ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Riflessione sulla I domenica di Quaresima 10 Mar 2019

Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto

Inizia oggi la Quaresima: i quaranta giorni che preparano alla Pasqua; un itinerario da compiere nello spirito, per una conversione interiore che ci conduca a un’obbedienza più piena della Parola di Dio. Andare nel deserto – tema di questa prima domenica – per noi potrebbe significare allontanarci da tutto ciò che ci distrae, per vivere più intensamente il nostro rapporto con Dio.

Il Vangelo di questa prima Domenica di Quaresima ci indica tre tipi di tentazioni alle quali possiamo essere soggetti ma sempre nella certezza che Dio però rimane fedele, ci prende per mano, ci guida nei momenti difficili, anche quando abbiamo l’impressione di essere abbandonati.

La prima tentazione consiste nella ricerca affannosa dei beni materiali: “Se tu sei Figlio di Dio, di’ a questa pietra che diventi pane”. Pretendere da Dio che si sostituisca a noi e provveda miracolosamente ai bisogni dell’umanità. Ma Gesù risponde con la Parola di Dio: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”. Occorre interrogarsi e lasciarsi convertire dalla Parola.

La seconda tentazione avviene sul pinnacolo del Tempio di Gerusalemme. Il diavolo mostra a Gesù tutti i regni della terra e dice “Tutto sarà tuo, se prostrandoti, mi adorerai. È la proposta del potere come primo valore della vita, prima ancora di Dio; è la ricerca del miracoloso, di segni spettacolari, invece di nutrire la nostra fede della parola di Dio e dei sacramenti. Gesù smaschera questo tentativo e lo respinge: “Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto”.

Nella terza tentazione il diavolo propone a Gesù di compiere un miracolo spettacolare: “gettarsi dalle alte mura del tempio e farsi salvare dagli angeli”.

Secondo il Vangelo, desiderare il potere suo ogni cosa è l’esperienza più drammatica di male che l’essere umano possa fare. Ma Gesù ci insegna che non è per la “via spaziosa” che si arriva al Padre, ma per la “via stretta ed angusta”. Sta scritto: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”. Non possiamo renderci schiavi delle cose, dobbiamo mettere Dio al primo posto.

Poniamo davanti ai nostri occhi Gesù che, tentato in tutta la sua vita, rimane fedele, cerca la volontà del Padre, si affida completamente a lui, vincendo tutte le tentazioni; anche noi abbiamo ricevuto lo Spirito che guida nel nostro cammino.

Ci auguriamo che in questo tempo forte che iniziamo con questa domenica, possiamo veramente rinnovare la nostra vita per giungere al momento culminante della pasqua con un’unione più viva al Cristo Risorto.

p. Stefano Orsi



Deserto I Domenica di Quaresima Quaresima Riflessione Stefano Orsi Tentazione

Articoli correlati

24 Feb 2024

Ti saluto o croce santa

Prosegue nei venerdì di Quaresima la bella devozione della Via Crucis
22 Feb 2024

Francesco, il Somigliante

Primo appuntamento del ciclo di Predicazioni quaresimali alla Porziuncola
12 Feb 2024

Inizia il Tempo di grazia della Santa Quaresima

Prepariamo i nostri cuori all’ascolto orante della Parola
13 Apr 2023

Per una Pasqua di Resurrezione

I giorni di Pasqua alla Porziuncola
10 Apr 2023

L’amore aspetta solo di essere donato

Omelia giorno di Pasqua p. Francesco Piloni Ministro Provinciale
08 Apr 2023

Il silenzio, l’unica risposta

Riflessione sul Sabato Santo p. Cornelio Pallares
24 Mag 2024

Solennità del Corpus Domini alla Porziuncola

Il Programma 2024 delle Celebrazioni liturgiche in Basilica