SS. TRINITÀ SOLENNITÀ (bianco)
domenica, 27 maggio 2018
Festa del Crocifisso di frate Innocenzo 04 Mag 2018

Rapisca Signore ti prego…

Era il 1637 quando fr. Ascanio da Assisi invitò un suo confratello siciliano, fr. Innocenzo da Petralia, a scolpire un crocifisso per la cappella laterale della chiesa di San Damiano. Il frate artista realizzò la sua opera in soli nove giorni di intenso lavoro, immerso in un clima di profonda devozione, e guidato dai testi della mistica santa Brigida di Svezia. Da allora, il crudo realismo della rappresentazione scultorea delle sofferenze del Cristo, e in modo speciale del volto, conquistò l’affetto e alimentò la pietà di molti, favorita dalla fama di alcuni miracoli. Si costituì poi una Pia Confraternita, i cui membri a tutt’oggi si impegnano a coltivare una speciale devozione a Gesù Crocifisso, che include l’annuale pellegrinaggio a San Damiano il 3 maggio.

Anche quest’anno la festa è stata preceduta da un triduo di preparazione. La meditazione vespertina di alcuni testi di Paolo e della Prima lettera di Pietro ci hanno aiutato a sostare dinanzi al Crocifisso, e a fissare in lui il nostro sguardo. Giovedì 3 maggio la Messa mattutina delle 7:30 è stata presieduta dal Guardiano, p. M. Reschiglian, che ha portato i saluti di S.E.R. mons. Domenico Sorrentino, impossibilitato a presiedere per un sopravvenuto inderogabile impegno. Lungo la giornata il santuario ha poi visto il pellegrinaggio di numerosi membri della confraternita. In serata, la Messa vespertina è stata presieduta dal Ministro Provinciale p. Claudio Durighetto.

Il Ministro, prendendo l’abbrivio da un ideale percorso tra alcuni dei crocifissi custoditi nel santuario, ci ha invitati ad imparare da san Francesco una preghiera contemplativa: soltanto lo stare davanti al Crocifisso, infatti, effondendo il nostro cuore e lasciandosi toccare dal suo Spirito, può accendere in noi il fuoco dell’amore, che conforma a Lui la nostra vita.

Quest’anno un riflesso di questo fuoco d’amore si è manifestato nella scelta missionaria del nostro confratello p. Pietro Mechelli, in partenza per la comunità internazionale di Istanbul: al termine della celebrazione il Ministro gli ha conferito il mandato missionario, consegnandogli il crocifisso, affidandolo alla preghiera della fraternità ed invitandolo ad essere annunciatore credibile del Vangelo in terra musulmana.



Claudio Durighetto Festa del Crocifisso Mandato Missione Omelia Pietro Mechelli San Damiano Turchia

Articoli correlati

26 Mag 2018

Lingue viventi capaci di proclamare la gioia e la speranza del Vangelo

Messaggio del CIME (Consiglio Internazionale per le Missioni e l’Evangelizzazione) ai Frati dell’Ordine
22 Mag 2018

Messa in suffragio di mons. Luigi Padovese nell’8° anniversario dalla morte

Mons. Bizzeti: «Essere vescovo in Turchia rafforza la mia fede»
20 Mag 2018

Dalla forza dello Spirito la fantasia dell’Amore

Celebrazione della Pentecoste nella Basilica di Santa Maria degli Angeli
06 Mag 2018

Dall’Amore, che è Dio, all’amore per i fratelli

Istituzione di sette accoliti nella Basilica della Porziuncola
30 Apr 2018

Il giudice bambino

Le sinopie dell’Oratorio di Santa Chiara a San Damiano
29 Apr 2018

Ad Assisi … chi cercate?

Migliaia di preadolescenti da Venezia e da Milano
21 Mag 2018

4° Master di Pastorale Vocazionale alla Porziuncola

Mentre i nostri frati si preparano ad accogliere i partecipanti alla terza settimana della corrente edizione del Master di Pastorale Vocazionale, che si terrà dal 4 all’8 giugno 2018 su “L’accompagnamento e il discernimento vocazionale”, comunichiamo il proseguimento di questa feconda iniziativa di condivisione che giunge, a partire dal...



  • 03 Mag 2018

    Essere figli nel Figlio

    Il cammino della filiazione a partire dal commento a “Le avventure di Pinocchio” del card. Biffi