ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Celebrazione dei Primi Vespri della solennità del Perdono d’Assisi 01 Ago 2018

L’indulgenza è raggio di sole che incontra i nostri occhi spenti

I giorni precedenti al Perdono, sono stati arricchiti dal Triduo di preparazione guidato dalle riflessioni di S. Ecc. Mons. Luciano Paolucci Bedini, Vescovo di Gubbio. Questo cammino ci ha portati a questa giornata di “apertura del Perdono” che si è aperta con la Celebrazione solenne presieduta da p. Michael Perry, Ministro generale dei Frati Minori (leggi l’omelia integrale).

È stato S.Ecc. Domenico Sorrentino, Vescovo di Assisi – Nocera U. – Gualdo T., ad aprire, con la Celebrazione dei I Vespri, la Solennità del Perdono d’Assisi; la Celebrazione è stata preceduta dalla tradizionale processione della Diocesi di Assisi e della città, rappresentata dal sindaco Stefania Proietti che ha offerto a p. Giuseppe Renda, Custode della Porziuncola – come da tradizione – l’incenso come segno della preghiera che continua si eleva a Dio per chiedere anche la Sua protezione e benedizione sulla città tanto cara al Serafico Padre Francesco.

Mons. Sorrentino, nella sua riflessione ha parlato del mistero del perdono di Dio e dell’indulgenza, usando come chiave interpretativa quella stessa frase usata da Francesco per annunciare l’indulgenza ottenuta dalla Santa Sede: “voglio mandarvi tutti in paradiso”.

“C’è – ha continuato il Vescovo – un paradiso perduto a causa del peccato e una realtà che piuttosto, spesso, assomiglia a un inferno”. Ma il “paradiso perduto” ha in sé la nostalgia del sogno di Dio, e il perdono è la restituzione, da parte di Dio di questo paradiso: il “paradiso ritrovato”.

Ogni peccato, anche se perdonato, ci lascia dentro una fatica che appesantisce il nostro cammino verso il terzo passo, ovvero la “costruzione” del paradiso. L’indulgenza non è un’azione magica né qualcosa che sostituisce l’impegno dell’uomo in questo cammino, ma piuttosto uno slancio di forza, un sovrappiù di grazia nella costruzione di una vita rinnovata.

Infine Mons. Sorrentino ha posto l’attenzione sul carattere ecclesiale dell’indulgenza: essa infatti ci permette di entrare in sintonia con Dio e con la chiesa in una vita più evangelica e più ecclesiale.



Domenico Sorrentino Paradiso Perdono di Assisi Primi Vespri Stefania Proietti Tutti in Paradiso

Articoli correlati

23 Mag 2024

Carlo Acutis presto santo!

Oggi, 23 maggio 2024, Papa Francesco ha promulgato il Decreto in cui è attribuito un miracolo all'intercessione del Beato Carlo
20 Mag 2024

A un progetto dell'Amazzonia il "Premio Internazionale Francesco d'Assisi e Carlo Acutis"

Prisco: “Economia sostenibile, tema cruciale”; O’Malley: “Questo riconoscimento scuola per uno sviluppo diverso”; Sorrentino: “Da Assisi un laboratorio per una nuova casa comune”
24 Apr 2024

Chi ha creato tutto questo, era sicuramente innamorato

L’inaugurazione del progetto Assisi Terra Laudato Si’
17 Apr 2024

Tutti in Paradiso!

Il cammino di santità dei laici francescani
03 Nov 2023

San Francesco Marathon: oltre 1.900 iscritti

Tutto pronto per l’evento podistico dell’anno
27 Ott 2023

Una maratona nel nome di san Francesco

San Francesco Marathon: appuntamento sportivo della SSD Life Running Assisi
25 Apr 2024

Benedetti... benediciamo!

Siamo andati a conoscere l’Angolo delle Benedizioni: si tratta di un servizio attivato da qualche anno nel cuore del Santuario di S. Maria degli Angeli



  • 11 Apr 2024

    Pregò e disse: Ave Maria

    Presentazione a Stroncone di quella che si ritiene essere, al momento, la più antica versione dell'Ave Maria: risale al Trecento