ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Sulle visite di San Giovanni Paolo II alla Porziuncola, 3 di 4 05 Mag 2018

Madre Teresa nella Porziuncola della sofferenza

Proseguono i contributi di fr Andrea Dovio sulle visite di due amati santi alla Porziuncola: San Giovanni Paolo II e Santa Teresa di Calcutta.

Fu presente allo storico incontro un’altra splendida figura di santità, legatissima al Pontefice polacco: madre Teresa di Calcutta, di cui scrisse allora in tono commosso su questa rivista il nostro p. Giacinto Cinti.

«Non intendo parlare di quanto è accaduto in Basilica, di quanto è accaduto nella piazza antistante la Basilica all’arrivo del Papa, al suo incontro con i capi delle diverse Religioni mondiali. Queste sono notizie che tutti hanno potuto seguire attraverso la televisione o hanno potuto leggere poi nei vari giornali, o qui in questa nostra rivista. Riferisco un piccolo particolare, che è sfuggito a tutti í mezzi di comunicazione sociale, ma che forse ha una grande importanza. E non soltanto per noi, ma per lo stile voluto dare alla giornata.

Più volte sui teleschermi è comparsa, inquadrata con cura, quasi per farle dispetto o strapparla dal suo raccoglimento, la figura esile, minuscola di Madre Teresa. Ci sarà stato nessuno che si è domandato come ha iniziato Madre Teresa quella giornata così impegnativa anche per lei? In fondo Madre Teresa è una infaticabile operatrice di pace che ha come campo d’azione l’intero pianeta. La pace perciò la interessa come la interessano e la impegnano senza riserve le indicazioni del Papa. Allora come ha iniziato la giornata del 27 ottobre Madre Teresa di Calcutta? Come sempre! Nel nascondimento, nutrendosi di Cristo Eucaristia, accanto ai malati. Ce la siamo vista, immersa nel suo profondo raccoglimento, sui banchi della cappella dell’Infermeria, dove i frati malati, i frati anziani, i frati sofferenti, pregano, offrono al Signore l’esperienza più totale e radicale della povertà dell’uomo: la malattia, l’attesa di sorella morte. Ha partecipato alla santa Messa con noi, ha ricevuto con noi la Comunione, ha fatto con noi il ringraziamento in silenzio.

Allo scambio del segno di pace ho potuto stringere le sue mani giunte che infinite volte si sono aperte verso la sofferenza dei fratelli e delle sorelle, incontrati nel suo pellegrinaggio ininterrotto tra le miserie e le angosce del mondo. Durante il periodo più acuto della malattia avevo offerto al Signore le tribolazioni anche per il buon esito della giornata del 27 ottobre, voluta dal Santo Padre; mi ero chiesto, specialmente nelle tormentose, interminabili notti senza sonno, se avrei potuto vedere e avvicinare il Papa, ma non mi era mai venuto in mente che a pregare con noi, per la pace, nella cappella dell’Infermeria dei Frati Minori della Porziuncola, avremmo avuto Madre Teresa.

È venuta, ha pregato con noi e infine è passata per le stanze dei malati più gravi, crocifissi sul loro letto, a salutare e a chiedere preghiere e benedizioni. Ha sostato a lungo presso il più anziano: p. Sebastiano Di Martino, custode della Porziuncola negli anni lontani della guerra, e a lui, in modo particolare, ha chiesto preghiere. Poi quasi in punta di piedi, in silenzio, così com’era venuta, se n’è andata per partecipare alla preghiera “universale dell’umanità per la pace”, voluta e guidata dal Papa in Assisi, nella terra di San Francesco, con l’inizio dalla Porziuncola del Perdono. Ma Madre Teresa aveva iniziato dalla Porziuncola della sofferenza...».

in SANTI ALLA PORZIUNCOLA, di Andrea Dovio dal n. 4/2017 della Rivista Porziuncola



27 ottobre 1986 Andrea Dovio Basilica di Santa Maria degli Angeli Giacinto Cinti Infermeria provinciale Madre Teresa di Calcutta Porziuncola Rivista Porziuncola San Giovanni Paolo II Sofferenza

Articoli correlati

20 Mag 2024

Tra fede e bellezza, torna la Notte dei Santuari

Un'iniziativa promossa dal Collegamento nazionale dei Santuari italiani insieme all’Ufficio nazionale per la Pastorale del tempo libero, turismo e sport della Cei
17 Mag 2024

In cammino verso il Ben-Essere

A Umbertide, la seconda edizione della manifestazione: Sto coi frati e zappo l’orto. In cammino verso il Ben-Essere
10 Mag 2024

Un Giubileo tutto sulla Speranza

Papa Francesco emana la Bolla di indizione del Giubileo del 2025 Spes non confundit, la speranza non confonde
07 Mag 2024

OFS d’Italia: eletto il nuovo Consiglio nazionale. Luca Piras riconfermato presidente

Ad Assisi, il 4 Maggio, l’Ordine Francescano Secolare d’Italia ha eletto il suo nuovo Consiglio nazionale: a guidare la fraternità dei laici francescani saranno Luca Piras
03 Mag 2024

L’esperienza del Francescout

Sulle orme del Poverello di Assisi, alla sequela di Cristo, cercando di conoscere il segreto della sua gioia
29 Apr 2024

“Lo vide e ne ebbe compassione”(Lc 10,33). Dall’indifferenza alla cura

A Santa Maria degli Angeli il V Convegno Nazionale dei Cappellani e degli Operatori per la Pastorale Penitenziaria.
20 Mag 2024

Un incantevole incunabolo: per cantare a Dio!

Alla Biblioteca di San Francesco del Monte di Perugia abbiamo partecipato alla presentazione del restauro del grande incunabolo musicale di Francesco de Brugis

per ascoltare alcune esecuzioni del Maestro padre Matteo Ferraldeschi OFM disponibili su: https://www.youtube.com/watch?v=fBBGpVtq1z4

 



  • 17 Mag 2024

    In cammino verso il Ben-Essere

    A Umbertide, la seconda edizione della manifestazione: Sto coi frati e zappo l’orto. In cammino verso il Ben-Essere