MERCOLEDÌ della XXIV sett. del T.O. S. FRANCESCO MARIA da CAMPOROSSO, religioso I O. – MEMORIA (bianco)
mercoledì, 19 settembre 2018
Un progetto per aiutare le famiglie cattoliche delle due città 22 Mar 2018

La Nostra Casa a Gerusalemme e Betlemme

“La Nostra Casa” è un progetto promosso dalla Custodia di Terra Santa, con il sostegno dalla propria ONG, ATS pro Terra Sancta. I Francescani aiutano le famiglie cattoliche della Città Vecchia di Gerusalemme e di Betlemme finanziando interventi di restauro e consolidamento delle case.

All’inizio del cammino quaresimale la Custodia ha rilanciato il progetto: un modo concreto per salvare l’identità cristiana, i luoghi delle origini e rafforzare legami tra comunità d’oriente e occidente. I fondi raccolti servono per recuperare le abitazioni abbandonate nei centri storici di Betlemme e Gerusalemme, vicine alla Basilica della Natività e al Santo Sepolcro. Le proprietà vengono intestate alla Custodia di Terra Santa, riconosciuta dagli attuali Governi e tutelata dalla Comunità internazionale da antichi trattati e regolamenti ancora vigenti.

Una volta acquisite, vengono ristrutturate coinvolgendo e formando giovani locali disoccupati. Rimesse a nuovo vengono poi destinate, in parte a famiglie in difficoltà, in parte per l’accoglienza dei pellegrini, l’avviamento di botteghe o per valorizzare le produzioni alimentari e artigianali locali. I sostenitori del progetto potranno soggiornare nelle proprietà adibite all’accoglienza, vivendo presso i Luoghi Santi e conoscere le comunità locali. Il loro nome viene ricordato e legato in loco alle proprietà recuperate. Dato che i costi dei lavori sono spesso insostenibili per famiglie, l’Ufficio Tecnico della Custodia provvede alla ristrutturazione dei locali.

“Queste case accanto ai Luoghi Santi e la comunità che vi abita, spiega Fr. Sergey Loktionov, direttore dell’Ufficio Tecnico, rappresentano il cuore pulsante della piccola comunità cristiana cattolica di Gerusalemme, senza di loro la Gerusalemme cristiana non esisterebbe più. Perciò bisogna aiutati a rimanere”.

Il progetto “La Nostra Casa” è una risposta al preoccupante calo demografico delle comunità cristiane. I Frati della Custodia hanno registrato un drammatico processo di dismissione delle proprietà da parte di cittadini cristiani e del conseguente spopolamento negli antichi quartieri adiacenti al Santo Sepolcro, a Gerusalemme e alla Natività a Betlemme. Durante i lavori spesso emergono tesori nascosti di una storia millenaria. Gerusalemme Vecchia è un quartiere distrutto e ricostruito innumerevoli volte; sotto lo strato attuale, è facile trovare interi spazi abitativi.

Testo da AgenSIR. Per maggiori informazioni e donazioni, vai sul sito di ATS pro Terra Sancta.



Aiuto Betlemme Famiglia Gerusalemme Terra Santa

Articoli correlati

15 Set 2018

La Tenerezza come stile della Chiesa nel mondo

Iniziato alla Domus Pacis il Convegno della ”Casa della Tenerezza“
11 Set 2018

Beati i primi, se accolgono gli ultimi

Festa degli angeli 2018
05 Set 2018

Famiglie e anziani a Canoscio

A Città di Castello, a 140 anni dalla consacrazione del santuario
25 Ago 2018

Un “Centro Socio-Terapico Francescano”

Ad Aleppo, presso l’ex collegio di sant’Antonio
17 Ago 2018

Da produttrice cinematografica ad artista

Dalla Terra Santa, la storia di Raghad
08 Ago 2018

Risplende nei giusti la sapienza del Signore

Celebrate stamane le esequie di p. Alviero Niccacci
Leggi altre notizie dallo speciale

03 Set 2018

Fra Roberto Genuin nuovo ministro generale dei frati minori cappuccini

È il bellunese di Falcade, fr. Roberto Genuin, nato il 20 settembre 1961, laureato “in utroque iure” alla Pontificia Università Lateranense, finora guardiano del convento di Rovereto in provincia di Trento, il nuovo ministro generale dei frati minori cappuccini. Dopo 24 anni un italiano torna a ricoprire la guida dell’Ordine. È  stato...