LUNEDÌ della XXIX sett. del T.O. FERIA (verde)
lunedì, 22 ottobre 2018
Incontro di coordinamento dei centri e delle strutture della Caritas diocesana a Santa Maria degli Angeli 15 Mag 2018

Lavoro ed emergenza abitativa

Il lavoro e l’emergenza abitativa sono tra le problematiche emerse durante l’incontro, tenutosi nei giorni scorsi, del coordinamento dei centri e delle strutture della Caritas diocesana, con i Centri di volontariato sociale e le Caritas parrocchiali. L’incontro, avvenuto presso la parrocchia di Santa Maria degli Angeli, è servito per fare il punto e per riascoltare le tante risorse che nei vari territori della diocesi svolgono attività di animazione e promozione della carità.

Erano presenti i membri del C.v.s. di Gualdo Tadino e Nocera Umbra, con il nuovo presidente eletto lo scorso marzo, Alfredo Tognarini, i responsabili del Centro di ascolto diocesano di Assisi, di quello di Santa Maria degli Angeli, delle case di accoglienza “La Madonnina”, “Pace e Bene”, “Papa Francesco”, dell’Emporio diocesano “7 Ceste”, delle Caritas parrocchiali di Rivotorto Assisi, Bettona e Passaggio di Bettona.

Il direttore della Caritas diocesana, Maurizio Biagioni, insieme ai vicedirettori padre Stefano Tondelli, suor Wilma Molinari e Fabrizio Cerasa, hanno ringraziato i presenti, auspicando molti altri incontri durante l’anno, nelle varie zone della diocesi, per favorire il migliore e continuo rapporto di interscambio tra l’equipe della Caritas diocesana e ogni singolo gruppo Caritas operante nelle parrocchie e nelle unità pastorali.

“A partire da metà dicembre 2017 – ha ricordato il direttore Biagioni – abbiamo fatto visita alle diverse strutture Caritas, partendo da quelle di Assisi e Santa Maria degli Angeli, dalle quali è emersa la grande mole di lavoro che ogni singola realtà è chiamata a svolgere”.

Padre Stefano Tondelli, vicedirettore Caritas delegato alla formazione spirituale, ha condiviso alcune riflessioni di carattere generale richiamando un approccio preciso del fare e ricevere carità. “Oltre ad aiutare materialmente i poveri occorre operare una loro evangelizzazione in modo da indirizzarli verso un percorso di vita individuale. Aiutando i poveri non si deve mai dimenticare di lasciare un segno che testimonia la presenza di Gesù”.

Dopo aver ascoltato gli aggiornamenti relativi alle attività svolte e alla situazione generale in cui ogni realtà Caritas si inserisce ed opera, il direttore, di concerto con i vicedirettori, ha messo in evidenza, come già detto, le due problematiche, spesso connesse tra di loro, che pesano notevolmente sulla situazione del nostro territorio: il lavoro e l’emergenza abitativa.

Da parte degli operatori e dei volontari è emersa la necessità di continuare ad approfondire una formazione non solo spirituale e di animazione e promozione della Carità, ma anche un approfondimento dei principali temi e questioni attinenti alla sfera burocratica ed amministrativa che le Caritas devono conoscere e saper comunicare per poter dare soluzioni sempre più efficaci a richieste altrettanto complesse.



Caritas Casa Papa Francesco Lavoro Solidarietà Stefano Tondelli

Articoli correlati

25 Ago 2018

Un “Centro Socio-Terapico Francescano”

Ad Aleppo, presso l’ex collegio di sant’Antonio
01 Ago 2018

Avvicinateci e saziatevi: il perdono crei ponti, non barriere

Omelia del Ministro generale alla Celebrazione di “apertura del Perdono”
28 Lug 2018

Nella loro migliore età gli anziani realizzano opere d’arte

A Gerusalemme, YadLaKashish insegna a produrre artigianato qualificato
14 Lug 2018

Casa Papa Francesco, una casa per i poveri

Intervista alla comunità dei frati minori che vive con loro
09 Lug 2018

Programma Americhe

I programmi regionali di Franciscans International
30 Giu 2018

Grazie Assisi per averci salvato la vita

Due fratelli eritrei abiteranno in vescovado, accanto alla sala della Spogliazione
20 Ott 2018

Stranieri perché uomini. Guardare l’uomo con l’occhio di Dio

 “Spirito di Assisi” in programma dal 26 al 28 ottobre 2018