ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Esperienza mariana di Francesco in Porziuncola 29 Lug 2023

L’indulgenza della santissima Madre di Dio

La liturgia francescana del 2 agosto, festa del Perdono di Assisi, dà alla Vergine il titolo di “veniae vena”, seguito da quello più usuale di “gratiae Mater”. Cioè Maria è chiamata “la vena dell’Indulgenza, del Perdono” e quindi “la Madre della grazia”, la cui prima espressione è appunto il perdono dei peccati.

Questo titolo riflette l’esperienza mariana di Francesco alla Porziuncola. Qui egli ha trovato Maria e, in lei, “la Madre della misericordia”, nell’espressione di san Bonaventura, e quindi “la vena del Perdono”. La Vergine non poteva mancare quando il Santo impetrò dal Cristo, in una visione del 1216, la famosa Indulgenza della Porziuncola.

“Questo luogo è santo – soleva dire Francesco ai primi frati – e Cristo e la Vergine sua madre vi hanno eletto dimora… Pertanto, o figliuoli, guardate questo luogo con riverenza e come degnissimo di tutto onore, quasi albergo di Dio, in special modo accetto a lui e alla Madre sua” (dallo Specchio di Perfezione).

E infatti le antiche narrazioni riallacciano l’Indulgenza del Perdono all’intercessione di Maria. Nel “Diploma” di fra Teobaldo Vescovo di Assisi, redatto nel 1310 sulla base di notizie fornite dai compagni stessi di Francesco, l’Indulgenza della Porziuncola è detta “Indulgenza della santissima Madre di Dio”, perché lucrabile nella sua casa e ottenuta per la sua intercessione.

Nello stesso documento si riferisce pure che Francesco, a Onorio III che voleva consegnargli la Bolla dell’Indulgenza concessa, rispose nella sua semplicità: “A me basta soltanto la vostra parola. Se è opera di Dio, Lui stesso deve manifestare l’opera sua. Di questa cosa io non voglio nessun altro documento, ma solo che la Beata Vergine Maria sia la carta, Cristo il notaio e gli angeli i testimoni”.

Così Maria si trova all’origine dell’Indulgenza del Perdono: e non poteva essere diversamente, perché ella – come crede da sempre la Chiesa – è la dispensatrice di tutte le grazie. “Per mezzo di lei noi abbiamo conseguito la misericordia”; da lei è sbocciata la misericordia di Dio, che per Francesco è Cristo stesso. Era del tutto conveniente che anche l’Indulgenza della Porziuncola scaturisse nella Chiesa per opera di Lei.

Il Perdono di Assisi è il dono eccezionale ottenuto dal Poverello con l’intercessione della Vergine. Comunicandoci la grazia divina del perdono, ella ci libera dal peccato, che è il vero male e tutto il male del mondo; ci libera dalla disperazione e dalla morte eterna, che sono i frutti del peccato. Per questo la Chiesa di S. Maria della Porziuncola è la casa della speranza e della salvezza, perché è la casa del ritorno a Dio, dell’incontro con il Padre misericordioso. Quando Francesco, tornato alla Porziuncola con l’approvazione papale, diede l’annunzio dell’Indulgenza, incominciò con queste parole: “Io voglio mandarvi tutti in Paradiso!”.

La Porziuncola è la porta del Paradiso, perché vi abita Colei che è “la vena del Perdono” e che la Chiesa invoca, fiduciosa come “ianua Coeli”. Lei, la porta del Cielo.



Indulgenza Perdono di Assisi Porziuncola Vergine Maria

Articoli correlati

19 Apr 2024

«Creare casa» (Christus vivit, 217)

61ª Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni
18 Apr 2024

Assisi: un gol da 1 milione e mezzo di euro per il campanile!

Vanno eseguiti alcuni improcrastinabili lavori al campanile della Basilica di Santa Maria degli Angeli. “Mettiamo in sicurezza un simbolo dell’Italia”, afferma il Commissario straordinario, Guido Castelli
10 Apr 2024

Corso “Dove sei?” per uomini e donne single dal 24 al 27 MAGGIO 2024

Un percorso triennale sui tre Sacramenti della Iniziazione Cristiana
31 Mar 2024

Questa è la vera Pasqua

Terzo giorno ovvero Veglia pasquale e Domenica di Risurrezione
30 Mar 2024

Con ingiusta condanna fu tolto di mezzo

Seconda giornata del Triduo Pasquale: Via Crucis, Passio Domini e Processione del Cristo morto
29 Mar 2024

Amore senza data di scadenza

Prima giornata del Triduo Pasquale: Messa in coena Domini e Reposizione
23 Mar 2024

La Domenica delle Palme di Santa Chiara di Assisi

Abbracciare per amore di Cristo l’Altissima Povertà Santa Chiara Monastero Clarisse