ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Primi Vespri della solennità del Perdono e Veglia di preghiera 02 Ago 2022

La grazia sovrabbondante di Dio

Dopo la solenne apertura della porta della Porziuncola da parte del Ministro Generale dei Frati Minori fr. Massimo Fusarelli durate la celebrazione eucaristica delle h. 11.00, la Basilica è rimasta aperta per permettere ai numerosi pellegrini di sostare un poco in preghiera per ricevere l’indulgenza ed entrare in comunione con il Padre della misericordia. I numerosi volontari, i frati e le suore della Basilica e del Convento e le forze dell’ordine del territorio hanno continuato per tutta la giornata ad assistere le persone che chiedevano di confessarsi, di far celebrare una messa per qualche intenzione o semplicemente per alcune indicazione o due parole su qualche argomento spirituale.

Il primo pomeriggio ha visto il santuario animato dalla folla dei pellegrini dell’Abruzzo che, come ogni anno, hanno vissuto un loro momento penitenziale e di celebrazione eucaristica per sottolineare la potenza della Grazia del Perdono della Porziuncola.

Alle h. 18.30 si è svolto il Pellegrinaggio della Città di Assisi che ha aperto, con la processione d’ingresso, la preghiera dei primi Vespri della Solennità presieduti da don Jean Claude Hazoumé, Vicario generale della diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino. Don Jean Claude ha sottolineato che solo Dio Trinità può perdonare perché senza peccato. Citando Mt 18, il Vicario si è chiesto perché s. Pietro domandi a Gesù quante volte perdonare il fratello e che senso abbia la risposta di Gesù di perdonare settanta volte sette cioè sempre. Fa paura questo “per sempre” perché in noi c’è la tentazione di dire che dobbiamo perdonare da soli. No, è Gesù che ci aiuta a perdonare, non siamo soli! Soprattutto, quando capiamo che Gesù è il primo che ci perdona sempre, non possiamo fare a meno di vivere come lui.

Poco dopo la celebrazione dei primi Vespri, si è tenuta la consueta Veglia di preghiera, leggermente anticipata alle h. 20.45 presieduta da fr. Luciano De Giusti, Ministro provinciale dei Frati Minori di Abruzzo-Lazio. Fr. Luciano ha evidenziato come la Misericordia di Dio abbia toccato s. Francesco quando era ancora nei peccati e sia stata il suo punto di svolta nella vita. Una misericordia gratuita che gli ha ferito il cuore facendolo rinascere. Misericordia dunque è l’amore viscerale, che ricorda l’utero della madre, un luogo dove tornare quando ci dimentichiamo di essere figli. Ecco perché rivolgerci a Maria Santissima che ha custodito nel suo ventre l’Amore di Dio: Gesù.

La basilica è poi rimasta aperta fino alle h. 23.00 mentre sul piazzale esterno della Chiesa si teneva il concerto della Banda Musicale della Polizia di Stato, diretta dal Maestro Maurizio Billi. Il concerto, che ha visto una grande partecipazione di pubblico, è stato promosso dalla Polizia di Stato che quest’anno celebra il 170° Anniversario dalla fondazione e dalla Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola con la collaborazione del Comune di Assisi e la partecipazione dell’Istituto Serafico. L’esibizione della Banda della Polizia di Stato è stata anche arricchita dall’esibizione del tenore fr. Alessandro Brustenghi, OFM.   



Omelia Perdono Perdono di Assisi Porziuncola Veglia

Articoli correlati

11 Ago 2022

Colui che ti ha creata, ti ha resa santa

Solennità di Santa Chiara ad Assisi
10 Ago 2022

Veglia di preghiera nel Transito di Santa Chiara

Segui in diretta la celebrazione presieduta dal Ministro Generale OFM a San Damiano
08 Ago 2022

A te ricorriamo, esuli figli di Eva

Solennità dell’Assunta alla Porziuncola
04 Ago 2022

Santa Chiara luce da Luce: memoria e profezia per la Chiesa di oggi

Programma delle celebrazioni nella Basilica di Santa Chiara e a San Damiano
03 Ago 2022

Questo luogo è santo!

La giornata del Perdono di Assisi alla Porziuncola
01 Ago 2022

La Porta è aperta, la tavola del Perdono è imbandita!

Apertura del Perdono di Assisi
11 Ago 2022

Colui che ti ha creata, ti ha resa santa

Solennità di Santa Chiara ad Assisi