SS. TRINITÀ SOLENNITÀ (bianco)
domenica, 27 maggio 2018
di fr. Giovanni Loche, Segretario per la FeS della CTS 18 Apr 2018

Incontro tra i frati Under Ten della Custodia residenti in Italia

Anche in questo anno si è potuta organizzare una tre giorni di incontro, formazione e condivisione tra i frati Under Ten della Custodia residenti in Italia per servizi vari o per motivi di studio.

Se l’anno passato era stata scelta come sede operativa il Commissariato generale della CTS di Napoli in questa occasione si è soggiornato a Roma presso la Delegazione di TS, squisitamente accolti e assistiti da Fr. Giuseppe, il Guardiano e da tutta la Fraternità.

Erano presenti 10 frati provenienti da Roma, Napoli e Montefalco: Fr. Sergio da Napoli; Fr. Antonino e Fr. Theodorus da Montefalco; quelli residenti a Roma, Fr. Oscar, Fr. Badie, Fr. Ulise, Fr. Harout, Fr. Jordan e Fr. Amedeo della Delegazione; oltre Fr. Bernardo, ex studente in CTS, che ora presta servizio in Curia generalizia, dove risiede.

Nel primo giorno si è tenuto un incontro di scambio di informazioni e condivisione su vari aspetti della For­mazione nell’Ordine, sulla vita in generale in Custodia e in particolare del vissuto di ciascuno dei partecipanti.

La giornata di sabato 17 è stata dedicata alla formazione. La mattina ci siamo recati al Convento-Santuario francescano di San Francesco a Ripa, in Trastevere. Fr. Massimo Fusarelli, Guardiano, parroco e responsabile del Progetto Ripa, in un incontro itinerante storico-spirituale ci ha raccontato della prima presenza dei frati nella città di Roma presso l’ospizio di San Biagio, del movimento della Riforma all’interno dell’Ordine dei frati minori e dei vari santi presenti o che hanno vissuto nel convento: dallo stesso San Francesco, San Carlo da Sezze, la Beata Ludovica Albertoni, terziaria francescana, compatrona di Roma, della quale abbiamo ammirato la scultura posta nella cappella che raccoglie le sue spoglie mortali: creazione magistrale del famosissimo scultore Gian Lorenzo Bernini. Inoltre, altri frati venerabili come fra Innocenzo da Chiusa, fra Bartolomeo da Salutìo e il Servo di Dio fra Giuseppe Spoletini. Cuore della chiesa e del convento è la cappella che racchiude la stanza utilizzata da San Francesco nelle sue permanenze a Roma, con il bellissimo altare con il trittico di Margaritone di Arezzo con al centro San Francesco e ai lati San Ludovico e San Antonio. In essa abbiamo potuto concelebrare l’Eucarestia, presentando all’altare del Signore, per intercessione di San Francesco, le preghiere di intercessione per tutti noi e per la Custodia di Terra Santa.

Abbiamo poi condiviso il pranzo con la Fraternità locale e i diversi ospiti del Progetto Ripa, nato per persone in disagio, italiane e straniere e il loro reinserimento sociale e lavorativo, che condividono in tutto la vita dei e con i frati.

Nel primo pomeriggio ci siamo recati invece al convento di San Bonaventura al Palatino, altra sede storica dell’Ordine, sorto come Convento di Ritiro nel ‘600 ad opera del Beato Bonaventura da Barcellona, dove è vissuto ed è morto San Leonardo da Porto Maurizio, famoso predicatore e propagatore del Pio esercizio della Via Crucis.

Fr. Simone Gastaldi, della locale Fraternità e attuale animatore vocazionale, ha tenuto un incontro su San Francesco e alcuni accostamenti al mondo giudaico. Un’interessante novità visto che siamo abituati piuttosto a parlare di San Francesco e il suo rapporto con l’Islam. Dopo un periodo di personale riflessione si è svolto un ulteriore incontro per condividere ciò che detta presentazione aveva suscitato in ciascuno.

La preghiera in comune e la cena hanno chiuso in bellezza questa giornata intensa e ricca di tante novità.

La domenica 18, dopo la celebrazione comune della Eucaristia, si è svolto l’incontro con il Custode di Terra Santa, Fr. Francesco Patton, collegato via Skype dalla Curia di Gerusalemme.

Il tema trattato è stato sull’uso di Internet e dei Social media all’interno della vita dei frati.

Alla fine dell’incontro, in condivisione fraterna, abbiamo esposto le nostre impressioni a caldo o considerazioni personali sul tema, molto presente in questi ultimi anni nella vita dì Fraternità.

Il pranzo con la Fraternità locale ha concluso questa bella tre giorni di incontro.



Frati Terra Santa

Articoli correlati

26 Mag 2018

Lingue viventi capaci di proclamare la gioia e la speranza del Vangelo

Messaggio del CIME (Consiglio Internazionale per le Missioni e l’Evangelizzazione) ai Frati dell’Ordine
23 Mag 2018

I giovani di Terra Santa alla ricerca di Gesù

In 150 per una marcia francescana mossa dal desiderio dell’incontro
19 Mag 2018

Preghiera e digiuno per la pace e la giustizia in Terra Santa

Richiesta dal Custode di Terra Santa ed estesa dal Ministro generale a tutti i Frati
16 Mag 2018

Amore infinito

Partenza del 101° Giro d’Italia da Santa Maria degli Angeli
16 Mag 2018

Bibbia e archeologia

Una pagina dell’Osservatore Romano dedicata agli archeologi Frati Minori in Terra Santa
11 Mag 2018

Un pezzo di Terra Santa a Perugia

Inaugurata la mostra documentaria su “800 anni di presenza francescana in Terra Santa”
26 Mag 2018

Lingue viventi capaci di proclamare la gioia e la speranza del Vangelo

Convento SS. Salvatore, Gerusalemme 27 aprile 2018 Noi Segretari delle Conferenze per le Missioni e l’Evangelizzazione, raccolti anche come pellegrini per l’incontro biennale del Consiglio Internazionale per le Missioni e l’Evangelizzazione (aprile 23-27. 2018) vi auguriamo Pax et bonum – “pace e bene”!”. In quest’anno in cui celebriamo gli 800 anni...