ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Sabato 2 aprile 2022 alle ore 16.30 all’abbazia di San Pietro in Assisi 28 Mar 2022

Rito della fratellanza

Anche quest’anno, sabato 2 aprile 2022 alle ore 16.30, si rinnoverà all’abbazia di San Pietro in Assisi un’antica tradizione riportata nelle Fonti Francescane: il rito della fratellanza. Secondo quanto riporta la Leggenda Perugina, Francesco vedendo accrescere il numero dei suoi discepoli si preoccupò di trovare un modesto luogo più adatto alla preghiera e al lavoro di tipo comunitario. Non potendo né il vescovo né i canonici di San Rufino soddisfare il desiderio, lo stesso si rivolse al monastero di San Benedetto al monte Subasio.

“Preso da compassione, l’abate tenne consiglio con i suoi confratelli sull’argomento e, per volontà del Signore, concesse a Francesco e ai suoi frati la chiesa di Santa Maria della Porziuncola, la più poverella che avevano […] L’abate e i monaci avevano concesso la chiesa a Francesco e ai suoi frati per pura generosità; ma il Santo da saggio ed esperto costruttore che vuole fondare la propria casa, cioè l’Ordine, sulla salda roccia della totale povertà, mandava ogni anno a quell’abate e ai monaci un canestro di piccoli pesci, chiamati lasche, in segno di grande umiltà e povertà, come ad attestare che i frati non avevano in proprietà nessun luogo e non intendevano dimorare in alcun posto che non fosse sotto il dominio altrui, e quindi non avessero facoltà di alienarlo. Quando dunque i frati portavano annualmente ai monaci quei pesciolini, i monaci in omaggio all’umiltà di Francesco che compiva quel gesto di sua spontanea volontà, ricambiavano il dono con una giara piena di olio”.

In stretta sintesi, dopo la distruzione del monastero di San Benedetto al monte Subasio (1339) la tradizione fu ripresa e portata avanti dai monaci dell’Abbazia di San Pietro in Assisi, con intuibili interruzioni determinate da varie circostanze. Per venire a tempi recenti, si rammenta che intorno alla metà del secolo scorso dom Anselmo Job (scomparso il 25 gennaio 1973) dapprima riceveva in dono dai frati i pesci e successivamente, soltanto quando l’olio appariva più limpido, consegnava loro una damigianetta da trenta litri trasportata con un “legnetto” fino al convento della Porziuncola.



Custode della Porziuncola Olio Pesci Porziuncola

Articoli correlati

24 Mag 2024

Solennità del Corpus Domini alla Porziuncola

Il Programma 2024 delle Celebrazioni liturgiche in Basilica
20 Mag 2024

Tra fede e bellezza, torna la Notte dei Santuari

Un'iniziativa promossa dal Collegamento nazionale dei Santuari italiani insieme all’Ufficio nazionale per la Pastorale del tempo libero, turismo e sport della Cei
17 Mag 2024

In cammino verso il Ben-Essere

A Umbertide, la seconda edizione della manifestazione: Sto coi frati e zappo l’orto. In cammino verso il Ben-Essere
10 Mag 2024

Un Giubileo tutto sulla Speranza

Papa Francesco emana la Bolla di indizione del Giubileo del 2025 Spes non confundit, la speranza non confonde
07 Mag 2024

OFS d’Italia: eletto il nuovo Consiglio nazionale. Luca Piras riconfermato presidente

Ad Assisi, il 4 Maggio, l’Ordine Francescano Secolare d’Italia ha eletto il suo nuovo Consiglio nazionale: a guidare la fraternità dei laici francescani saranno Luca Piras
03 Mag 2024

L’esperienza del Francescout

Sulle orme del Poverello di Assisi, alla sequela di Cristo, cercando di conoscere il segreto della sua gioia
23 Mar 2024

La Domenica delle Palme di Santa Chiara di Assisi

Abbracciare per amore di Cristo l’Altissima Povertà Santa Chiara Monastero Clarisse