mercoledì, 06 luglio 2022
Quarta catechesi quaresimale alla Porziuncola 16 Mar 2021

Rinnegare se stessi per essere toccati dalla grazia

La scena protagonista della quarta catechesi quaresimale di p. Giulio Michelini nella Basilica di Santa Maria degli Angeli è quella definita del rinnegamento di Pietro, ma in cui ha un ruolo determinante una donna anonima, una giovane serva. A differenza dei personaggi incontrati finora, essa però interviene per due volte con due importanti battute che innescano il dramma di Pietro.

Volendo valutare quello che ha fatto accusando Pietro, sono state proposte varie spiegazioni. Una prima possibilità è quella di vedere la serva in una funzione unicamente passiva, solo finalizzata a fare risaltare l’infedeltà di Pietro. In una seconda versione, essa svolge un ruolo che potremmo definire satanico cioè da accusatrice. L’interrogatorio di Gesù davanti al Sinedrio e quello di Pietro sono giustapposti, come se avvenissero contemporaneamente, ma mentre Gesù dice la verità, Pietro mente. La terza possibilità per inquadrare questa anonima è quella di vederla come una sorella che mette Pietro di fronte al suo errore, correggendolo secondo quella scansione descritta da Matteo nel capitolo XVIII, prima soli faccia a faccia, poi davanti a 2-3 testimoni.

Rileggendo la scena ponendosi nei panni di Pietro, si può notare come egli ha avuto paura ma è stato aiutato a riconoscere il suo errore da una persona da cui non si sarebbe aspettato di essere aiutato. Per la nostra salvezza, infatti, alcune parole che feriscono fanno emergere ciò che è vero. Se al momento sono dolorose e imbarazzanti è perché è difficile rinnegare se stessi. Pietro ha così preferito rinnegare il suo maestro non prestando attenzione nemmeno al canto del gallo che cercava di metterlo in guardia.

Se qualcuno ci aiuta a fare verità sulla nostra vita, fosse anche un avversario, è un bene. Perché ciò accada, però, non bastano le parole di una serva. Sono necessarie altre piccole condizioni come la fiducia nella misericordia di Dio. È poi necessario perdere la faccia rinnegando se stessi per continuare il cammino, come Pietro, toccato dalla grazia.



Catechesi Giulio Michelini Marco Passione Passione del Signore Porziuncola Quaresima

Articoli correlati

27 Giu 2022

Sacerdozio: dono e mistero

Ordinazioni presbiterali in Porziuncola
24 Giu 2022

“A San Pietroburgo come testimoni del Vangelo”

Le parole di fr. Iuri, parroco del Sacratissimo Cuore di Gesù
22 Giu 2022

La Santa Settimana in Ucraina: quando Dio ti dà un appuntamento!

Testimonianza di fr. Francesco Piloni
17 Giu 2022

Celebrazione del Corpus Domini in Porziuncola

Programma delle s.Messe
13 Giu 2022

“San Francesco ci ha cambiato la vita”

X anniversario della nascita al cielo della serva di Dio Chiara Corbella Petrillo
07 Giu 2022

Pellegrinaggio Francescano per Famiglie

2 percorsi attraverso i luoghi di Francesco e Chiara il 19-27 agosto
08 Giu 2022

«Non riesco a diventare mamma. Lo chiedo a Chiara su Facebook»

Ecco le richieste, anche via web, per la serva di Dio Corbella Petrillo, a 10 anni dalla morte