MERCOLEDÌ della XII sett. del T.O. Feria (verde)
mercoledì, 26 giugno 2019
sr. Chiara Laura Serboli nuova Abbadessa delle Clarisse di Camerino 20 Mar 2019

“Santa unità e scambievole carità”

Si è concluso ieri il Capitolo elettivo delle Sorelle Clarisse del monastero di Camerino a sei mesi dal loro rientro in monastero dopo i lavori successivi al terremoto.

La nuova Madre Abbadessa è sr. Chiara Laura Serboli, la Vicaria sr. Laura Cristiana Girometti e la Discreta sr. Chiara Viktoriya Rak.

“Mentre condividiamo con voi tutti l’esito del capitolo elettivo  della nostra fraternità – queste le parole della nuova Abbadessa – ci affidiamo alla vostra preghiera perché possiamo raccogliere la chiamata del Signore ad essere madri e sorelle le une delle altre, nell’ascolto della sua Parola e nell’accoglienza semplice di quanti bussano alla porta della nostra preghiera”.

Chi volesse sostenere in qualche modo le Sorelle nell'opera di ricostruzione e sostegno, può contattarle a questi indirizzi: clarissecamerino@tiscali.it  info@clarissecamerino.it



Abbadessa Aiuto Camerino Capitolo Clarisse

Articoli correlati

21 Giu 2019

Assisi-Rwanda andata e ritorno

Testimonianza e progetti missionari in Rwanda
08 Giu 2019

Papa Francesco a Camerino sotto il manto di Maria, come santa Camilla Battista da Varano

Il 16 giugno la visita del Santo Padre a Camerino
07 Giu 2019

Grate a Dio e a voi, carissimi frati!

Un lieto pomeriggio al monastero perugino delle Clarisse di S. Erminio
04 Giu 2019

Segni di speranza dal Rwanda,perché il bene cresca e rimanga

Sostegno ai progetti missionari dei frati minori in Africa
31 Mag 2019

È tempo di…dialogo!

I frati Under Ten della Provincia dei Frati Minori dell’Umbria in Assemblea in vista di Taizé 2019
25 Giu 2019

Vita e miracoli di Santa Rosa da Viterbo

Questo volume presenta l’edizione della Vita et miracula di Rosa da Viterbo così come si legge nel verbale del processo di canonizzazione indetto nel 1456 da papa Callisto III, detto perciò “callistiano”, e svoltosi nella città toscana tra il marzo e il luglio 1457, due secoli dopo la morte della Vergine viterbese.