XXV DOMENICA DEL T.O. (verde)
domenica, 22 settembre 2019
Venerdì 10 Maggio presentazione alla Biblioteca Porziuncola 01 Mag 2019

L’essenziale è invisibile agli occhi. Gli angeli nella tradizione francescana

La modalità con cui l’uomo si relaziona con la figura degli angeli ha sempre rappresentato, e tutt’ora rappresenta, un’efficace cartina tornasole del modo con cui egli vive, legge e interpreta la sua vita, la sua presenza nel cosmo e nel tempo, il suo cammino e la sua ricerca di senso. Negli ultimi secoli siamo infatti testimoni di un continuo alternarsi, forse anche in noi stessi, di scetticismo illuminista e riletture New Age, forme devozionali e massicce contaminazioni cinematografiche, musicali e letterarie.

La tradizione cristiana ci testimonia gli angeli come il segno della presenza di Dio, strumenti di luce e di consolazione per ogni uomo. Tuttavia, come può l’uomo post-moderno e post-secolare ritornare ad una coscienza di questi compagni di viaggio? Come San Francesco e la tradizione francescana possono aiutarlo a sentirsi ancora “preso per mano” nel cammino della vita?

P. Guglielmo Spirito si è avventurato in un viaggio di 8 secoli nel quale, partendo da San Francesco, certamente un testimone privilegiato dell’incontro con questi mediatori celesti, ha incontrato tante altre figure di frati, monache, suore e terziari francescani che hanno testimoniato il loro personale e ordinario rapporto con queste entità spirituali. Ne è venuto fuori un sorprendente e originale itinerario alla riscoperta e alla contemplazione della bellezza e della premura di Dio attraverso i suoi angeli che è divenuto un libro, dal titolo: L’essenziale è invisibile agli occhi. Gli angeli nella tradizione francescana, edito dalle edizioni Porziuncola. La prefazione del testo è stata scritta da p. Timothy Radcliffe, Maestro Generale dell’Ordine dei Predicatori dal 1992 al 2001, importante teologo e autore di temi legati alla vita spirituale.

Venerdì 10 maggio alle ore 17.30 presso la Biblioteca Porziuncola presenteremo il libro lasciandoci condurre proprio dall’intuizione del domenicano inglese, che nella sua prefazione ricorda come sia necessario, per avvicinarsi a un tema come questo, lasciarsi aiutare, più che dalla riflessione sistematica e accademica, dall’arte, in particolare quella figurativa e letteraria. Abbiamo quindi invitato il prof. Edoardo Rialti (docente universitario in Italia e Canada, curatore e traduttore di letteratura inglese, fantasy e fantascienza per diverse case editrici), il quale che ci accompagnerà alla scoperta di come alcuni autori importanti del ‘900 hanno cercato di rimettere i loro contemporanei in contatto con i messaggeri angelici.  Sarà ovviamente possibile acquistare il volume con uno sconto speciale e incontrare l’Autore, al quale indirizzeremo alcune domande per avere le giuste coordinate con le quali mettersi in cammino per ripercorrere il suo stesso viaggio! 



Biblioteca Porziuncola Guglielmo Spirito Libro Porziucola presentazione

Articoli correlati

12 Set 2019

Tre volontari per la Biblioteca Porziuncola

Bando del Servizio Civile Universale
23 Ago 2019

L'offerta di sé: un patire che diventa agire

Solennità di Maria Regina nella nostra Infermeria provinciale della Porziuncola
19 Ago 2019

Nulla dunque di voi trattenete per voi

Professione perpetua di sette Frati minori di Umbria e Sardegna
01 Ago 2019

La Chiesa, luogo della fratellanza universale

3^ meditazione del Triduo in preparazione alla Solennità del Perdono di Assisi
01 Ago 2019

Come Francesco chiese e ottenne l'indulgenza della Porziuncola

Oggi solenne Celebrazione di Apertura del Perdono di Assisi con il Ministro generale dei Frati Minori
31 Lug 2019

Il Perdono di Dio, vera guarigione del nostro cuore

2^ meditazione del Triduo in preparazione alla Solennità del Perdono di Assisi
28 Ago 2019

Guatemala, anno Domini 1981

Padre Tullio Maruzzo – al secolo Marcello – sacerdote professo dell’Ordine dei Frati Minori e Luis Obdulio Arroyo Navarro, il suo giovane catechista, dell’Ordine francescano secolare, uccisi insieme “in odium fidei” il primo luglio 1981 mentre tornavano in parrocchia dopo un incontro di catechesi.