VENERDÌ della V sett. di Pasqua DEDICAZIONE DELLA BASILICA PAPALE DI S. FRANCESCO IN ASSISI – FESTA (bianco)
venerdì, 24 maggio 2019
Celebrazione dei Primi Vespri della solennità del Perdono d’Assisi 01 Ago 2018

L’indulgenza è raggio di sole che incontra i nostri occhi spenti

I giorni precedenti al Perdono, sono stati arricchiti dal Triduo di preparazione guidato dalle riflessioni di S. Ecc. Mons. Luciano Paolucci Bedini, Vescovo di Gubbio. Questo cammino ci ha portati a questa giornata di “apertura del Perdono” che si è aperta con la Celebrazione solenne presieduta da p. Michael Perry, Ministro generale dei Frati Minori (leggi l’omelia integrale).

È stato S.Ecc. Domenico Sorrentino, Vescovo di Assisi – Nocera U. – Gualdo T., ad aprire, con la Celebrazione dei I Vespri, la Solennità del Perdono d’Assisi; la Celebrazione è stata preceduta dalla tradizionale processione della Diocesi di Assisi e della città, rappresentata dal sindaco Stefania Proietti che ha offerto a p. Giuseppe Renda, Custode della Porziuncola – come da tradizione – l’incenso come segno della preghiera che continua si eleva a Dio per chiedere anche la Sua protezione e benedizione sulla città tanto cara al Serafico Padre Francesco.

Mons. Sorrentino, nella sua riflessione ha parlato del mistero del perdono di Dio e dell’indulgenza, usando come chiave interpretativa quella stessa frase usata da Francesco per annunciare l’indulgenza ottenuta dalla Santa Sede: “voglio mandarvi tutti in paradiso”.

“C’è – ha continuato il Vescovo – un paradiso perduto a causa del peccato e una realtà che piuttosto, spesso, assomiglia a un inferno”. Ma il “paradiso perduto” ha in sé la nostalgia del sogno di Dio, e il perdono è la restituzione, da parte di Dio di questo paradiso: il “paradiso ritrovato”.

Ogni peccato, anche se perdonato, ci lascia dentro una fatica che appesantisce il nostro cammino verso il terzo passo, ovvero la “costruzione” del paradiso. L’indulgenza non è un’azione magica né qualcosa che sostituisce l’impegno dell’uomo in questo cammino, ma piuttosto uno slancio di forza, un sovrappiù di grazia nella costruzione di una vita rinnovata.

Infine Mons. Sorrentino ha posto l’attenzione sul carattere ecclesiale dell’indulgenza: essa infatti ci permette di entrare in sintonia con Dio e con la chiesa in una vita più evangelica e più ecclesiale.



Domenico Sorrentino Paradiso Perdono di Assisi Primi Vespri Stefania Proietti Tutti in Paradiso

Articoli correlati

04 Mag 2019

Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito

A San Damiano, Festa del Santissimo Crocifisso
03 Mag 2019

Il sangue di Francesco, Reliquie di sangue di San Francesco d’Assisi e il prodigio della liquefazione

Presentazione sabato 4 maggio alle 16 al Refettorietto della Porziuncola
08 Apr 2019

Cari ragazzi, la Chiesa ha bisogno di voi per affrontare la Nuova Evangelizzazione

Santa messa del presidente della Cei per la traslazione del venerabile Acutis
26 Mar 2019

Una festa che riaccende la speranza

Il Vescovo di Assisi in Porziuncola per la Solennità dell'Annunciazione
23 Mar 2019

“Assisi terreno su cui costruire un dialogo di pace e fratellanza universale”

Visita stamane in Porziuncola degli Ambasciatori d’Egitto in Italia e presso la Santa Sede
01 Dic 2018

Intitolata a Santa Maria degli Angeli una via a p. Ulisse Cascianelli

L'Amministrazione di Assisi ricorda il frate minore a 10 anni dalla morte
21 Mag 2019

Il cammino dei patriarchi

Gli esercizi ignaziani sono un’esperienza spirituale in cui la preghiera si intreccia con la propria esistenza. Questa proposta non vuole tanto trasmettere nozioni, ma aiutare a sentire in profondità ciò che si medita, per passare dal sapere, al sapore e al gusto della Parola di Dio. Sant’Ignazio, infatti, dice chiaramente...