VENERDÌ della I sett. di Quaresima Feria (viola)
venerdì, 26 febbraio 2021
Per lo Spirito Santo... presente fino alla fine del mondo 29 Ago 2017

Rimanete nel mio Amore

La ripugnanza di tanti esegeti e teologi ad accettare il carattere “espiatorio” della morte di Cristo, anzi ad accettare la stessa morte di Gesù come voluta dal Padre e accettata liberamente e da sempre dal Figlio dipende, io credo, dal fatto che si parte da ogni “precomprensione” possibile e immaginabile, eccetto quell’unica che la Scrittura ci offre, e cioè che Dio è amore e tutto quello che fa – incluso accettare la morte del Figlio – è amore.

“Dio non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per tutti noi” (Rm 8,32): questa frase non vuol dire: “Dio non ha risparmiato dalla sua giustizia neppure il Figlio”; vuol dire piuttosto: “Dio non si è risparmiato il proprio Figlio, ma ha fatto il grande sacrificio di darlo per tutti noi”. Se questo non è amore…

La storia dell’amore di Dio non termina, però, con la Pasqua; si prolunga nella Pentecoste che rende presente e operante “l’amore di Dio in Cristo Gesù” fino alla fine del mondo.

“Rimanete nel mio amore” (Gv 15,9), aveva detto Gesù e Giovanni aggiunge: “Da questo si conosce che noi rimaniamo in lui ed egli in noi: egli ci ha fatto dono del suo Spirito” (1Gv 4,13). Non siamo costretti a vivere solo del ricordo dell’amore di Dio, come di una cosa passata.

“L’amore di Dio è stato effuso nei nostri cuori mediante lo Spirito Santo che ci è stato donato” (Rm 5,5). Cos’è questo amore che è stato riversato nel nostro cuore nel battesimo?

È un sentimento di Dio per noi? Una sua benevola disposizione a nostro riguardo? Un’inclinazione?

Qualcosa, cioè, di intenzionale? È molto di più; è qualcosa di reale. È, alla lettera, l’amore di Dio, cioè l’amore che circola nella Trinità tra Padre e Figlio e che nell’incarnazione ha assunto una forma umana e ora viene partecipato a noi sotto forma di “inabitazione”.

“Il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui” (Gv 14,23). Noi diventiamo “partecipi della natura divina” (2Pt 1,4), cioè partecipi dell’amore divino.

Veniamo a trovarci per grazia, spiega san Giovanni della Croce, dentro il vortice d’amore che passa da sempre, nella Trinità, tra il Padre e il Figlio; meglio ancora: tra il vortice di amore che passa ora, in cielo, tra il Padre e il suo Figlio suo Gesù Cristo, risorto da morte, di cui noi siamo le membra.



Amore Croce Pasqua Pentecoste Salvezza San Giovanni della Croce

Articoli correlati

20 Feb 2021

Non c'è amore più grande

Itinerario quaresimale online per coppie di fidanzati e di sposi
24 Nov 2020

La Parola di Dio, luce sull'amore umano

Corso fidanzati online per continuare a costruire la casa sulla roccia
23 Nov 2020

Lo specifico del cristiano

Amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori
03 Ott 2020

Le ferite della fraternità ci insegnano le sofferenze dell’amore

Meditazione conclusiva del Triduo in preparazione al Transito di San Francesco
01 Ago 2020

Dio trae il bene dal male che c'è in noi

Terza meditazione del Triduo in preparazione alla Solennità del Perdono di Assisi
31 Lug 2020

Ritrovare il volto paterno di Dio

Seconda meditazione del Triduo in preparazione alla Solennità del Perdono di Assisi
25 Feb 2021

La donna dell'unzione: figura della donazione totale del Signore

Prima catechesi quaresimale di p. Giulio Michelini alla Porziuncola