LUNEDÌ della XIV sett. del T.O. Feria (verde)
lunedì, 06 luglio 2020
L’essenza della missione nelle parole di San Francesco e di Papa Francesco 15 Lug 2019

Proselitismo no, ma missione sì!

Commentando l’invio dei settantadue discepoli, ossia il medesimo brano evangelico ascoltato da san Francesco nella Porziuncola, papa Francesco domenica 7 luglio 2019 tra l’altro ha affermato che gli imperativi di Gesù “mostrano che la missione [...] non è proselitismo ma annuncio”.

A questo proposito frate Francesco d’Assisi è categorico nel rifiuto di ogni pretesa nei confronti degli altri; si può affermare in un certo qual senso che è geloso dell’altrui libertà come lo è stato della propria quando ha riconsegnato al padre Pietro di Bernardone - che rivendicava i propri diritti sul figlio - persino i vestiti da mercante. E così nella Lettera a un ministro indica al destinatario di amare quelli che gli sono di ostacolo senza «pretendere che siano cristiani migliori» (FF 234).

A questo proposito padre Carlo Paolazzi, autore della più recente edizione critica degli scritti dell’Assisiate, afferma: «Il contesto spiega questa affermazione arditissima: la volontà che i fratelli diventino “cristiani migliori” non è evangelica, se è una “pretesa” che nasce dall’aspirazione egoistica a vivere in pace, mentre chi si mescola con i peccatori, insieme a Cristo obbediente e crocifisso, ha compiuto un esodo da se stesso più radicale di chi si isola in un romitorio». In termini attuali si può dire che l’Assisiate è contrario a ogni specie di proselitismo, ossia predicazione finalizzata a sé e al proprio gruppo così da essere tanti quantitativamente e tali qualitativamente.

Questo richiamo però non significa assolutamente un misconoscimento della evangelizzazione; infatti dopo il cambiamento di vita avvenuto mediante il fare misericordia con i lebbrosi si incammina nei territori vicini per ammonire le persone ad abbandonare i vizi e vivere le virtù evangeliche. Proprio la misericordia gli allargò l’orizzonte - fino a giungere dal sultano d’Egitto - e lo aprì alla predicazione del Vangelo mediante parole e gesti (cfr. Francesco il misericordioso, Milano 2019). E questo non per compiacere le persone; infatti frate Francesco afferma che i frati «annunzino la parola di Dio [...] quando vedranno che piace al Signore» (FF 43). Similmente è per volontà del Signore e non per richiesta degli uomini che egli in quanto servo di tutti è «tenuto a servire tutti e ad amministrare le fragranti parole del [...] del Signore nostro Gesù Cristo, che è il Verbo del Padre, e le parole dello Spirito Santo, che sono spirito e vita». (FF 180)  



Annuncio Missione Papa Francesco San Francesco

Articoli correlati

03 Lug 2020

Pian piano anche San Pietroburgo riparte...

Lettera dai Frati missionari in Russia
23 Giu 2020

Laudato si': un'enciclica per un mondo migliore

In cammino per la cura della casa comune
15 Giu 2020

Tendi la tua mano al povero

Messaggio di Papa Francesco per la IV Giornata Mondiale dei Poveri
05 Giu 2020

Papa Francesco per l'ottavo centenario dei Protomartiri francescani

Lettera di Papa Francesco al Ministro generale dei Frati minori Conventuali
27 Mag 2020

Giona nella Balena

Riflessione sul libro di Giona
24 Mag 2020

La vita si fa storia

Messaggio di Papa Francesco per la 54ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali
08 Giu 2020

La sapienza dei Protomartiri francescani illustrata da Paolo VI

Martirio vuol dire testimonianza e, al tempo stesso, dimostrazione assoluta di amore