GIOVEDÌ della I sett. di Avvento S.FRANCESCO SAVERIO, sacerdote - MEMORIA (bianco)
giovedì, 03 dicembre 2020
Professione solenne di sei frati minori in Porziuncola 14 Set 2019

Non scandalizzatevi della croce del Signore, abbracciatela con amore

“Oggi brilla nella Chiesa lo splendore della croce del Signore”. È proprio nel giorno della Festa dell’Esaltazione della Santa Croce e con queste parole del Ministro provinciale p. Claudio Durighetto, che la fraternità dei frati minori dell’Umbria e Sardegna si è stretta attorno e ha accolto – al termine degli anni di formazione iniziale – i sei frati che a pieno titolo e per tutta la vita si consacrano a Dio nella fraternità dei frati minori.

Fra Alessandro, fra Gabriele, fra Riccardo, fra Sisto, fa Daniele e fra Samuele sono stati accompagnati a questo momento da frati, parenti e amici che ieri sera si sono raccolti in Porziuncola per una Veglia di preghiera e per invocare su di solo lo Spirito Santo. Guidati dalla riflessione di p. Alfio Pietro Vespoli hanno fatto memoria grata della loro chiamata e vocazione e hanno sostato davanti a Gesù Eucarestia per ricordare e ricordarsi quale cibo ha sostenuto e sostiene la loro e la fame del mondo.

Prendendo spunto dall’inno cristologico della seconda lettura, p. Claudio ha ricordato ai sei giovani frati che – sul modello di Cristo che ha svuotato se stesso per amore – anche loro sono chiamati a “dedicarsi con cuore indiviso a Dio sommamente amato”, in particolare – ha continuato – “confesserete che Dio è l’unica vera, stabile e affidabile ricchezza dell’uomo e mostrerete la bellezza liberante di una obbedienza non servile ma filiale”.

Per poter vivere una vita all’altezza della vita e dell’amore di Cristo occorre “essere profondamente radicati in Cristo e nella grazia dello Spirito Santo”.

A conclusione della sua omelia, ricordando la visione di Francesco al monte della Verna, nel 1224, proprio nei giorni vicini alla festa dell’Esaltazione della Santa Croce, ha esortato i frati: “non scandalizzatevi della croce del Signore, abbracciatela con amore, restando sempre saldi nella fede”.

L’augurio finale del Ministro e che facciamo nostro per i nostri fratelli e per tutti i consacrati è quello di “irradiare la gioia di poter servire il Signore instancabilmente, di servire, accogliere e benedire chiunque”.

 



Alessandro Di Mare Castità Claudio Durighetto Daniele Manco Gabriele Rocchi Obbedienza Porziuncola Povertà Professione Riccardo Scialandrone Samuele Pelizzari Sisto Russo

Articoli correlati

03 Dic 2020

Miriam: la fede cantata

Quarta meditazione della Novena dell’Immacolata Concezione alla Porziuncola
02 Dic 2020

Rachele: la vita che nasce dalla morte

Terza meditazione della Novena dell’Immacolata Concezione
01 Dic 2020

Nel riso di Sara, Dio genera la vita

Seconda serata della Novena dell’Immacolata Concezione alla Porziuncola
30 Nov 2020

L’“Ave” che rovescia la sorte di Eva

Prima serata della Novena in preparazione alla Solennità dell'Immacolata Concezione
28 Nov 2020

“Nato da donna”: dalle “madri d’Israele” alla “Madre di Dio”

Solennità dell'Immacolata in Porziuncola
27 Nov 2020

A nome dei giovani e dei poveri della Terra, chiediamo che...

Messaggio conclusivo dei giovani economisti di The Economy of Francesco
24 Nov 2020

La Parola di Dio, luce sull'amore umano

La fraternità del SOG (Servizio Orientamento Giovani) ha tenuto online dalla Domus Pacis nei giorni 20 – 22 novembre il corso sui fondamenti biblici dell’amore dedicato a coppie di fidanzati e single