SABATO della V sett. di Pasqua Feria (bianco)
sabato, 25 maggio 2019
Il 27 settembre di 10 anni fa “la Porziuncola è volata in America” 21 Ago 2018

Molto più di una copia!

Gli uomini soffrono perché il cuore degli altri uomini si è indurito. Deve aver pensato più o meno così Angela Alioto di San Francisco, negli Stati Uniti, e «francescana da tre generazioni». Desiderava fare qualcosa per la sua città nel nome del Poverello. C’è riuscita. Di fronte al numero sempre crescente di senzatetto nel suo paese, ha pensato bene di portare avanti un progetto alternativo a quelli in precedenza appoggiati: riprodurre la Porziuncola per «offrire agli americani un luogo in cui fermarsi, riflettere, meditare e pregare».

Le autorità locali hanno creduto nella sua idea e in pochi mesi la Alioto ha raccolto la somma necessaria. Da dieci anni ormai una copia della chiesetta – identica fin nei dettagli delle singole pietre – si trova a Vallejo Street, all’angolo con la frequentatissima Columbus Avenue, dove ogni anno passeggiano quindici milioni di persone.

La piccola cappella americana ha dimensioni leggermente ridotte rispetto all’originale: quello che conta è che oggi, anche a San Francisco, è possibile lucrare l’indulgenza plenaria, nota come “Perdono di Assisi”, la stessa che i pellegrini ricevono da sempre alla Porziuncola. Un evento reso possibile da un recente Decreto della Penitenzieria Apostolica, che ha voluto estendere anche al Santuario americano questo grande privilegio.

La piccola cappella della Porziuncola – riproduzione perfetta dell’originale – ha trovato posto a San Francesco ed è stata inaugurata il 27 settembre 2008 dal cardinale prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, William Levada, insieme a George Niederauer, arcivescovo della città. La cappella si trova in un edificio a fianco del “National Shrine of st. Francis of Assisi”, un grande Santuario francescano nella città californiana, e può essere ammirata anche dall’sterno, grazie ad una grande vetrata che dà sulla strada.

Padre Robert Cipriano, già rettore del Santuario, si era detto convinto che il luogo sarebbe diventato meta di pellegrinaggio. E la profezia si è avverata: migliaia le persone che ogni settimana domandano una visita guidata alla piccola chiesa. Senza contare le scolaresche, i turisti, i curiosi e i fedeli vi che transitano a frotte ogni giorno. L’accoglienza è garantita da un nutrito gruppo di volontari – i “Cavalieri di San Francesco” - che si sono messi a disposizione per questo specifico impegno.

La Porziuncola è solo il primo passo di un progetto più vasto, il “Renaissance project”, che dovrebbe condurre alla piena valorizzazione del complesso diocesano, anche attraverso il restauro dell’intero Santuario e della piazza, che a breve diventerà zona pedonale.

Numeri che raccontano non soltanto il successo di un’iniziativa, ma testimoniano in particolare il bisogno dell’uomo di ogni tempo di incontrarsi con i valori del Vangelo e con i Santi che lo hanno vissuto e testimoniato.

Guarda su YouTube i vari contributi caricati in occasione del prossimo “compleanno” della Nuova Porziuncola in San Francisco:

  1. Prologue

  2. Introduction

  3. Design

  4. Frescoes

  5. The Marble Floors

  6. The Stones

  7. The Woodwork

  8. The Ironwork

  9. Knights Of Saint Francis



Angela Alioto Perdono di Assisi Porziuncola San Francisco

Articoli correlati

25 Apr 2019

Ricevere tutto come dono per poter vivere donando

Tradizionale scambio di doni tra i Frati Minori della Porziuncola e i Monaci Benedettini dell’Abbazia di S. Pietro di Assisi
22 Apr 2019

La luce della vita

Ad Assisi, il 27 Aprile, la prima marcia per la vita con arrivo in Porziuncola
12 Apr 2019

Pasqua a San Damiano e nei Santuari francescani dell'Umbria

Programma delle celebrazioni 2019
26 Mar 2019

Una festa che riaccende la speranza

Il Vescovo di Assisi in Porziuncola per la Solennità dell'Annunciazione
14 Mar 2019

Chi ha la croce di Cristo nel cuore, soffre con chi soffre!

I meditazione sulla Quaresima
25 Mag 2019

Il grido della Terra e quello degli ultimi

«Il mio auspicio è che Taranto diventi un laboratorio di quella ecologia integrale che intende guardare al mondo nel modo più adeguato, dove la dimensione della sostenibilità economica dell’intrapresa non soverchi quella sociale e non vada a detrimento di quella ambientale. La crisi complessa che sta vivendo il mondo e...



  • 23 Mag 2019

    Il mio amico Odis

    La vera storia della battaglia fra un demone e un padre santo, piombata nella tranquilla vita di un prete di provincia