Rifluisca nei nostri cuori per opera dello Spirito Santo 11 Mag 2021

Solo l’Amore guarisce

Quando si parla della carità negli scritti apostolici, non se ne parla mai in astratto, in modo generico.

Lo sfondo è sempre l’edificazione della comunità cristiana.

In altre parole, il primo ambito di esercizio della carità deve essere la comunità in cui si vive, le persone con cui si hanno relazioni quotidiane.

La Chiesa ha urgente bisogno di una vampata di carità che risani le sue fratture e le sue ferite.

In un suo discorso Paolo VI diceva: “La Chiesa ha bisogno di sentire rifluire per tutte le sue umane facoltà l’onda dell’amore, di quell’amore che si chiama carità, e che appunto è diffusa nei nostri cuori proprio dallo Spirito Santo che a noi è stato dato”.

Solo l’amore guarisce. È l’olio del samaritano.

Olio anche perché deve galleggiare al di sopra di tutto come fa l’olio rispetto ai liquidi. “Al di sopra di tutto vi sia la carità che è il vincolo della perfezione” (Col 3,14). Al di sopra di tutto! Dunque anche della fede e della speranza, della disciplina, dell’autorità, anche se, evidentemente, la stessa disciplina e autorità può essere un’espressione della carità.

Un ambito importante su cui lavorare è quello dei giudizi reciproci. Paolo scriveva ai Romani: “Perché giudichi il tuo fratello? Perché disprezzi il tuo fratello?… Cessiamo dunque dal giudicarci gli uni gli altri” (Rm 14,10.13). Prima di lui Gesù aveva detto: “Non giudicate, per non essere giudicati. Perché osservi la pagliuzza nell’occhio del tuo fratello, mentre non ti accorgi della trave che hai nel tuo occhio?” (Mt 7,1-3).

Paragona il peccato del prossimo, qualunque esso sia, a una pagliuzza, in confronto al peccato di colui che giudica che è una trave. La trave è il fatto stesso di giudicare, tanto esso è grave agli occhi di Dio.Il discorso sui giudizi è certamente delicato e complesso e non si può lasciare a metà, senza che appaia subito poco realistico. Come si fa, infatti, a vivere del tutto senza giudicare? Il giudizio è implicito in noi perfino in uno sguardo.

Non possiamo osservare, ascoltare, vivere, senza dare delle valutazioni, cioè senza giudicare. Un genitore, un superiore, un confessore, un giudice, chiunque ha una qualche responsabilità su altri, deve giudicare. Difatti, non è tanto il giudizio che si deve togliere dal nostro cuore, quanto il veleno dal nostro giudizio! Cioè l’astio, la condanna.

Nella redazione di Luca, il comando di Gesù: “Non giudicate e non sarete giudicati” è seguito immediatamente, come per esplicitare il senso di queste parole, dal comando: “Non condannate e non sarete condannati” (Lc 6,37). Per sé, il giudicare è un’azione neutrale, il giudizio può terminare sia in condanna che in assoluzione e in giustificazione.

Sono i giudizi negativi che vengono ripresi e banditi dalla parola di Dio, quelli che insieme con il peccato condannano anche il peccatore, quelli che mirano più alla punizione che alla correzione del fratello. Un altro punto qualificante della carità sincera è la stima: “Gareggiate nello stimarvi a vicenda” (Rm 12,10). Per stimare il fratello, bisogna non stimare troppo se stessi, non essere sempre sicuri di sé; bisogna – dice l’Apostolo – “non farsi un’idea troppo alta di se stessi”.

Chi ha un’idea troppo alta di se stesso è come un uomo che, di notte, tiene davanti agli occhi una fonte di luce intensa: non riesce a vedere nient’altro al di là di essa; non riesce a vedere le luci dei fratelli, i loro pregi e i loro valori.“Minimizzare” deve diventare il nostro verbo preferito, nei rapporti con gli altri: minimizzare i nostri pregi e i difetti altrui. Non minimizzare i nostri difetti e i pregi altrui, come, invece, siamo portati a fare spesso, che è la cosa diametralmente opposta!

San Giacomo ammonisce: “Non sparlate gli uni degli altri” (Gc 4,11). Il pettegolezzo oggi ha cambiato nome, si chiama gossip. Sembra diventato una cosa innocente, invece è una delle cose che più inquinano il vivere insieme. Non basta non sparlare degli altri; bisogna anche impedire che altri lo facciano in nostra presenza, far loro capire, magari silenziosamente, che non si è d’accordo.

Che aria diversa si respira in un ambiente quando si prende sul serio l’ammonizione di san Giacomo!

Photo credit: Aaron Burden da Unsplash



Amore Buon samaritano Carità Guarigione Paolo VI Salvezza

Articoli correlati

20 Feb 2021

Non c'è amore più grande

Itinerario quaresimale online per coppie di fidanzati e di sposi
17 Feb 2021

Quaresima: tempo per rinnovare fede, speranza e carità

Messaggio di Papa Francesco per la Quaresima 2021
24 Nov 2020

La Parola di Dio, luce sull'amore umano

Corso fidanzati online per continuare a costruire la casa sulla roccia
23 Nov 2020

Lo specifico del cristiano

Amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori
16 Set 2020

La Verna, monte dell'incontro con Dio

Da secoli è fonte di vita
01 Ago 2020

Dio trae il bene dal male che c'è in noi

Terza meditazione del Triduo in preparazione alla Solennità del Perdono di Assisi
07 Giu 2021

Triduo di Sant’Antonio da Padova a Terni

11-12-13 giugno presso la Chiesa di Sant’Antonio



  • 22 Mag 2021

    La notte dei santuari

    Martedì 1 giugno alle ore 20.30 alla Porziuncola e in comunione con tutti i santuari d’Italia