NATIVITÀ DI S. GIOVANNI BATTISTA SOLENNITÀ (bianco)
lunedì, 24 giugno 2019
Integrare è accogliere ragionevolmente 27 Feb 2019

Il Papa e san Francesco tra accoglienza e prudenza

Papa Francesco nel volo di ritorno dal viaggio in Irlanda il 27 agosto 2018 nella conferenza stampa ha affermato: «Accogliere i migranti è una cosa antica come la Bibbia. […] È un principio morale. Su questo ho parlato, e poi ho visto che dovevo esplicitare un po’ di più, perché non si tratta di accogliere “alla belle étoile”, no, ma un accogliere ragionevole. E questo vale in tutta l’Europa.

Quando mi sono accorto di come dev’essere questo atteggiamento ragionevole? Quando c’è stato l’attentato a Zaventem [Belgio]: i ragazzi, i guerriglieri che hanno fatto l’attentato a Zaventem erano belgi, ma figli di immigrati non integrati, ghettizzati. Cioè, erano stati accolti dal Paese ma lasciati lì, e hanno fatto un ghetto: non sono stati integrati. Per questo ho sottolineato questo, è importante. Poi […] quando sono andato in Svezia ho parlato dell’integrazione, e lo sapevo perché durante la dittatura, in Argentina, dal 1976 al 1983, tanti, tanti argentini e anche uruguayani sono fuggiti in Svezia. E lì, subito il governo li prendeva, faceva loro studiare la lingua e dava loro lavoro, li integrava. […] La Svezia è stata un modello. Ma, in quel momento, la Svezia incominciava ad avere difficoltà: non perché non avesse buona volontà, ma perché non aveva le possibilità di integrazione. Questo è stato il motivo per cui la Svezia si è fermata un po’, ha fatto questo passo. Integrazione.

E poi, ho parlato qui, in una conferenza stampa fra voi, della virtù della prudenza che è la virtù del governante, e ho parlato della prudenza dei popoli sul numero o sulle possibilità: un popolo che può accogliere ma non ha possibilità di integrare, meglio non accolga. Lì c’è il problema della prudenza. E credo che proprio questa sia la nota dolente del dialogo oggi nell’Unione Europea». Tale indicazione a coniugare accoglienza e prudenza richiama l’esperienza cristiana di Francesco d’Assisi il quale se nel Testamento indica il fare misericordia come centro del suo cambiamento di vita (cfr. P. Messa, Francesco il misericordioso, Ed. Terra Santa, Milano 2018), alla Porziuncola sgrida frate Giacomo il semplice di aver portato fuori dal lazzaretto un lebbroso sfigurato dalle ulceri (Compilazione di Assisi, 64: Fonti Francescane, 1592 [1569]).

In questa tensione tra misericordia e prudenza, accoglienza e ragionevolezza si intravvede la prospettiva de “l’opposizione polare” di Romano Guardini tanto cara a papa Francesco e indicazione per il concreto vivente.  



Accoglienza Immigrati Integrazione Papa Francesco San Francesco

Articoli correlati

21 Giu 2019

Come santo Francesco fece una quaresima in un’isola del lago di Perugia

Alla scuola dei Fioretti di San Francesco
08 Giu 2019

Papa Francesco a Camerino sotto il manto di Maria, come santa Camilla Battista da Varano

Il 16 giugno la visita del Santo Padre a Camerino
05 Giu 2019

Residenza universitaria di Monteripido a Perugia

Iscrizioni per l'Anno Accademico 2019/2020
24 Mag 2019

Francesco e la benedizione a frate Bernardo

Alla scuola dei Fioretti di San Francesco
17 Mag 2019

L'umiltà che conquista

Alla scuola dei Fioretti di San Francesco
11 Mag 2019

“Economy of Francesco”. Patto comune per una nuova economia

Papa Francesco ad Assisi dal 26-28 marzo 2020 per ri-animare l'economia a partire dai giovani
24 Giu 2019

Agostino e la speranza cristiana nel commento ai Salmi ascensionali

Il testo approfondisce un autore molto noto nel panorama teologico di sempre, eppure ancora così poco esplorato mentre “fa teologia” quando “predica” al popolo, assolvendo, così, al suo ministero di presbitero, prima, di vescovo, poi, cui tutto il resto, a partire dal 391, Agostino ha subordinato.