VENERDÌ della I sett. di Quaresima Feria (viola)
venerdì, 26 febbraio 2021
Il dono dell’amica Frate Jacopa 25 Gen 2021

San Francesco e la sua passione per i biscotti

Vogliamo narrare uno degli episodi più belli (ma anche meno conosciuti) della vita del Santo di Assisi.

Francesco, che doveva essere stato in gioventù piuttosto goloso, aveva poi vissuto una vita di penitenza durissima.

Ebbene, arriva alla soglia della morte e chiede a una gentil donna – Jacopa dei Settesoli, nobile romana – di portargli quei dolci per cui era ghiotto. Si tratta dei famosi “mostaccioli”, biscotti preparati con mandorle, miele e zucchero.

Così leggiamo nelle Fonti Francescane:

Quando Francesco sentì avvicinarsi la sua ultima ora, disse ad un frate di scrivere una lettera per Jacopa, per informarla della sua morte imminente e chiedendole di raggiungerlo alla Porziuncola, recandogli una veste per la sepoltura e candele per il funerale:

A donna Jacopa, serva dell’Altissimo, frate Francesco, poverello di Cristo, augura salute nel Signore e comunione nello Spirito Santo. Sappi, carissima, che il Signore benedetto mi ha fatto la grazia di rivelarmi che è ormai prossima la fine della mia vita. Perciò, se vuoi trovarmi ancora vivo, appena ricevuta questa lettera, affrettati a venire a santa Maria degli Angeli. Poiché se giungerai più tardi di sabato, non mi potrai vedere vivo. E porta con te un panno di colore cenerino per avvolgere il mio corpo e i ceri per la sepoltura”.

Alla fine della lettera, poi, esprimeva un desiderio: “Ti prego anche di portarmi quei dolci, che tu eri solita darmi quando mi trovavo malato a Roma”. È evidente che, in quelle condizioni penose, li avrà appena toccati. E allora perché quell’ennesima… “sceneggiata”? Chissà. Forse per sottolineare che l’incontro con sorella morte è un momento di festa. Forse per un gesto estremo di povertà: prendere le distanze perfino da tutta una vita di penitenza demitizzandola, forse pensando ai tanti estremisti un po’ fanatici, che spesso rischiavano di fissarsi con la penitenza fine a se stessa.

Mentre era solo una via per imitare Cristo.

Photo credits: congerdesign da Pixabay 



Fonti Francescane Frate Jacopa Mostaccioli Penitenza San Francesco

Articoli correlati

08 Feb 2021

E tutti gli uccelli si levarono in aria…

Francesco e la predica agli uccelli
31 Dic 2020

La Pace secondo san Francesco

La libertà dell’apertura al prossimo
18 Nov 2020

Francesco non nacque santo!

Una umanità riconciliata e orientata al bene
02 Nov 2020

Indulgenza plenaria per tutto il mese di novembre a chi, anche mentalmente, visita un cimitero

Decreto della Pentenzieria Apostolica per commemorare i defunti in questo tempo di pandemia
29 Ott 2020

Il fascino delle origini

L’eremo di Monteluco
22 Ott 2020

La Pace nella riconciliazione con Dio e tra gli uomini

Discorso di San Giovanni Paolo II dalla Porziuncola
08 Feb 2021

E tutti gli uccelli si levarono in aria…

La predica agli uccelli è uno degli episodi più famosi della vita di San Francesco; uno di quei racconti che si ascoltano fin da bambini e che poi, inevitabilmente, entrano a far parte dell’immaginario collettivo