ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
È avvenuto nella comunità luterana finlandese di Rauma 24 Gen 2018

San Francesco al centro di un incontro ecumenico

Nell’anno in cui ricorrono i 500 anni dall’inizio della Riforma protestante (95 tesi di Lutero) e dalla divisione definitiva dell’Ordine francescano (bolla papale Ite vos) gli amici finlandesi hanno offerto un gesto molto profetico. La comunità luterana di Rauma – una città che si trova a 250 km da Helsinki, direzione nordovest – ha invitato il sottoscritto a partecipare ad un incontro ecumenico sotto il profilo prettamente francescano.

Prima di descrivere l’esperienza che si è tenuta nei giorni 2-5 settembre 2017, vorrei presentare brevemente alcuni dati storici legati al francescanesimo in questa terra meno esplorata.

I figli di san Francesco nelle loro spedizioni missionarie tra il ‘200 e il ‘400 non trascurarono la lontana Scandinavia. Sul suolo finlandese, che all’epoca apparteneva alla corona svedese, i conventuali giunsero tra il ‘300 e il ‘400 e aprirono tre comunità con le chiese adiacenti. Di questa eredità francescana in Finlandia come unico testimone oggi è rimasta la chiesa di S. Croce a Rauma, costruita dai frati conventuali dalla metà del ‘400 fino al 1512 quando fu consacrata. Che cosa accade con i frati con l’arrivo della Riforma protestante in Finlandia? Secondo alcuni storici i frati furono allontanati da Rauma, però è anche possibile che qualcuno di loro – vista la solida preparazione teologica – sia rimasto, non più come sacerdote cattolico bensì come insegnante di varie materie.

C’è una cosa che contraddistingue Rauma in modo singolare: mentre in molti luoghi i seguaci di Lutero imbiancarono le pareti delle chiese cattoliche, la chiesa di S. Croce rimase intatta, e ciò permette ancora oggi ai turisti e ai pellegrini di poter ammirarvi i bellissimi affreschi del periodo francescano. Non meraviglia perciò se la chiesa, insieme agli altri monumenti caratteristici del centro storico di Rauma, è stata inserita nell’elenco dei patrimoni dell’Umanità dell’Unesco.

Torniamo al presente. La prima cosa che mi ha impressionato all’arrivo è stata una grande statua di san Francesco con l’iscrizione Pax et bonum davanti alla chiesa di S. Croce, e il crocifisso di San Damiano all’interno della chiesa, dono speciale dei conventuali della Lituania che avevano visitato Rauma negli anni ‘80.

Ma ancora di più ho potuto sperimentare l’amore verso san Francesco presso la gente stessa. Ci sono, ad esempio, tanti membri di un gruppo che assomiglia al nostro Ordine Francescano Secolare e che si ispirano alla spiritualità francescana.

Concretamente ci sono stati due momenti salienti della visita: la celebrazione eucaristica nella chiesa di S. Croce che ha dimostrato chiaramente il desiderio di camminare insieme come fratelli, luterani e cattolici. Mi sento molto onorato di aver potuto indirizzare all’assemblea una riflessione/omelia sulla Parola di Dio. Ma la cosa più bella è accaduta alla fine quando, insieme al pastore Taneli Ala-Opas (nella foto) tra l’altro mio carissimo amico, abbiamo impartito sui fedeli la comune benedizione e ci siamo recati in processione verso la statua di san Francesco.

Il giorno dopo è seguita una conferenza sulla spiritualità di san Francesco: abbiamo riflettuto su alcuni temi francescani che riguardano da vicino il nostro rapporto con Dio e con gli altri (povertà, obbedienza, conformazione a Cristo). Ricordo ancora alcune domande da parte dei parrocchiani che mi risuonano ancora oggi: che cosa è per me la preghiera, come vivere l’obbedienza nelle situazioni concrete, quali sono le dinamiche della vita quotidiana nell’Ordine francescano? In questa occasione ho portato loro in omaggio un’icona di san Francesco a nome di tutto il nostro Ordine. Qualche settimana dopo la visita mi hanno informato che l’icona ha trovato un posto speciale nella stessa chiesa.

In quei giorni mi sono chiesto più volte da dove viene tutto questo amore e ammirazione per san Francesco da parte della comunità luterana di Rauma. Qualcuno di loro addirittura mi ha espressamente detto che il Poverello di Assisi potrebbe essere una figura chiave nel dialogo fraterno tra le nostre Chiese. Anche se forse non c’è una risposta esaustiva a tale quesito, una cosa appare abbastanza chiara: l’autenticità e la radicalità evangelica del padre serafico parlano al cuore e interpellano la vita di tutti, sia dei cattolici che dei luterani e anche dei non-credenti.

Non sappiamo che cosa Dio sta progettando per il futuro. Sono sicuro che il dialogo tra le Chiese è benedetto quando passa per la via dell’amicizia e della simpatia. In questo senso sono fiducioso che la visita a Rauma non rimarrà soltanto un evento isolato del passato ma un momento di grazia voluto dal Signore che è aperto al presente e al futuro. Ho un profondo desiderio che qualsiasi tipo di legame tra la comunità di Rauma e il nostro Ordine francescano venga custodito e nutrito e sono certo che il Signore mostrerà il modo come farlo. Alla fine vorrei ringraziare la Curia generale per avermi concesso la possibilità di questa visita ecumenica e anche la comunità luterana di Rauma, in modo particolare Taneli Ala-Opas, per l’invito così particolare. Mi accompagnano le sue parole che ha scritto qualche giorno dopo l’incontro: “Se per 500 anni abbiamo imparato a camminare separatamente, quest’incontro ha dato la speranza che forse adesso possiamo davvero camminare insieme”.

di Igor Salmic OFMConv, docente di Storia della Chiesa
per “San Bonaventura informa“ (Dicembre 2017)



Cristiani Ecumenismo Finlandia Igor Salmic Luterani San Francesco SBi

Articoli correlati

17 Mag 2024

In cammino verso il Ben-Essere

A Umbertide, la seconda edizione della manifestazione: Sto coi frati e zappo l’orto. In cammino verso il Ben-Essere
29 Apr 2024

Un “invasione” di gioia

Ad Assisi più di mille ragazzi della Diocesi di Milano in pellegrinaggio sui passi di San Francesco e del Beato Carlo Acutis
23 Mar 2024

La Domenica delle Palme di Santa Chiara di Assisi

Abbracciare per amore di Cristo l’Altissima Povertà
11 Mar 2024

Verrà risolto l'enigma?

Diamo conto del trasferimento e dell'allestimento di due preziosissime opere del Museo Porziuncola migrate per una mostra a Perugia
04 Mar 2024

Cimabue ritorna

Parliamo del famoso San Francesco d’Assisi dipinto su tavola del Cimabue.
22 Feb 2024

Francesco, il Somigliante

Primo appuntamento del ciclo di Predicazioni quaresimali alla Porziuncola
23 Mag 2024

Carlo Acutis presto santo!

Oggi, 23 maggio 2024, Papa Francesco ha promulgato il Decreto in cui è attribuito un miracolo all'intercessione del Beato Carlo