SS. TRINITÀ SOLENNITÀ (bianco)
domenica, 27 maggio 2018
Migliaia di preadolescenti da Venezia e da Milano 29 Apr 2018

Ad Assisi … chi cercate?

Appena una settimana fa, da venerdì 20 a domenica 22 aprile, Assisi si è vista pacificamente e gioiosamente invasa dal pellegrinaggio dei preadolescenti del Patriarcato di Venezia. Anche il Patriarca Francesco Moraglia si è unito agli oltre 2200, tra ragazzi (in maggior parte) ed accompagnatori, per due momenti importanti: nel pomeriggio di venerdì 20 aprile, alle 16.30 a S. Maria degli Angeli, dove intorno alla Porziuncola c’è stato l’incontro per l’avvio ufficiale del pellegrinaggio promosso dalla Pastorale diocesana dei ragazzi. Il secondo, la mattina di domenica 22 aprile, alle ore 9.00 nella basilica superiore di San Francesco, per la celebrazione eucaristica presieduta proprio dal Patriarca.

Tanti altri momenti, in particolare nella giornata di sabato 21, hanno portato i ragazzi nei luoghi di San Francesco: cammini e percorsi differenziati per igruppi parrocchiali, interparrocchiali e zonali per visitare vari luoghi francescani particolarmente significativi come Chiesa Nuova, casa natale di Francesco, il santuario di San Damiano, la basilica di S. Chiara, la Porziuncola, l’Eremo delle Carceri.

Chi cercate?”la domanda-motto del pellegrinaggio – un interrogativo che Gesù, il Maestro, rivolge ancora oggi a noi e ai nostri preadolescenti in visita ad Assisi: chi e che cosa cerchi? Qual è il tuo desiderio?”. L’intenzione è quella di prendere sul serio i desideri, sogni e bisogni, per saperli vagliare con l’aiuto dell’esperienza di Francesco d’Assisi, “santo mai quieto, sempre in movimento, alla perenne ricerca della gioia evangelica, che lo ha portato a dimorare nel mistero stesso di Dio Padre, Figlio e Spirito Santo”.

Comincia oggi, invece, un altro pellegrinaggio, quello dei preadolescenti della Diocesi di Milano, che avrà luogo dal 29 aprile al maggio. Circa 2000 i partecipanti a cui si unirà l’arcivescovo, monsignor Mario Delpini, che presiederà la Santa Messa in Santa Maria degli Angeli, presso la Porziuncola, lunedì 30 aprile, alle 9.30. Sarà possibile seguire in diretta la celebrazione dalla WebTV della Porziuncola.

Da diversi anni ormai sono numerose le adesioni alla proposta di pellegrinaggio diocesano ad Assisi. Una meta altamente simbolica, caratterizzata – come nel caso del Patriarcato di Venezia – da due momenti comuni: oltre alla celebrazione eucaristica vissuta insieme all’arcivescovo in rito ambrosiano, ci sarà una festa di accoglienza e testimonianza presso il sagrato e la basilica di Santa Maria degli Angeli che si terrà domenica 29 aprile, dalle 17.15 alle 20.30. Anche la festa si può seguire in diretta grazie ad una webcam disposta sulla piazza della Porziuncola.

A ogni luogo i singoli gruppi associeranno un tema che si riferisce alla vita cristiana, incarnata nell’esperienza quotidiana dei ragazzi. Così, per esempio, l’Eremo delle Carceri può richiamare la dimensione della preghiera quotidiana dei ragazzi, la chiesa di San Damiano la scelta vocazionale di ciascuno, la Porziuncola l’immagine della «perfetta letizia» e quindi della gioia, e la basilica di San Francesco, che contiene le reliquie del santo, il riferimento alla morte e alla risurrezione.

I partecipanti al pellegrinaggio ad Assisi potranno respirare la spiritualità francescana, andando alla sua origine, e gustando la gioia e l’entusiasmo di chi evangelizza seguendo le orme di san Francesco oggi. Crescendo i ragazzi sentono la necessità di sperimentare sulla propria pelle quanto è stato loro raccontato, di vivere esperienze forti, che possano lasciare il segno, donando l’entusiasmo e la gioia per affrontare la quotidianità del cammino di fede con un diverso spirito. Il pellegrinaggio ha grande importanza all’interno dell’itinerario di accompagnamento dei «preado» perché diventa per loro motivo per vivere in autonomia alcuni gesti che mettono in gioco la fede personale e la capacità di vivere l’amicizia e le relazioni e sentirsi anche parte della Chiesa universale, a contatto con nuove realtà che non sono abituali nelle esperienze dei ragazzi. I ragazzi possono in questo caso vivere l’esemplarità di un santo come san Francesco di Assisi, sperimentando anche le fatiche di un viaggio, dell’essere per un po’ distanti dai genitori e imparare a stare in gruppo in modo continuativo, vivendo un’esperienza formativa insieme agli altri”. Così motivano gli organizzatori sul sito della Diocesi di Milano.



Basilica di San Francesco Basilica di Santa Maria degli Angeli Chiesa Nuova Eremo delle Carceri Francesco Moraglia Mario Delpini Milano Pellegrinaggio Porziuncola Protomonastero San Damiano Venezia

Articoli correlati

25 Mag 2018

Un frate Elia … da riscoprire

Nella Dedicazione della Basilica papale di San Francesco
21 Mag 2018

Festa della Dedicazione della Basilica papale di San Francesco

Nel 2° centenario del rinvenimento delle spoglie mortali di san Francesco
20 Mag 2018

Dalla forza dello Spirito la fantasia dell’Amore

Celebrazione della Pentecoste nella Basilica di Santa Maria degli Angeli
15 Mag 2018

La carovana rosa arriva ad Assisi

Domani la partenza dalla piazza antistante la Basilica della Porziuncola
15 Mag 2018

La testimonianza di San Giovanni Paolo II nella sofferenza

Sulle visite di San Giovanni Paolo II alla Porziuncola, 4 di 4
14 Mag 2018

Ordinazioni presbiterali 2018

Santa Maria degli Angeli, 23 giugno
25 Mag 2018

Spoleto e Scheggino riscoprono la via di San Francesco

A piedi, a cavallo e in bicicletta lungo un’unica via, quella di Francesco. Sono tre percorsi distinti quelli definiti a Spoleto per Vivi la Via in programma domenica 27 maggio, quando centinaia di persone riscopriranno boschi e luoghi cari a San Francesco, con un evento che propone anche musica: alle...