MERCOLEDÌ della III sett. del T.O. Feria (verde)
mercoledì, 27 gennaio 2021
Seconda serata del Triduo in preparazione al Perdono 2016 31 Lug 2016

Il Tau sulla fronte

Continua la preparazione alla solennità del Perdono con la riflessione di p. R. Cantalamessa che stasera  ci guida attraverso una pagina dell’Antico Testamento tratta dal Libro del profeta Ezechiele (Ez 9,1-6). E’ questo un brano molto caro a san Francesco perché parla del tau, ultima lettera dell’alfabeto greco, che il profeta usava per segnare i salvati nel Giorno del Giudizio e che Francesco adotta per benedire le persone che incontrava nei suoi viaggi.

Questo segno ci fa ricordare come egli fosse innanzitutto un penitente, un uomo che cambiò indirizzo alla sua vita per orientarla definitivamente verso Dio. Egli edificava tutti con la semplicità della sua parola e con la purezza del suo cuore ma soprattutto invitava gli abitanti delle città in cui passava a fare penitenza. Ma che vuole dire esattamente fare penitenza? E’ proprio il segno del tau che ci permette di capirlo: per Francesco esso voleva dire conversione continua, abbandono costante del peccato.

Perché anche noi possiamo compiere tale conversione dobbiamo percorrere un cammino fatto di diverse tappe: la prima è l’esame di coscienza, tappa che ci permette di prendere contatto con il nostro peccato, di guardarlo in faccia. La seconda è la cosiddetta metanoia, ossia il cambiamento di mentalità radicale e profonda che parte dal cuore e si compie gettandosi nelle braccia misericordiose del Signore. La terza tappa è il proposito di tagliare definitivamente col peccato, magari con un peccato in particolare, quello relegato in un angolo oscuro della nostra vita che rende schiavi e sempre perdenti.

L’ultima e fondamentale tappa è la “distruzione del corpo del peccato” che può compiersi solo per mezzo dei Sacramenti e in particolare di quello della Riconciliazione.

Che il Signore per intercessione di Francesco ci conduca per questo itinerario, ci sorregga con la grazia del suo Spirito in ogni tappa per giungere alla vera vita, quella della comunione profonda con Dio.



Perdono di Assisi Raniero Cantalamessa Tau Triduo

Articoli correlati

31 Dic 2020

La Pace secondo san Francesco

La libertà dell’apertura al prossimo
03 Ott 2020

Le ferite della fraternità ci insegnano le sofferenze dell’amore

Meditazione conclusiva del Triduo in preparazione al Transito di San Francesco
02 Ott 2020

Io senza di te non posso vivere

Seconda serata del Triduo in preparazione alla Solennità del Transito di San Francesco
01 Ott 2020

Guardare l'altro con gli occhi di Dio

Prima meditazione del Triduo di san Francesco alla Porziuncola
08 Ago 2020

San Francesco tra il perdono di Assisi e l’ecologia integrale

Riflessione di p. Pietro Messa
07 Ago 2020

Chiara di nome, più chiara per vita, chiarissima per virtù

Triduo e Solennità di S.Chiara all'Eremo delle Carceri
Leggi altre notizie dallo speciale

18 Gen 2021

Come i Protomartiri francescani, seguiamo le orme dell'Agnello

Festa dei Protomartiri francescani a Terni