove risiedono i frati e le suore francescane. A servizio della Chiesa e delle “pecorelle” per impregnarsi del loro “odore”, come ha detto Papa Francesco con una indimenticabile immagine. E se tutto ciò non bastasse per essere riconosciuti, insieme a Benedetto, come una delle radici costitutive della regione Umbria, sarebbero tuttavia felici e fieri di essere riconosciuti come figli di Dio e di san Francesco.

Articolo pubblicato su La Voce di venerdì 11 dicembre 2015.

Segui il link per informazioni sulla Rivista Porziuncola.



Adriano Bertero Frati Umbria

Articoli correlati

27 Mag 2024

Padre Dario Pili: da Aritzo al cuore dell’uomo col Vangelo e lo spirito di San Francesco

Convegno in ricordo di padre Dario Pili Sabato 1 giugno 2024 - Aritzo
07 Mag 2024

OFS d’Italia: eletto il nuovo Consiglio nazionale. Luca Piras riconfermato presidente

Ad Assisi, il 4 Maggio, l’Ordine Francescano Secolare d’Italia ha eletto il suo nuovo Consiglio nazionale: a guidare la fraternità dei laici francescani saranno Luca Piras
01 Mag 2024

Un tuffo nella bellezza…INSIEME!

Alcuni frati del Convento Porziuncola, si sono recati alla Galleria Nazionale dell’Umbria per ammirare la mostra “L’Enigma del Maestro di San Francesco. Lo stil novo del Duecento Umbro”.
22 Apr 2024

Beato Egidio di Assisi, una storia ironica di santità

La comunità francescana del convento di Monteripido in Perugia, rivive la tradizionale celebrazione della Festa del terzo compagno di San Francesco
13 Mar 2024

San Salvatore da Horta (1520-1567)

Quando la santità è scomoda
13 Mar 2024

GLI OSSERVANTI A UMBERTIDE

ANDREA MAIARELLI PARLA DEGLI OSSERVANTI A SANTA MARIA DELLA PIETA’
23 Mar 2024

La Domenica delle Palme di Santa Chiara di Assisi

Abbracciare per amore di Cristo l’Altissima Povertà Santa Chiara Monastero Clarisse