SABATO della XIX sett. del T.O. FERIA (verde)
sabato, 18 agosto 2018
Celebrazione della Pentecoste nella Basilica di Santa Maria degli Angeli 20 Mag 2018

Dalla forza dello Spirito la fantasia dell’Amore

È Pentecoste: oggi si compie il Tempo pasquale con la celebrazione del Dono che fa della Chiesa ciò che è: un Popolo e un Corpo che può essere e stare insieme proprio grazie allo Spirito che opera in ciascun cristiano, tanti “mattoncini” così diversi eppure chiamati all’unità nell’amore, in cammino verso una sempre maggiore conformazione a Cristo, resi figli di Dio Padre nel Figlio unigenito e perciò resi fratelli tra noi.

Nella Basilica papale di Santa Maria degli Angeli, la solenne celebrazione eucaristica delle 11.30 è stata presieduta da p. Claudio Durighetto, Ministro provinciale dei Frati Minori dell’Umbria. P. Claudio ha introdotto l’omelia dando il benvenuto alla Porziuncola a tutti i fedeli convocati e adunati dal Signore, specialmente ai pellegrini venuti da lontano, con un saluto particolare alle Suore Francescane Missionarie di Gesù Bambino che hanno appena concluso il loro XXIV Capito generale.

Il Ministro ha poi evidenziato come l’evento narrato dagli Atti, relativo al racconto della Pentecoste, rievochi due noti episodi biblici: innanzitutto il momento in cui, sul Sinai, Dio concluse l’Antica Alleanza con il Popolo. Quella prima Alleanza fu un’esperienza mistica collettiva durante la quale Israele divenne non solo popolo, ma Popolo di Dio, e ricevette in dono la Legge. L’altro riferimento, suggerito dall’annuncio in tante diverse lingue che gli apostoli fanno del Risorto, è al racconto della Torre di Babele, dove l’uomo a causa del suo peccato finì per parlare lingue diverse ma, a differenza del racconto odierno, senza capirsi: il peccato porta confusione, diffidenza e sopraffazione, perciò l’umanità si divide! Ora invece è annunciata una Parola di Verità che è compresa perché trova corrispondenza nel cuore di ciascuno. Ora è donata la nuova Legge, lo Spirito Santo che è Maestro interiore che guida alla Verità tutta intera. Una Legge che desidera iscriversi non più sulle pietre ma nei cuori degli uomini per creare in loro una nuova umanità, quella di Cristo Signore! Allora sarà possibile capirsi e amarsi dove prima non ci si riusciva.

Tutti allora siamo invitati, ha concluso p. Claudio, ad invocare ogni giorno lo Spirito Santo, a familiarizzare con questo Maestro, Amico, Difensore, Consolatore … effuso per il perdono dei peccati e per permetterci di vivere nella grazia di Dio una vita nuova. Tutti siamo invitati ad imparare a camminare "secondo lo Spirito non più secondo la carne", nelle piccole decisioni di tutti i giorni e in quelle più importanti che segnano la nostra vita.

Lo Spirito Santo rende viva la Parola di Dio, l’attualizza, la rende efficace, potente. Rende attuale il mistero di Cristo ad ogni generazione e ad ogni cristiano. E poi ci abilita ad essere testimoni del Signore Gesù: la missione della Chiesa, per mandato di Cristo è possibile allo Spirito, è un compito di tutti i cristiani. Abbiamo bisogno della grazia dello Spirito Santo per essere testimoni credenti e credibile del Vangelo che è Parola di Vita per ogni uomo.



Basilica di Santa Maria degli Angeli Claudio Durighetto Legge Omelia Pentecoste Spirito Santo

Articoli correlati

15 Ago 2018

Maria, donna sollecita al bene e alla lode, primizia della vita futura

Celebrazioni dell’Assunzione delle Vergine Maria
13 Ago 2018

Solennità dell’Assunzione di Maria

Calendario delle Celebrazioni
11 Ago 2018

Santa Chiara: santa da conoscere, amare, imitare e invocare

Bartolucci durante la solenne celebrazione in Basilica: “Ci insegna quanto è bello aprirsi a Dio e agli altri”
11 Ago 2018

Sposa dell’Altissimo e madre della Chiesa

Veglia di preghiera a San Damiano nel transito di santa Chiara
08 Ago 2018

Risplende nei giusti la sapienza del Signore

Celebrate stamane le esequie di p. Alviero Niccacci
02 Ago 2018

Il Perdono, cuore dell’esperienza cristiana

Solennità del Perdono e della Dedicazione della Basilica di Santa Maria degli Angeli
16 Ago 2018

Nella perenne e grata memoria di Padre Bernardino de Vita

“Accogli, o Madre clementissima, la mia affettuosa e perenne consacrazione, perché come io sono partecipe dei patimenti di Cristo, così possa avere parte del Suo conforto, sia in questa vita che in quella eterna” (dagli scritti di p. Bernardino) P.BERNARDINO MARIA DE VITA