Terza serata del Settenario di Natale 20 Dic 2020

Radice di Iesse, vieni a purificare i nostri cuori

L’accensione della quarta candela della corona d’Avvento segna l’ingresso nella settimana che ci porterà al Natale del Signore Gesù. Ci stiamo preparando a questa celebrazione con il Settenario, un percorso attraverso il quale scopriamo 7 diversi titoli con cui si attendeva il Messia nel Primo Testamento. (I - II serata) P. Stefano Maria Cogoni OFM ha offerto la sua meditazione sulla terza antifona che recita:

O Radice di Iesse,
che rimani salda a simbolo dei popoli,
al cospetto della quale i re chiuderanno la bocca,
tu, cui le nazioni supplicheranno,
vieni a liberare noi: non tardare ancora.

 L’immagine della Radice si staglia ai nostri occhi: vive nascosta nel suolo della terra, è senza bellezza apparente, non ha forme regolari, tuttavia è la parte più essenziale per la vita e la sopravvivenza di una pianta. Essa vuol significare una generazione o una discendenza. Questo titolo, infatti, lega il Salvatore alla stirpe di Davide, figlio di Iesse. La dinastia davidica ha lo scopo di mantenere viva la fede del popolo di Dio nelle promesse del suo Signore. La speranza rimarrà salda pur in una situazione di estrema afflizione, come fanno capire i canti del servo piagato e sofferente.

Le nazioni rimangono meravigliate perché Egli stenderà la mano che riscatterà il popolo e farà conoscere il suo nome. Questa speranza deve spuntare anche nelle nostre vite, spesso segnate dall’aridità dei giorni quotidiani, dalla paura di non farcela, dalla solitudine, dalla fragilità che rende buio il nostro orizzonte.

“Chi o che cosa – è radice profonda nella mia esistenza? È Dio la mia sapienza-sapore, il mio liberatore, il mio fondamento?” si chiede p. Stefano. È necessario, allora, purificare le radici che Dio ha immerso dentro il nostro cuore: una buona confessione ci permetterà di rinnovare la nostra appartenenza a Lui e trasformerà le nostre tenebre in luce. Se lo lasceremo agire, avverrà una vera liberazione, sperimenteremo che in noi maturerà la capacità di sottomettere le nostre tristezze, il nostro egoismo, il nostro pensare e agire incostante per vivere finalmente in comunione profonda.

Invochiamo, allora, con il cuore colmo di desiderio: “Maranathà, vieni Signore Gesù!” Lui fin d’ora ci risponde: “Verrò presto!



Antifone maggiori Avvento Gesù Natale O Radix Jesse Porziuncola Settenario Stefano Cogoni

Articoli correlati

14 Giu 2021

Il chicco di grano fruttificato in Sant’Antonio

Celebrazione presieduta da p. Fortunato Iozzelli della Provincia Toscana di San Francesco Stimmatizzato
14 Giu 2021

Chiara Corbella, meraviglia della Grazia di Dio!

Omelia di p. Francesco Piloni nella Celebrazione del IX anniversario della nascita al cielo della Serva di Dio Chiara Corbella
12 Giu 2021

In cammino con le famiglie

Programma delle attività estive proposte dalla fraternità “Giovanni Paolo II - Pastorale con le famiglie”
11 Giu 2021

San Giuseppe, custode del Verbo di Dio

II serata degli incontri “Nella bottega di Giuseppe”
10 Giu 2021

Ordinazione presbiterale di fra Antonio e fra Emanuele

Sabato 26 giugno alle 16.00 nella Basilica di Santa Maria degli Angeli
09 Giu 2021

800 anni dall’incontro tra san Francesco e sant’Antonio di Padova

Domenica 13 giugno alle 11.30 in Porziuncola solenne celebrazione eucaristica presieduta da p. Fortunato Iozzelli OFM
07 Giu 2021

Triduo di Sant’Antonio da Padova a Terni

11-12-13 giugno presso la Chiesa di Sant’Antonio



  • 22 Mag 2021

    La notte dei santuari

    Martedì 1 giugno alle ore 20.30 alla Porziuncola e in comunione con tutti i santuari d’Italia