ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Incontro ad Assisi per conoscersi e crescere insieme 26 Mar 2019

Le Biblioteche Ecclesiastiche Umbre in dialogo con le istituzioni

Nella mattinata di martedì 19 marzo, nella straordinaria cornice della sala Dono Doni del Sacro Convento di San Francesco in Assisi, le biblioteche ecclesiastiche dell’Umbria si sono date appuntamento per un incontro con alcune delle istituzioni che si occupano della vigilanza, valorizzazione, tutela del patrimonio bibliografico nella Regione. L’incontro è stato proposto e voluto dalle biblioteche francescane di Assisi, della Porziuncola (Frati Minori) e del Sacro Convento (Frati Minori Conventuali), e di Perugia, la biblioteca OASIS (Frati Minori Cappuccini), come occasione per incontrarsi e mettersi in ascolto delle istituzioni che operano sul territorio per affrontare insieme alcuni temi importanti per biblioteche antiche ma aperte alle sollecitazioni del presente e alle scommesse che il futuro riserva.

I temi trattati hanno spaziato dall’alienazione o “scarto” di libri o altri materiali conservati in biblioteca o ad essa pervenuti, al trasferimento e la conservazione di volumi o di interi fondi da una biblioteca all’altra di uno stesso ente ecclesiastico; ci si è soffermati sulla riproduzione digitale di libri e documenti delle raccolte di biblioteche ed archivi, soprattutto alla luce della modifica dell’art 108 del Codice dei Beni Culturali dell’agosto 2017; infine, ci si è chiesti quali sono le buone pratiche per evitare il più possibile i rischi di furto, sottrazione e smarrimento dei beni librari in strutture spesso antiche e gloriose, ma con sempre meno personale all’attivo.

Dopo gli onori di casa, effettuati da p. Domenico Paoletti, vicario del Sacro Convento, e il saluto di Mons. Giampiero Ceccarelli, incaricato per i beni culturali ecclesiastici della Conferenza Episcopale Umbra, si sono alternati i saluti ufficiali delle due maggiori associazioni di bibliotecari in Italia: per l’Associazione Italiana Bibliotecari Mario Coffa, il presidente della sezione umbra, e per l’Associazione dei Bibliotecari Ecclesiastici fr. Mauro Botti, delegato dal direttivo nazionale a presenziare all’evento. Gradita presenza in sala anche di colleghi bibliotecari dell’università di Perugia e dei rappresentanti della Regione Umbria, che fino alla modifica della Legge in materia di tutela dei beni culturali del 2016 ha svolto una grande opera di assistenza alle biblioteche ecclesiastiche e che continua anche ora ad aiutarle per la valorizzazione e la crescita di relazioni sul territorio.

La Sovrintendente per i beni archivistici e librari dell’Umbria e delle Marche, la dott.ssa Sabrina Mingarelli, ha cercato di rispondere alle domande fornendo coordinate precise e concrete per come e quando relazionarsi con la Soprintendenza, in particolare alla luce delle recenti modifiche legislative che hanno riportato la tutela dei beni culturali, anche quelli degli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti, dalla Regione alle Soprintendenze.

Il Tenente Colonnello Guido Barbieri, invece, ha illustrato l’attività del Nucleo Tutela Beni Culturali dell’Arma dei Carabinieri, prima a livello nazionale e poi regionale. La sede di Perugia, infatti, di cui il Ten Col. Barbieri è a capo, è di recente apertura e conta 8 addetti, che si spendono per il recupero e la ricerca di beni culturali sottratti e svolgono sopralluoghi per aiutare gli enti a dotarsi delle più efficaci pratiche per custodire il patrimonio che possiedono.

Al termine delle relazioni c’è stato spazio per alcune domande, prima di terminare una mattinata davvero proficua, nella quale per la prima volta le biblioteche ecclesiastiche umbre, diocesane e di ordini religiosi, si sono incontrate e confrontate per vivere al meglio e in comunione quello che il documento della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa del 1994 ha definito un vero “ministero ecclesiale”. Scrive infatti il documento: «E’ necessario che il “ministero del Bibliotecario” ritorni in pieno vigore e onore nella comunità cristiana, perché esso non è solo un prestatore d'opera, bensì un animatore della cultura e, di riflesso, dell'evangelizzazione della Chiesa, quando egli opera per l'incremento del sapere della Comunità ecclesiale cui appartiene e per le ricerche di quanti necessitano di approfondire le proprie conoscenze». Un piccolo tassello per la riscoperta e la crescita di questo ministero è stato certamente posto, in attesa di nuove occasioni.



Arte Biblioteca Biblioteca Porziuncola Sacro Convento

Articoli correlati

07 Gen 2023

Inaugurazione solenne dei Centenari francescani

Sabato 7 gennaio alle 17 a Greccio con i Ministri Generali delle Famiglie francescane
24 Ago 2022

Madre Terra Sorelle Stelle

Festival di ecologia e astronomia 8-11 settembre 2022 ad Amelia
19 Ago 2022

Sursum corda

Concerto dell’Accademia Ducale centro studi musicali questa sera alle 21.15 nell’antico Refettorio del convento Porziuncola
02 Giu 2022

La guerra tra Russia e Ucraina e le implicazioni religiose del conflitto

Incontro con don Stefano Caprio alla Biblioteca del Monte, giovedì 9 giugno alle ore 18
16 Mag 2022

Il Perugino e Monteripido

Arte e Francescanesimo in dialogo
13 Mag 2022

Alla scoperta di un santo chiamato Francesco

Un pomeriggio dedicato ai più piccoli al Museo della Porziuncola
09 Gen 2023

800 anni della Regola Bollata dell’Ordine e del Natale di Greccio

Inaugurazione dei Centenari al Santuario di Greccio alla presenza dei 6 Ministri generali della Famiglia Francescana



  • 10 Ott 2022

    «Mai più la guerra!»

    Giornata di digiuno e preghiera per la pace indetta dalla conferenza della Famiglia Francescana