II DOMENICA DEL T.O. (verde)
domenica, 20 gennaio 2019
Appello del Ministro Provinciale alla preghiera per il Nicaragua 01 Ago 2018

Con la mia voce al Signore grido aiuto, con la mia voce supplico il Signore

Da giorni, settimane, mesi la situazione sociale del paese sta degenerando. La protesta per una serie di leggi inique e, soprattutto, per la deriva oppressiva del governo ha portato a un crescendo di manifestazioni, nelle quali hanno parte attiva specialmente gli studenti. La repressione si fa sempre più dura e si contano a centinaia i morti, i feriti e le persone fermate di cui non si hanno più notizie.

La Conferenza episcopale del Nicaragua ha emesso, il 14 luglio scorso, una lettera pastorale molto forte, nella quale denuncia la repressione violenta verso persone che protestano pacificamente. I Vescovi denunciano i sequestri e le detenzioni arbitrarie, arrivando ad affermare che «Hoy, como nunca, los Derechos Humanos están siendo violentados en Nicaragua». I tentativi di mediazione in vista di una pacificazione sociale finora non hanno trovato corrispondenza da parte del governo, che si rifiuta, dicono i Vescovi, di affrontare il problema fondamentale della democratizzazione del paese, come pure quello dello smantellamento degli squadroni paramilitari. Gli studenti sono stati aggrediti anche all’interno dell’università e delle stesse chiese, dove si erano rifugiati. Persino alcuni Vescovi sono stati aggrediti, per poi sentirsi apostrofare dal Presidente – nel discorso tenuto per il 39° anniversario della rivoluzione sandinista – come “cospiratori” e “golpisti”. Ma il vescovo ausiliare di Managua, monsignor Silvio José Báez, anche lui vittima di un attacco, ha scritto: «La Iglesia no sufre por ser calumniada, agredida y perseguida. Sufre por quienes han sido asesinados, por las familias que lloran, por los detenidos injustamente y por quienes huyen de la represión. Rezamos y estaremos a su lado siempre en nombre de Jesús».

I Vescovi pertanto hanno proposto un mese di intercessione, dal 15 luglio al 15 agosto; infine, invitano tutti a non rispondere alla violenza con la violenza, a non farsi complici del male, ma ad avere fede e a collaborare per la giustizia e la pace.

Anche dalla Porziuncola, da dove molti missionari sono partiti nel secolo scorso per il Nicaragua, i frati minori si uniscono alla preghiera d’intercessione, specialmente durante la festa del Perdono 2018, affinché il Signore disponga le menti e i cuori alla pace e perché la Vergine degli Angeli e l’uomo di pace Francesco ottengano che dalle sofferenze del momento presente possa sorgere per il Nicaragua un’era di giustizia e di concordia, nel rispetto di tutti e specialmente dei più deboli.

S. Maria degli Angeli, 31 luglio 2018

Fr. Claudio Durighetto, ofm
Ministro provinciale



Claudio Durighetto Ministro provinciale Nicaragua Odorico D’Andrea Pace Porziuncola Preghiera

Articoli correlati

18 Gen 2019

Un tempo per te...un tempo per Te!

Corso per giovani al Monastero di S.Quirico, ad Assisi
16 Gen 2019

Cercate di essere veramente giusti

Dal 18 al 25 gennaio, Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani
15 Gen 2019

Destinazione San Pietroburgo

Possibile? Due frati partono dalla Porziuncola per andare in missione nella più bella città russa!
07 Gen 2019

Epifania, festa di Luce, di Unità e di Conversione

Riflessioni delle Celebrazioni della Solennità dell'Epifania in Porziuncola
05 Gen 2019

Francesco d’Assisi da patrono d’Italia a patrono dei cultori dell’ecologia

Convegno Internazionale presso la Pontificia Università Antonianum
29 Dic 2018

Nel deserto parlerò al tuo cuore

Intervista a fra Giovanni Petrillo: 5 pani e 2 pesci è la scuola di preghiera di Monteluco
17 Gen 2019

La tradizione popolare ricorda un miracolo di fede

La chiesa celebra oggi la memoria di sant’Antonio Abate, la città di Assisi lo venera in modo speciale da quando, attorno al 1860, si racconta che, proprio per la sua intercessione fu evitato il tracollo dell’economia della zona che, allora stazione di posta per il cambio dei cavalli, rischiava di...