mercoledì, 06 luglio 2022
La fede operosa di Angela Polselli, Rosa d'argento 2020 03 Ott 2020

Testimone di una fede che si fa servizio

Anche quest’anno la Festa di san Francesco ci raggiunge invitandoci alla conversione e alla gioia vera, in un momento tanto difficile per il mondo intero come è l’emergenza Covid-19 ancora in corso. Nonostante le restrizioni inevitabili causate dal distanziamento sociale le celebrazioni si sono svolte ugualmente dando un segno di speranza all’Italia e al mondo intero.

La giornata è cominciata alle h. 9.30, con la presentazione del riconoscimento “Rosa d’argento” alla sig.ra Angela Polselli nel refettorietto del Convento Porziuncola. Ormai da diversi anni i frati della Porziuncola e il comune di Marino ricordano l’amicizia che legava san Francesco e la nobildonna Jacopa dei Settesoli conferendo un premio ad una donna che si distingue per il suo servizio di carità nel territorio della regione che offre l’olio per le lampade, quest’anno le Marche. Dal 1999 la sig.ra Angela lavora come coordinatrice presso la casa di riposo “casa padre Damiani” della Diocesi di Pesaro. Il suo impegno nella sfera del volontariato a livello locale ed internazionale si distingue per sensibilità ed operosità. Aiutata e sostenuta da un'autentica spiritualità francescana, vive la sua missione di laica impegnata con semplicità e grande generosità.

Alle h. 11.00, si è svolta in Basilica la solenne concelebrazione cucaristica “nel Transito di San Francesco”, presieduta da P. Francesco Piloni, Ministro provinciale dei Frati Minori di Umbria-Sardegna. 

P. Francesco nell’omelia ha invitato a pregare Francesco, ad affidarci a lui, ad affidare l’Italia e il mondo intero perché questo vuol dire lasciarci provocare verso un desiderio profondo di rinnovamento interiore ed esteriore. I santi sono amici nostri perché suscitano desideri santi, non tanto per fare come loro, ma per seguire la nostra strada secondo la volontà di Dio.

Per l’uomo è drammatico perdere l’orientamento, non capire perché si gioisce e si soffre in una vota sempre più superficiale e virtuale. Si perdono le tracce del Risorto e si smette di vivere davvero, di imparare dalla vita, volendo tutto e subito, criticando e basta, i santi ci indicano che bisogna ripartire dalla relazione con Dio per fare la nostra parte.

Al termine della celebrazione sono stati consegnati al provinciale il panno cenerino, i ceri, i mostaccioli e l’incenso, i doni che frate Jacopa portò a san Francesco morente come segno di amicizia e di conforto.

Con la consegna a fare la nostra parte che san Francesco fece ai suoi frati prima di morire, vogliamo augurarvi una buona festa di san Francesco chiedendo al Signore di poter vivere pienamente la nostra vita spendendola per il Signore e per i fratelli: morire consumati per amore, ecco cosa ci insegna il Transito di san Francesco!



COVID-19 Francesco Piloni Porziuncola Rosa d’Argento San Francesco Transito di San Francesco

Articoli correlati

01 Lug 2022

Chiara e Francesco d’Assisi

“L’amore di Dio rende felici”
27 Giu 2022

Sacerdozio: dono e mistero

Ordinazioni presbiterali in Porziuncola
24 Giu 2022

“A San Pietroburgo come testimoni del Vangelo”

Le parole di fr. Iuri, parroco del Sacratissimo Cuore di Gesù
22 Giu 2022

Festa del Voto 2022

Programma delle celebrazioni e degli eventi ad Assisi
22 Giu 2022

La Santa Settimana in Ucraina: quando Dio ti dà un appuntamento!

Testimonianza di fr. Francesco Piloni
27 Giu 2022

Sacerdozio: dono e mistero

Ordinazioni presbiterali in Porziuncola