MARTEDÌ della II sett. di Quaresima Feria (viola)
martedì, 02 marzo 2021
Una storia di reciproca gratitudine 08 Gen 2021

Perugia e i francescani

Perugia è sempre rimasta fra le città «fedelissime» all’indulgenza della Porziuncola. Negli «Annali Decenvirali» di Perugia si parlerà spesso dei pellegrini del «Perdono di Assisi», che verranno esentati dalle gabelle nel loro transito pel Comune perugino; per essi sarà eretta nel 1277 la “fontana di piazza”, perché potessero dissetarsi nel loro soggiorno. Da Perugia partiranno le offerte per le tonache dei frati della Porziuncola, per il vitto durante i Capitoli generali, per le varie riparazioni della Culla del francescanesimo e del convento della Porziuncola; finché i perugini s’impegneranno a sostenere le spese per la cappella più ricca della basilica di S. Maria degli Angeli (l’attuale Cappella del Sacramento) che ebbe del resto per architetto il perugino Galeazzo Alessi.

Ma a Perugia esistono anche altri ricordi francescani, primo fra tutti il soggiorno di frate Egidio d’Assisi, nel romitorio di Monteripido (San Francesco al Monte). A Monteripido il beato sostò vari anni, edificando i perugini con la sua vita di preghiera, e consigliandoli con la sua bonaria sapienza contadina. Qui morì il 23 aprile 1262. Alla fine del sec. XIV e nei primi decenni del sec. XV, si avrà la vera fioritura del francescanesimo a Perugia, soprattutto con gli Osservanti di fra Paoluccio Trinci, e poi con san Bernardino da Siena, san Giovanni da Capestrano e san Giacomo della Marca, che sosteranno lungamente in città, e specialmente a Monteripido, diventato roccaforte della spiritualità francescana, la quale influirà validamente sulle riforme morali e sociali dei perugini stessi.

Un nesso poeticissimo fra Assisi e Perugia francescana è costituito dal famoso «fioretto» della «perfetta letizia», svoltosi sulla strada fra «Peroscia e S. Maria degli Angeli». Ma veniamo alla storia, la quale documenta la sosta dei figli e delle figlie di San Francesco fin dai primi decenni dell’Ordine, in Porta S. Angelo, a S. Francesco delle Donne, a Monteluce, al «Campo d’Orto» diventato poi S. Francesco al Prato, e definitivamente, più tardi, anche a Monteripido, o «S. Francesco del Monte».

Presso la chiesa di S. Francesco al Prato è l’Oratorio di san Bernardino da Siena, gioiello di architettura e di scultura, dovuto ad Agostino di Duccio (1461). Sono qui conservate le spoglie del b. Egidio, tornatevi nel 1935. Adiacente all’oratorio è la chiesa di San Francesco al Prato, sorta dopo la morte del Santo. Qui ebbero la loro formazione religiosa e culturale Sisto IV e Giulio II e vi abitarono molti santi francescani.

A Perugia, per merito dei francescani, e soprattutto del perugino fr. Fortunato Coppoli, sorse nel 1460 il primo Monte di Pietà, a liberare i poveri dalle esosità dei banchieri.



Banca Beato Egidio Economia Galeazzo Alessi Monte di Pietà Monteripido Perugia San Bernardino da Siena San Giacomo della Marca San Giovanni da Capestrano

Articoli correlati

27 Nov 2020

A nome dei giovani e dei poveri della Terra, chiediamo che...

Messaggio conclusivo dei giovani economisti di The Economy of Francesco
20 Nov 2020

Turkson ai giovani: date un'anima all'economia del futuro

Il messaggio del cardinale, prefetto del Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale in apertura dell'evento voluto da papa Francesco per una nuova economia
12 Ott 2020

Chi ci salverà dal virus?

Guardare la pandemia con occhi profetici
28 Set 2020

Un’economia dal volto gentile

Nell’ambito del Festival Francescano 2020
26 Set 2020

“Fratelli tutti”: il Papa, san Francesco e i Protomartiri francescani

La nuova enciclica dedicata alla “fraternità”
08 Set 2020

Economy of Francesco: evento confermato in streaming dal 19 al 21 novembre

Il comitato organizzatore ha deciso di celebrare l’evento internazionale interamente in modalità online
08 Feb 2021

E tutti gli uccelli si levarono in aria…

La predica agli uccelli è uno degli episodi più famosi della vita di San Francesco; uno di quei racconti che si ascoltano fin da bambini e che poi, inevitabilmente, entrano a far parte dell’immaginario collettivo