GIOVEDÌ della XIV sett. del T.O. Ss. NICOLA PICK, WILLALDO e COMPAGNI, martiri I O. – MEMORIA (rosso)
giovedì, 09 luglio 2020
3^ catechesi quaresimale alla Porziuncola sulla “Conversione di Simon Pietro” 08 Mar 2018

L’incontro con uno sguardo che ama e libera

Nella Basilica papale di Santa Maria degli Angeli si è tenuta, durante la celebrazione dei Vespri di ieri sera mercoledì 7 marzo, la terza catechesi sulla “Conversione di Simon Pietro”: un ciclo di meditazioni, sui vari passaggi compiuti dall’apostolo alla sequela di Cristo, proposte nel tempo quaresimale per il cammino, per ciascuno personale, di conversione e così prepararsi a vivere e a celebrare la Pasqua, vittoria di Cristo sul male e sulla morte.

Continua, dunque, il cammino con l’apostolo Pietro, passando in sequenza le sue chiamate ognuno potrà meglio ascoltare le proprie: dopo l’entusiasmo degli inizia sul mare di Galilea, l’innamoramento iniziale che non può non esserci, c’è stato – nella seconda catechesi – l’annuncio di un amore che spinge al dono di sé e della propria vita: con Pietro ogni uomo è chiamato a scegliere tra il voler capire Dio ed il sentirsi amato da Lui.

L’ulteriore passaggio, suggerito dal percorso compiuto da Pietro, è quello – illustrato nella presente catechesi – da un amore possessivo e ripiegato ad uno gratuito e agapico. L’apostolo deve arrivarci attraverso tre annunci della passione, la lavanda dei piedi ed il suo triplice rinnegamento: “non lo so… , non lo conosco… , non so quello che dici…”. Ma soprattutto, perché il racconto non si chiude su questi eventi, grazie all’incontro con lo sguardo amante di Dio.

Gesù propone a Pietro, e ad ogni uomo, non di mettere da parte la ricerca di senso o il desiderio di grandezza, ma di abbandonare le infeconde vie dell’egoistica auto-realizzazione per seguire Lui, il Maestro, ed il suo modo nuovo di realizzarli. Gesù propone un rovesciamento amoroso dei criteri di approccio e valutazione di sé e degli altri, un abbassamento che Lui stesso fa per primo, Signore che si fa servo per amore. Scoprire la propria pochezza, riconoscerla ed i quella sentirsi amati di un amore che non può che essere gratuito … è questo che riscatta, è questo che libera, che eleva perché rialza sempre, che rende intimi a Dio.

Pietro senza quel triplice rinnegamento non avrebbe incontrato quello sguardo che ha la forza di convertire il cuore, di frantumare la durezza di chi è convinto di dovercela fare da solo o di stare continuamente sotto il test di un’approvazione … perché sperimenta che l’amore non si merita ma semplicemente si riceve. Ma quello stesso sguardo si è posato anche su Giuda, sul giovane ricco prima e … su ciascuno di noi ora! Il Signore aiuti tutti e ciascuno ad accoglierlo affinché liberi dal peso di qualunque fallimento possiamo sperimentare il desiderio e la gioia di donarci.



Catechesi Conversione Francesco Pio Russi Perdono Porziuncola Quaresima San Pietro

Articoli correlati

28 Giu 2020

Un amore più grande

Riflessione sul Vangelo della XIII Domenica del T.O.
24 Giu 2020

“È risorto il terzo giorno”

Lettura biblico-spirituale dell'esperienza della pandemia
17 Giu 2020

Carlo Acutis sarà beato il 10 ottobre ad Assisi

La Celebrazione alla Basilica di San Francesco
12 Giu 2020

Economy of Francesco: Seminari on line con Petrini e Capra

Si parte domani alle 18 con il fisico e teorico dei sistemi, Fritjof Capra
05 Giu 2020

Farò di essi la mia dimora

Itinerario di ascolto per coppie di fidanzati e sposi in diretta dalla Porziuncola
01 Giu 2020

Dalla Porziuncola, una preghiera per i defunti di tutto il mondo

Invia la tua preghiera, l'affideremo a Dio per l'intercessione di San Francesco
08 Lug 2020

Capitolo virtuale della fondazione “San Francesco d'Assisi in Russia”

Nei giorni di sabato 13 e 20 giugno, la Fondazione “San Francesco d’Assisi in Russia” ha celebrato il proprio Capitolo secondo un formato “virtuale” tramite le videochiamate