Lettera dai Frati missionari in Russia 03 Lug 2020

Pian piano anche San Pietroburgo riparte...

Cari amici,
sono passati due mesi dalla nostra ultima lettera e, proprio come pensavamo, le sorprese non sono mancate per niente! Ma andiamo con ordine…
Il tempo della quarantena più stretta è durato dal 27 Marzo al 31 Maggio: tutto chiuso tranne i servizi essenziali e anche noi, quindi, chiusi in casa… e penso che molti di voi possano capirci perfettamente se vi diciamo che trascorrere più di 60 giorni fra le quattro mura di un appartamento non è stato per niente facile! Eh sì, sono stati due mesi molto particolari: il fare, che già prima qui era ridotto all’osso, è stato praticamente azzerato… ma questo ha dato più spazio all’essere; espropriato e spogliato di quasi tutto ciò che è “esterno”, il Signore ha potuto condurmi in un’interiorità maggiormente abitata da Lui e, quindi, sono stato rimesso con più forza davanti alla mia identità: innanzi tutto figlio amato, poi frate minore e sacerdote. Un ritorno all’essenziale, insomma, che mi ha fatto “gustare”, oso dire così, un anticipo di vecchiaia e di morte, quando nulla porteremo con noi se non l’Amore dato e ricevuto. Naturalmente tutto questo processo interiore, che ora riassumo in poche righe, è stato ben più complesso e travagliato: raramente i frutti arrivano senza fatica!

Per quanto riguarda la Parrocchia, anche qui i luoghi di culto hanno subito un lungo periodo di chiusura e diverse chiese si erano subito ben organizzate per trasmettere le liturgie sui loro canali internet… motivo per cui, inizialmente, non ci era sembrato necessario fare altrettanto. Tuttavia, dopo circa un mese, alcuni parrocchiani hanno chiesto a p. Luca di potersi in qualche modo ritrovare e così ci siamo decisi a tentare anche noi di trasmettere la Messa dalla cappellina del nostro appartamento: tuttavia, visto che loro sono al massimo una trentina, si è pensato di celebrare in “videoconferenza”, così che ognuno, da casa propria, potesse prendervi parte più attivamente, ad esempio con la proclamazione delle Letture e con il canto. Nonostante alcuni problemi tecnici iniziali, ci sembra che l’esperimento possa dirsi riuscito! [...] Continua a leggere...



COVID-19 Iuri Cavallero Luca Baino Missione Missioni estere San Pietroburgo

Articoli correlati

29 Mar 2021

L’audacia della vulnerabilità, la profezia di una visione

La Statio Orbis di Papa Francesco in piazza San Pietro venerdì 27 marzo 2020
16 Feb 2021

600° anniversario di istituzione dei Commissari di Terra Santa

Celebrazione eucaristica di ringraziamento al Santo Sepolcro
13 Gen 2021

“Ho vissuto un Natale di Greccio incarnato nell’attualità di questa pandemia”

Testimonianza di p. Salvatore Morittu sul ricovero per COVID e sull’onorificenza ricevuta dal Presidente della Repubblica
08 Dic 2020

“Una luce dalla Porziuncola”

Un segno di speranza per il Natale 2020
04 Dic 2020

Comunicato stampa condizioni di salute di p. Salvatore Morittu

Stazionarie le condizioni del fondatore dell'Associazione Mondo-X Sardegna
27 Nov 2020

A nome dei giovani e dei poveri della Terra, chiediamo che...

Messaggio conclusivo dei giovani economisti di The Economy of Francesco
14 Giu 2021

Chiara Corbella, meraviglia della Grazia di Dio!

“Questa celebrazione vuole portare la primavera in questo tempo faticoso!”