ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Commento al Vangelo della IV Domenica di Avvento 17 Dic 2022

Il sogno di Giuseppe

Commento al Vangelo della IV Domenica di Avvento a cura di fra Giulio Michelini ofm

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 1,18-24
 
Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Però, mentre stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa "Dio con noi".
Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

Parola del Signore.

 



Avvento Commento Domenica Giulio Michelini IV Domenica di Avvento

Articoli correlati

16 Nov 2023

Dalla schiavitù alla libertà

Il libro dell’esodo
03 Mag 2023

Una santità che armonizza fede, ragione e spiritualità

Giornata di studio su Duns Scoto
13 Apr 2023

Per una Pasqua di Resurrezione

I giorni di Pasqua alla Porziuncola
24 Dic 2022

Dio-con-noi, Dio-per-noi, Dio-in-noi.

VII serata del Settenario in preparazione alla solennità del Natale
23 Dic 2022

Dov'è lo straniero?

VI serata del Settenario in preparazione alla solennità del Natale
22 Dic 2022

Arrendersi al desiderio di Dio per noi

V serata del Settenario in preparazione alla solennità del Natale
12 Feb 2024

Inizia il Tempo di grazia della Santa Quaresima

Prepariamo i nostri cuori all’ascolto orante della Parola