ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
3^ meditazione del Triduo in preparazione alla Solennità del Perdono di Assisi 31 Lug 2018

La Chiesa, comunità di perdonati, accoglie e perdona

In questa terza sera, ultima del mese di luglio e vigilia dell’inizio della grande solennità del Perdono, il Vescovo di Gubbio, S.E. Mons. Luciano Paolucci Bedini, ha concluso il cammino proposto nel Triduo da lui guidato nella Basilica papale di Santa Maria degli Angeli: contemplare, ed annunciare allo stesso tempo, il profondo rapporto che esiste tra la santità e il perdono.

Dopo aver visto (riascolta la prima e la seconda meditazione) che tutti siamo chiamati alla santità dal Santo per eccellenza che è Dio, e che tutti siamo santi perché perdonati, facciamo un passo ulteriore ancora avvalendoci di un testo sacro tratto dagli scritti di San Paolo apostolo.

Il messaggio di questa sera Paolo, ed il Vescovo Luciano, lo rivolgono ai credenti, a coloro che hanno conosciuto Cristo e hanno cominciato a credere in Lui e a vivere del suo Vangelo. Innanzitutto l’esortazione forte: “vi scongiuro nel Signore, non comportatevi più come i pagani”, come coloro che non hanno Dio, non ne sentono il bisogno e non ne riconoscono la paternità. Ci mette in guardia, Paolo, a non tornare a comportarci come chi non ha Dio, ora che siamo famigliari di Dio non comportiamoci come se gli fossimo estranei! Non conoscere la grandezza della sua Misericordia e la durezza del nostro cuore ci rendono estranei alla vita di Dio …

Cristo ci invita ad abbandonare, con la sua condotta, l’uomo vecchio che si corrompe, perché va dietro alle proprie passioni, e a rinnovarci rivestendo l’uomo nuovo che ci è mostrato nell’umanità di Cristo. Le indicazioni di Paolo in questo senso sono molto concrete: bando alla menzogna e dite la verità, forse vi adirate ma non scaricate l’ira sul vostro fratello, … non date spazio al Diavolo: lui che non ha potere su di noi, trova vantaggio da ogni spazio libero (perché lasciato vuoto da un amore che non c’è) che poniamo tra noi e Dio e tra noi e il fratello. Ed altre numerose indicazioni elencate da san Paolo e riprese e commentate dal Vescovo, come potrete ascoltare dal video riportato in questa pagina.

Il fine, rivestito l’uomo nuovo che è Cristo, è di essere misericordiosi come Dio è misericordioso con noi, perdonandoci a vicenda come Dio ha perdonato a noi in Cristo. Paolo parla della Chiesa e alla Chiesa, la comunità dei perdonati, che proprio per questo accoglie e perdona.



Accoglienza Basilica di Santa Maria degli Angeli Luciano Paolucci Bedini Misericordia Perdono Perdono di Assisi Santità Triduo

Articoli correlati

24 Mag 2024

Solennità del Corpus Domini alla Porziuncola

Il Programma 2024 delle Celebrazioni liturgiche in Basilica
25 Apr 2024

Benedetti... benediciamo!

Siamo andati a conoscere l’Angolo delle Benedizioni: si tratta di un servizio attivato da qualche anno nel cuore del Santuario di S. Maria degli Angeli
22 Apr 2024

Beato Egidio di Assisi, una storia ironica di santità

La comunità francescana del convento di Monteripido in Perugia, rivive la tradizionale celebrazione della Festa del terzo compagno di San Francesco
18 Apr 2024

Assisi: un gol da 1 milione e mezzo di euro per il campanile!

Vanno eseguiti alcuni improcrastinabili lavori al campanile della Basilica di Santa Maria degli Angeli. “Mettiamo in sicurezza un simbolo dell’Italia”, afferma il Commissario straordinario, Guido Castelli
31 Mar 2024

Questa è la vera Pasqua

Terzo giorno ovvero Veglia pasquale e Domenica di Risurrezione
18 Mar 2024

Pasqua 2024 alla Porziuncola

Programma e orari delle celebrazioni ed eventi collaterali
24 Mag 2024

Solennità del Corpus Domini alla Porziuncola

Il Programma 2024 delle Celebrazioni liturgiche in Basilica