DOMENICA VI DI PASQUA (bianco)
domenica, 09 maggio 2021
La pace interiore delle persone è molto legata alla cura dell’ecologia e al bene comune 26 Feb 2021

Papa Francesco: “Una conversione necessaria”

Quando le persone diventano autoreferenziali e si isolano dalla loro coscienza accrescono la propria avidità. Più il cuore della persona è vuoto più ha bisogno di oggetti da comprare, possedere e consumare. (LS 204)

La sobrietà e l’umiltà non hanno goduto nell’ultimo secolo di una positiva considerazione. Quando però si indebolisce in modo generalizzato l’esercizio di qualche virtù nella vita personale e sociale, ciò finisce col provocare molteplici squilibri, anche ambientali. […] Non è facile maturare questa sana umiltà e una felice sobrietà se diventiamo autonomi, se escludiamo dalla nostra vita Dio e il nostro io ne occupa il posto, se crediamo che sia la nostra soggettività a determinare ciò che è bene e ciò che è male. (LS 224)

D’altra parte, nessuna persona può maturare in una felice sobrietà se non è in pace con sé stessa. […] La pace interiore delle persone è molto legata alla cura dell’ecologia e al bene comune, perché, autenticamente vissuta, si riflette in uno stile di vita equilibrato unito a una capacità di stupore che conduce alla profondità della vita. (LS 225)

Benedetto XVI, Caritas in Veritate
«La solidarietà universale, che è un fatto e per noi un beneficio, è altresì un dovere». Molte persone, oggi, tendono a coltivare la pretesa di non dover niente a nessuno, tranne che a sé stesse. Ritengono di essere titolari solo di diritti e incontrano spesso forti ostacoli a maturare una responsabilità per il proprio e l’altrui sviluppo integrale. Per questo è importante sollecitare una nuova riflessione su come i diritti presuppongano doveri senza i quali si trasformano in arbitrio. […] i diritti individuali, svincolati da un quadro di doveri che conferisca loro un senso compiuto, impazziscono e alimentano una spirale di richieste praticamente illimitata e priva di criteri. L’esasperazione dei diritti sfocia nella dimenticanza dei doveri. I doveri delimitano i diritti perché rimandano al quadro antropologico ed etico entro la cui verità anche questi ultimi si inseriscono e così non diventano arbitrio. (CV 43)

PREGHIERA
Donaci Padre quella pace che viene dalla consapevolezza che tu sei per noi “ogni ricchezza a sufficienza”. E fa’ che da quella pace scaturisca la vera libertà interiore: libertà dalle cose per essere sobri, libertà dal nostro io, per essere umili.  

Photo credits: Jaikishan Patel su Unsplash



Benedetto XVI Conversione GPIC Laudato si’ Papa Francesco Preghiera Quaresima

Articoli correlati

03 Mag 2021

Natura e creazione

Giornata di studio alla Pontificia Università Antonianum
22 Apr 2021

La Terra è nostra “madre”

51a Giornata Mondiale della Terra
12 Apr 2021

Ite ad Joseph

Solennità e Anno di San Giuseppe a Santa Maria degli Angeli
06 Apr 2021

Ecosistema e coraggio creativo

La paternità per introdurre all’esperienza della vita
30 Mar 2021

Come intendere l’economia e il progresso

La bussola dell’ecologia integrale di Papa Francesco
30 Mar 2021

Il riposo come via di riconciliazione

Ultima meditazione dell'itinerario di preghiera “Laudato sì”
Leggi altre notizie dallo speciale

28 Apr 2021

Il conforto di Gesù Crocifisso

Memori dei prodigi avvenuti nei periodi di pandemie passate, vogliamo vivere insieme la solenne festa del Santissimo Crocifisso lunedì 3 maggio al santuario di San Damiano