NATIVITÀ DI S. GIOVANNI BATTISTA SOLENNITÀ (bianco)
lunedì, 24 giugno 2019
Concerto di frate Alessandro in occasione degli 800 anni dell'incontro tra Francesco e il Sultano 26 Feb 2019

L'Egitto si prepara a festeggiare San Francesco d'Assisi

Proseguono le celebrazioni in occasione degli 800 anni dallo storico evento della venuta in Egitto di San Francesco d’Assisi e del suo incontro con il Sultano Al-Malik Al Kamil nella città di Damietta, nel 1219.

L’Ordine dei Frati Minori esprime la sua gioia per quanti vorranno partecipare agli eventi in programma dall’1 al 3 marzo 2019. Questi gli appuntamenti.

Venerdì 1 marzo è prevista la visita e il pellegrinaggio alla città di Damietta e il concerto di fra Alesandro Brustenghi, tenore della Provincia di San Francesco d’Assisi.

Sabato 2 marzo sarà la volta del Convegno presso il Centro Conferenze di Al-Azhar “Al-Andalus Hall”.

Domenica 3 marzo il Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, S.E. Card. Leonardo Sandri, presiederà la Celebrazione Eucaristica presso la Chiesa di San Giuseppe, al Cairo. 



Alessandro Brustenghi Concerto Incontro Malik al-Kamil San Francesco Sultano

Articoli correlati

21 Giu 2019

Come santo Francesco fece una quaresima in un’isola del lago di Perugia

Alla scuola dei Fioretti di San Francesco
20 Giu 2019

Malta alla Porziuncola

Incontro tra le fraternità OFS
07 Giu 2019

Grate a Dio e a voi, carissimi frati!

Un lieto pomeriggio al monastero perugino delle Clarisse di S. Erminio
06 Giu 2019

Formati alla missione: incontro-testimonianza

L’Ordine francescano secolare di Santa Maria degli Angeli incontra i frati missionari
24 Mag 2019

La chiamata di Gesù a coltivare l’amicizia con Dio

Omelia del Ministro generale a conclusione dell’Incontro con i presidenti di Conferenza
24 Mag 2019

Francesco e la benedizione a frate Bernardo

Alla scuola dei Fioretti di San Francesco
Leggi altre notizie dallo speciale

24 Giu 2019

Agostino e la speranza cristiana nel commento ai Salmi ascensionali

Il testo approfondisce un autore molto noto nel panorama teologico di sempre, eppure ancora così poco esplorato mentre “fa teologia” quando “predica” al popolo, assolvendo, così, al suo ministero di presbitero, prima, di vescovo, poi, cui tutto il resto, a partire dal 391, Agostino ha subordinato.