ASSUNZIONE DELLA B. V. MARIA SOLENNITÀ (bianco)
sabato, 15 agosto 2020
La croce: segnaletica che porta alla Vita 20 Lug 2020

Per un cammino di salvezza

La croce è un cammino di salvezza per ogni uomo, è la “segnaletica” che sulla strada della vita ci guida verso Dio.

Se trovi una croce, vai avanti, perché sicuramente incontrerai il volto dell’Eterno!

«Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo. Chi non porta la propria croce e non viene dietro di me, non può essere mio discepolo», ha detto chiaramente Gesù alla gente che andava con Lui (Lc 14,26-27).

Chi non porta la propria croce e non segue Gesù, non può dirsi suo discepolo, non può dirsi cristiano. Se ci scandalizziamo della croce, se ci spaventiamo di fronte alla sofferenza, se facciamo di tutto per evitarla, vuol dire che non abbiamo ancora incontrato Cristo Risorto. I primi cristiani chiamavano la croce la “luce splendente del volto di Dio”: immaginavano Dio come il sole, che quando sorge illumina tutta la realtà.

Quando ti si presenta la croce, dunque, sta’ sicuro, perché quella è la strada maestra per incontrare il Signore! Avere fede è sapere che tutto – anche la malattia, l’insuccesso, una situazione difficile, la sofferenza … – «concorre al bene di coloro che amano Dio, che sono stati chiamati secondo il suo disegno» (Rm 8,28).

Tu sai qual è la tua croce? Perché il giorno in cui dubiteremo di averne una e ci metteremo a cercarla, vorrà dire che abbiamo perso di vista la realtà e che abbiamo relazioni superficiali con noi stessi e con Dio.

Il problema è sempre quello di riconoscere la propria croce, più o meno grande a seconda dei momenti e dei periodi della vita, attraverso la quale Egli vuole salvarci. Perché hai quella croce? Che senso ha per te oggi? Rispondere a questa domanda è fondamentale per il senso e la qualità della vita, per avere rapporti sani e gioiosi con la realtà di ogni giorno, con gli altri e soprattutto con Dio.

Un antico inno bizantino afferma che la croce è “ossatura della terra” e “pilastro dell’universo”.

Se togli le fondamenta, l’edificio crolla, non esiste più. Così è per la storia, quella del mondo e quella personale di ognuno di noi: il disegno imperscrutabile di Dio è di salvarci tutti attraverso la croce.



Cammino Croce Crocifisso Salvezza

Articoli correlati

01 Ago 2020

Dio trae il bene dal male che c'è in noi

Terza meditazione del Triduo in preparazione alla Solennità del Perdono di Assisi
31 Lug 2020

Ritrovare il volto paterno di Dio

Seconda meditazione del Triduo in preparazione alla Solennità del Perdono di Assisi
11 Apr 2020

La Croce vissuta nell’obbedienza della fede

Venerdì Santo in Porziuncola
09 Apr 2020

E' Francesco ma sembra Gesù

Terza riflessione sul tema della Croce - fra Simone Ceccobao
08 Apr 2020

Restiamo uniti alla Croce di Cristo

Seconda Riflessione sulla Croce di fra Fabio Nardelli
07 Apr 2020

Terribile bellezza

Prima Riflessione sul tema della Croce
10 Ago 2020

Chiara, un’altra Maria

Ci sono alcuni dati oggettivi da sottolineare. Il primo: anche la comunità femminile di Chiara a S. Damiano si realizzò pian piano, non d’improvviso. Alle prime cinque (Chiara, Agnese, Pacifica, Benvenuta, Balvina) solo nel 1213-14 – a quanto pare – si aggiunse Cecilia di Gualtieri Cacciaguerra. E solo nel 1215 venne...